Verifica dei fatti: Trump afferma erroneamente che alcuni stati non hanno “ problemi ” con il coronavirus

Trump ha anche ripetuto la sua errata proposta di avere il potere di decidere quando i governatori avrebbero revocato le loro restrizioni legate alla pandemia. E ha sostenuto che “la gente avrebbe dovuto parlarci” del virus, omettendo il fatto che ha continuato a minimizzare il virus per settimane dopo gli avvertimenti pubblici.

Abbiamo verificato questi articoli di seguito.

Come parte della raccomandazione in tre fasi dell’amministrazione per la riapertura del paese, Trump ha affermato che alcuni Stati potrebbero essere pronti ad entrare nella prima fase del processo di riapertura già venerdì perché, per quanto riguarda il coronavirus, “hai stati senza problemi.” Ha aggiunto che alcuni stati sono “al punto in cui non c’è quasi nulla” in termini di casi di coronavirus, e che “hai stati con pochi casi e questi alcuni casi si sono ripresi “.

I fatti prima di tutto: Non è vero che alcuni stati attualmente non hanno “nessun problema” con il coronavirus. Al momento del discorso del Presidente, ciascuno dei 50 Stati aveva più di 200 casi confermati e 41 Stati avevano più di 1.000 casi confermati. Non ci sono dati definitivi stato per stato sul numero di persone infette che si sono riprese.

Il Wyoming, che ha il minor numero di casi tra tutti gli stati, ha riportato 288 casi. Mentre Trump è restio a nominare quali stati specifici potrebbero essere i primi a riaprire, nessuno di loro ha quasi zero casi, secondo l’ultimo. I dati dalla Johns Hopkins University. Inoltre, i problemi di test sollevati preoccupazioni poiché i casi o le morti sono sottostimati, è quindi difficile conoscere l’accuratezza dei dati esistenti.
Trump ha avanzato false affermazioni simili nei precedenti briefing. Ai primi di aprile mi ha detto che alcuni stati, in particolare quelli che non hanno un ordine di residenza, “non erano in pericolo” o minacciati dal coronavirus. Il numero di casi di coronavirus in tutti questi stati ad eccezione del Wyoming è da allora più che raddoppiato, sebbene due di essi – Wyoming e North Dakota – rimangano tra i cinque stati con il minor numero di casi .

Poteri del presidente

Trump ha detto ai governatori dello stato: “Se vogliono rimanere chiusi, permettiamo loro di farlo. E se credono che sia tempo di riaprire, daremo loro la libertà e il consiglio di cui hanno bisogno per raggiungere questo obiettivo. compito, e molto, molto rapidamente., a seconda di cosa vogliono fare “.

READ  Una donazione anonima di $ 1 milione offre bonus agli operatori ospedalieri che combattono il coronavirus

I fatti prima di tutto: I governatori statali hanno già il potere di decidere che dovrebbero mantenere le loro restrizioni contro i coronavirus, affermano gli avvocati. Non spetta al Presidente “consentire loro di farlo”.

Il commento di Trump era simile al suo Dichiarazione del martedì che ha “autorizzato” i governatori a revocare le loro restrizioni a loro piacimento. Gli esperti affermano che i governatori hanno un’autorità costituzionale di lunga data sulle questioni di salute pubblica e non hanno bisogno del permesso del Presidente per attuare o mantenere chiusure legate a una pandemia.
Trump non ha ripetuto il suo Denuncia Lunedi che ha l’autorità “totale” sulle restrizioni statali o sulle sue Denuncia di mercoledì “abbiamo il diritto di fare ciò che vogliamo”. Ma ha sempre implicitamente suggerito di avere un potere che non ha.
Puoi leggere un lungo controllo dei fatti su questo qua.

Le persone avrebbero dovuto dircelo

Il presidente ha ribadito la sua frustrazione per il fatto che gli avvertimenti sul coronavirus “avrebbero dovuto comunicarci molto prima”.

“Ero arrabbiato perché avrebbe dovuto dircelo. Avrebbe dovuto dircelo presto. Avrebbe dovuto dircelo molto prima”, ha detto Trump. “La gente sapeva che stava succedendo e la gente non voleva parlarne. Non so perché. Ma arriveremo al fondo di questo.”

Quando gli è stato chiesto se voleva parlare della Cina, Trump ha deviato, “Non sto dicendo nulla. Sto dicendo che la gente avrebbe dovuto parlarcene. Avrebbero dovuto dirlo anche al resto del mondo”.

I fatti prima di tutto: Trump non è entrato nei dettagli su chi si sta riferendo qui, ma i commenti di Trump sono fuorvianti poiché ignorano i ripetuti avvertimenti che Trump ha ricevuto da fonti, tra cui l’Organizzazione mondiale della sanità, la comunità dei servizi segreti Americani e persino i suoi stessi consulenti. E sebbene l’OMS abbia affrontato la propria parte di critiche per la sua risposta al coronavirus (e ci sono anche domande legittime sulla gestione della pandemia da parte della Cina), va notato che Trump ha continuato a minimizzare la pandemia anche dopo che tali avvertimenti sono stati chiariti.

Per il contesto: un giorno dopo l’Organizzazione mondiale della sanità dichiarato l’epidemia di coronavirus ha “emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale,“l’amministrazione Trump sconosciuti bloccati che hanno visitato la Cina per entrare nel paese.
Ma Trump continua minimizzare la gravità della malattia, confrontandola con l’influenza quasi un mese dopo. il briefing sul coronavirus il 26 febbraio, Trump ha fatto tutti i seguenti commenti: “È un’influenza. È come un’influenza”; “Ora lo stai trattando come l’influenza”; “È un po ‘come l’influenza regolare per la quale facciamo il vaccino antinfluenzale. E in pratica avremo un vaccino antinfluenzale abbastanza presto.”
UNA Indagine del New York Times anche nella risposta al coronavirus dell’amministrazione Trump fondare che Trump ha ripetutamente ignorato gli avvertimenti dei migliori consiglieri sanitari sulla diffusione della malattia mortale.
Puoi leggere di più sulle affermazioni di Trump secondo cui non era chiaro quanto fosse contagioso il coronavirus quae ancora di più sulla falsa affermazione di Trump che la crisi pandemica fosse “imprevista” qua.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/QzJaICC6AgA/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *