Vietnam: come questo paese di 95 milioni di abitanti ha mantenuto il numero di morti per coronavirus pari a zero

Per gli scettici, le cifre ufficiali per il Vietnam potrebbero sembrare troppo belle per essere vere. Guy Thwaites, un medico specializzato in malattie infettive che lavora in uno dei principali ospedali designati dal governo vietnamita per curare i pazienti di Covid-19, ha affermato che le cifre corrispondono alla realtà sul campo.

“Vado al cinema ogni giorno, conosco i casi, so che non ci sono stati morti”, ha detto Thwaites, che dirige anche l’unità di ricerca clinica presso l’Università di Oxford. a Ho Chi Minh City.

“Se hai avuto una trasmissione comunitaria non dichiarata o non controllata, vedremo casi nel nostro ospedale, le persone che arrivano con infezioni polmonari potrebbero non essere diagnosticate – questo non è mai accaduto”, a- ha dichiarato.

Quindi, come ha apparentemente il Vietnam resistito alla tendenza globale e in gran parte sfuggito al flagello del coronavirus? La risposta, secondo gli esperti di sanità pubblica, risiede in una combinazione di fattori, dalla risposta rapida e rapida del governo per prevenirne la diffusione, al tracciamento e alla quarantena dei contatti rigorosi e alla comunicazione pubblica efficace.

Agisci presto

Il Vietnam iniziò a prepararsi per un’epidemia di coronavirus settimane prima che venisse rilevato il suo primo caso.

All’epoca, le autorità cinesi e l’Organizzazione mondiale della sanità avevano entrambe sostenuto che non vi erano “prove chiare” della trasmissione da uomo a uomo. Ma il Vietnam non stava rischiando.

“Non stavamo solo aspettando le linee guida dell’OMS. Abbiamo usato i dati raccolti dall’esterno e dall’interno (del Paese) per decidere di agire rapidamente”, ha affermato Pham Quang Thai, vicedirettore del dipartimento di controllo delle infezioni presso l’Istituto nazionale di igiene ed epidemiologia di Hanoi.

Inizio gennaio, screening della temperatura era già in atto per i passeggeri da Wuhan all’aeroporto internazionale di Hanoi. I viaggiatori trovati con la febbre erano isolati e attentamente monitorati, l’emittente nazionale del paese segnalati all’epoca.
A metà gennaio lo era il vice primo ministro Vu Duc Dam ordinato le agenzie governative devono adottare “misure drastiche” per prevenire la diffusione della malattia in Vietnam, rafforzando la quarantena medica alle porte di frontiera, negli aeroporti e nei porti marittimi.
Il 23 gennaio, il Vietnam ha confermato la sua primi due casi di coronavirus – un cittadino cinese che vive in Vietnam e suo padre, che avevano viaggiato da Wuhan per visitare suo figlio. Il giorno successivo, le autorità aeronautiche del Vietnam annullato tutti i voli da e per Wuhan.
Mentre il paese celebrava le festività del capodanno lunare, il primo ministro Nguyen Xuan Phuc dichiarò guerra al coronavirus. “Combattere questa epidemia è come combattere il nemico”, ha detto. disse in una riunione urgente del Partito comunista il 27 gennaio. Tre giorni dopo, ha istituito un comitato direttivo nazionale per il controllo delle epidemie – lo stesso giorno dell’OMS dichiarato coronavirus, un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale.
1 febbraio, Vietnam dichiarato un’epidemia nazionale – con solo sei casi confermati registrati in tutto il paese. Tutti i voli tra il Vietnam e la Cina furono sospesi, seguiti dalla sospensione dei visti per i cittadini cinesi il giorno successivo.
Durante il mese, restrizioni di viaggio, quarantene di arrivo e sospensioni di visto esteso nella misura in cui il coronavirus si è diffuso oltre la Cina in paesi come la Corea del Sud, l’Iran e l’Italia. Il Vietnam finalmente sospeso ingresso per tutti gli stranieri a fine marzo.
Un ufficiale dell'esercito popolare vietnamita si trova accanto a un segnale di avvertimento riguardante la preclusione del comune di Son Loi nella provincia di Vinh Phuc il 20 febbraio.
Il Vietnam ha anche rapidamente adottato misure di preclusione proattive. Il 12 febbraio Bloccato un’intera comunità rurale di 10.000 persone a nord di Hanoi per 20 giorni su sette casi di coronavirus – il primo blocco su larga scala conosciuto al di fuori della Cina. Scuole e università, che avrebbero dovuto riaprire a febbraio dopo le vacanze di Capodanno lunare, lo sono state ordinato rimangono chiusi e riaperti solo a maggio.

Thwaites, l’esperto di malattie infettive a Ho Chi Minh City, ha affermato che la rapida risposta del Vietnam è stata la ragione principale del suo successo.

“Le loro azioni alla fine di gennaio e all’inizio di febbraio erano molto più avanti di molti altri paesi. E questo è stato estremamente utile … in modo da poter mantenere il controllo”, ha detto.

Ricerca meticolosa di contatti

Le prime misure decisive hanno effettivamente frenato la trasmissione della comunità e limitato i casi confermati dal Vietnam al solo 16-13 febbraio. Per tre settimane non ci sono state nuove infezioni – fino a quando la seconda ondata non ha colpito a marzo, a causa del ritorno dei vietnamiti dall’estero.

Le autorità hanno tracciato rigorosamente i contatti dei pazienti confermati con coronavirus e li hanno messi in quarantena obbligatoria per due settimane.

“Abbiamo un sistema molto solido: 63 CDC provinciali (centri di controllo delle malattie), più di 700 CDC distrettuali e oltre 11.000 centri sanitari comuni. Tutti attribuiscono la traccia dei contatti”, ha affermato il dott. Pham dell’Istituto Nazionale. igiene ed epidemiologia.

Un paziente coronavirus confermato deve fornire alle autorità sanitarie un elenco completo di tutte le persone che ha incontrato negli ultimi 14 giorni. Le pubblicità vengono pubblicate sui giornali e trasmesse in televisione per informare il pubblico su dove e quando un paziente coronavirus ha visitato, invitando le persone a rivolgersi alle autorità sanitarie per i test se erano anche lì allo stesso tempo, disse Pham.

Una donna fa la fila per fornire un campione in un centro di prova improvvisato vicino all'ospedale Bach Mai di Hanoi il 31 marzo.

Quando l’ospedale Bach Mai di Hanoi, uno dei più grandi ospedali del Vietnam, è diventato un hotspot di coronavirus con decine di casi a marzo, le autorità hanno imposto un blocco istituzionale e hanno trovato quasi 100.000 persone collegate in ospedale, compresi medici, pazienti, visitatori e loro stretti contatti, secondo Pham.

“Usando la traccia dei contatti, abbiamo localizzato quasi tutti e abbiamo chiesto loro di rimanere a casa e mettere in quarantena (e) se avessero avuto sintomi, potevano visitare i centri sanitari per test gratuiti “, ha detto.

Anche le autorità testato più di 15.000 persone legate agli ospedali, tra cui 1.000 operatori sanitari.

Lo sforzo di tracciamento dei contatti del Vietnam è stato così meticoloso che affronta non solo il contatto diretto con una persona infetta, ma anche il contatto indiretto. “Questo è uno degli elementi unici della loro risposta. Non credo che nessun paese abbia messo in quarantena questo livello”, ha affermato Thwaites.

Tutti i contatti diretti sono stati messi in quarantena governativa in centri sanitari, hotel o campi militari. Ad alcuni contatti indiretti è stato ordinato di isolarsi a casa, secondo uno studia Vietnam Covid-19 misure di controllo di circa 20 esperti di sanità pubblica nel paese.
Un parrucchiere lungo la strada che indossa una maschera facciale fa un taglio di capelli a un cliente ad Hanoi.

Dal 1 ° maggio, circa 70.000 persone sono state messe in quarantena nei locali del governo vietnamita, mentre circa 140.000 sono state isolate in casa o in hotel, secondo lo studio.

Lo studio ha anche scoperto che, tra i primi 270 pazienti Covid-19 nel paese, il 43% era rappresentato da casi asintomatici, che ha sottolineato evidenziando il valore di una tracciabilità dei contatti e di una quarantena rigorose. Se le autorità non avessero cercato in modo proattivo persone a rischio di infezione, il virus avrebbe potuto diffondersi tranquillamente nelle comunità alcuni giorni prima di essere scoperto.

Comunicazione pubblica e propaganda

Fin dall’inizio, il governo vietnamita ha comunicato chiaramente al pubblico l’epidemia.

Sono stati creati siti Web dedicati, linee telefoniche e applicazioni telefoniche per informare il pubblico delle ultime situazioni epidemiche e consigli medici. Il Ministero della Salute ha inoltre inviato regolarmente promemoria ai cittadini tramite SMS.

Pham ha affermato che in una giornata intensa le sole linee telefoniche nazionali nazionali potrebbero ricevere 20.000 chiamate, senza contare le centinaia di linee telefoniche a livello provinciale e distrettuale.

Un poster di propaganda sulla prevenzione della diffusione del coronavirus è visibile su un muro mentre un uomo fuma una sigaretta in una strada di Hanoi.
Anche l’enorme apparato di propaganda del paese fu mobilitato, aumentare la consapevolezza dell’epidemia attraverso altoparlanti, manifesti stradali, stampa e social media. Alla fine di febbraio, il Ministero della Salute ha rilasciato un video clip accattivante basato su un tubo pop vietnamita per insegnare alle persone come lavarsi le mani correttamente e altre misure igieniche durante l’epidemia. Conosciuta come la “canzone del lavaggio delle mani”, divenne immediatamente virale, attirando più di 48 milioni visualizzazioni su Youtube.

Thwaites ha affermato che la vasta esperienza del Vietnam nella gestione delle epidemie di malattie infettive, come l’epidemia di SARS dal 2002 al 2003 e la seguente influenza aviaria, ha aiutato il governo e il pubblico a prepararsi meglio alla pandemia di Covid19.

“La popolazione è molto più rispettosa delle malattie infettive rispetto a molti paesi forse più ricchi o paesi che non vedono altrettante malattie infettive, ad esempio Europa, Regno Unito e Stati Uniti”, a- ha dichiarato.

“Il paese comprende che queste cose devono essere prese sul serio e sta seguendo le linee guida del governo su come prevenire la diffusione dell’infezione”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *