Wayne Rooney: giocatori usati come capri espiatori in seguito a tagli agli stipendi

Rooney, ora allenatore dei giocatori della seconda fila della Derby County, ha usato la sua rubrica sul Sunday Times per parlare a nome dei suoi colleghi professionisti, che secondo lui sono rimasti “senza uscita” nella crisi del coronavirus .

L’EPL offre una combinazione di riduzioni di stipendio e risconti che rappresentano il 30% dei salari, ma i colloqui di sabato tra la Professional Footballers Association (PFA), gli agenti dei giocatori e l’EPL si sono interrotti senza un accordo.

Dopo la teleconferenza, la PFA ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che il taglio dei salari proposto potrebbe costare al paese oltre 200 milioni di sterline ($ 245 milioni) di entrate fiscali perse se durasse per un anno.

“Avrebbe danneggiato il nostro Servizio sanitario nazionale e altri servizi finanziati dal governo”, ha affermato.

La scorsa settimana, il segretario alla salute britannico Matt Hancock ha preso di mira specificamente i lavoratori EPL chiedendo tagli alle retribuzioni, ma Rooney ha dichiarato che la pressione politica era ingiusta.

“Se il governo mi contattasse per aiutare finanziariamente gli infermieri o acquistare ventilatori, sarei orgoglioso di farlo – finché saprò dove stanno andando i soldi”, ha scritto.

Ha aggiunto: “Sono in un posto dove potrei rinunciare a qualcosa. Non tutti i calciatori sono nella stessa posizione. Eppure all’improvviso l’intera professione è stata messa sul posto con una richiesta di calo del 30% pagare in tutte le aree. I calciatori sono improvvisamente i capri espiatori?

“Il modo in cui sono passati gli ultimi giorni è un peccato.”

Le opinioni di Rooney rispecchiarono quelle dell’ex emittente internazionale inglese e della BBC Gary Lineker, che disse alla CNN che i giocatori erano “gettati sotto un autobus di pubbliche relazioni”.

READ  `` Niente da temere '' e `` è contenuto '': come i funzionari di Trump hanno minimizzato il coronavirus

“Tendiamo a provare i calciatori abbastanza facilmente”, ha detto.

“È un gioco facile. Sì, vengono pagati molti soldi, ma sono sicuro che vogliono aiutare.

Alcuni club inglesi della Premier League che vivono in & # 39; vuoto morale & # 39; nel mezzo di una pandemia di coronavirus

“Sono ancora molto bravi nelle comunità e sono sicuro che nei prossimi giorni i calciatori si alzeranno e saranno contati, riducendo i salari, o donando a enti di beneficenza o dipendenti che non lo fanno non giocare “.

Rooney teme che i colloqui in corso potrebbero non raggiungere una soluzione soddisfacente.

“Secondo me, questo è ora un vicolo cieco”, ha detto. “Qualunque sia il modo in cui lo guardi, siamo facili bersagli”, ha aggiunto.

Non è la prima volta che Rooney critica le autorità calcistiche durante la crisi del coronavirus, usando la sua rubrica per affermare che i giocatori sono stati usati come “cavie” prima che il programma EPL fosse interrotto due settimane fa.

Nel frattempo, Oliver Dowden, segretario di stato per il digitale, la cultura, i media e lo sport, ha parlato con i social media per esprimere preoccupazioni sulla situazione.

Ha twittato: “Preoccupato per la svolta dei colloqui di calcio stasera. La gente non vuole vedere le lotte interne nel nostro sport nazionale in tempi di crisi.

“Il calcio deve fare la sua parte per dimostrare che lo sport comprende le pressioni affrontate dal personale, dalle comunità e dai tifosi più pagati”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_football/~3/8fqD-673rjQ/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *