Vendite di alcol in calo in tutto il mondo, nonostante il crescente numero di alcol consumato in casa

IWSR Drinks Market Analysis, una società globale che monitora le vendite di alcolici, ha detto martedì che prevede “cali a due cifre” quest’anno a causa della stretta chiusura globale di viaggi, ristoranti, bar e eventi live per impedire la diffusione di Covid-19. La società ha dichiarato che le vendite globali caleranno del 12% quest’anno, rispetto alla modesta crescita dello 0,1% che ha avuto l’anno scorso.

Mark Meek, CEO di IWSR, ha dichiarato che la recessione a seguito della crisi finanziaria del 2008 è stata “meno grave di quello che stiamo vedendo ora” e che il 2019 è stato “l’ultimo” anno “normale per l’industria per qualche tempo tempo. La società spera che ci vorrà almeno fino al 2024 per raggiungere i livelli di vendita pre-pandemici, ha affermato Meek.

Il coronavirus è stato un vantaggio per parti dell’industria dell’alcool. La società di ricerche di marketing Nielsen ha dichiarato la scorsa settimana che le vendite totali di alcol nei negozi negli Stati Uniti sono aumentate del 26,5% tra metà marzo e metà maggio rispetto allo stesso periodo un un anno prima. Tuttavia, ciò non è sufficiente per compensare le perdite nel settore dovute alla chiusura di ristoranti, bar ed eventi come sport e festival.

Anche i viaggi al dettaglio, una parte stimata del settore di $ 10 miliardi che consiste nella vendita di alcolici durante voli, crociere e negozi duty-free, sono stati particolarmente difficili a causa delle restrizioni di viaggio e cancellazioni, ha detto l’IWSR.

“Come molte altre industrie, è sorprendente come alcuni mesi di preclusione si traducano in diversi anni di recupero, ma bere alcolici si è dimostrato straordinariamente resistente nelle precedenti flessioni e non dovrebbe essere diverso”. disse Meek.

In particolare, la birra rimbalzerà più velocemente degli alcolici e del vino grazie al suo prezzo più conveniente. Nel complesso, tuttavia, l’IWSR ha dichiarato che le vendite di birra saranno supportate da birre analcoliche (ovvero prodotti come Heineken 0.0) poiché le persone si rivolgono a alternative sane senza postumi di una sbornia .
I cocktail in scatola pronti da bere, incluso il seltzer duro, aumenteranno probabilmente del 7% nei prossimi cinque anni in tutto il mondo. Gran parte della crescita proviene dagli Stati Uniti, dove i marchi di soda potenziati come White Claw e Davvero continuano a essere venditori caldi in parte a causa delle loro basse calorie.
Un altro punto positivo è il commercio elettronico, poiché le persone stanno sviluppando una nuova abitudine di far consegnare l’alcol limitando il contatto umano. L’IWSR ha affermato che la quota del settore di $ 21 miliardi dovrebbe essere “una buona notizia per i marchi alle prese con le sfide di oggi”.

source–>https://www.cnn.com/2020/05/26/business/alcohol-sales-coronavirus-iwsr-report/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *