Wuhan sudafricani condannano l’evacuazione

Diversi paesi, tra cui Stati Uniti e Giappone, hanno espulso centinaia di cittadini dalla città.

Il sudafricano Pieter Viljoen, che ha viaggiato con un collega a Wuhan per una conferenza d’affari prima dell’inizio del blocco dei trasporti della città, ha affermato che le autorità sudafricane e la sua ambasciata a Pechino non avevano non ha fornito supporto o informazioni sui piani di rimpatrio.

Anche l’ambasciata sudafricana a Pechino ha rifiutato di aiutare quando la sua compagnia ha preso accordi privati ​​per assicurarsi un volo per portarli fuori dal paese e ha chiesto aiuto e documenti per iniziare il loro viaggio. processo di evacuazione, dice.

Viljoen ha affermato che dozzine di sudafricani catturati nel blocco della città si sono anche lamentati della mancanza di comunicazione del governo sudafricano in un gruppo WeChat creato per condividere informazioni sulla situazione.

Le compagnie aeree di tutto il mondo sospendono i voli verso la Cina mentre il coronavirus si diffonde

“Non riceviamo alcuna assistenza reale. L’unica informazione dell’Ambasciata del Sudafrica è che dobbiamo rispettare le autorità locali. Per quanto riguarda la partenza da Wuhan, non ci sono stati sforzi o comunicazioni per quanto riguarda l’evacuazione “, ha detto Viljoen.

Viljoen ha affermato di essere rimasto nel suo hotel, che è stato parzialmente chiuso da quando è stata introdotta la restrizione al movimento per aiutare a controllare la diffusione del virus mortale.

Supermercati e negozi di alimentari intorno al suo hotel nella zona della valle dell’Ottica di Wuhan stanno esaurendo le scorte, ha detto.

“Hai solo questi piccoli supermercati dove puoi procurarti il ​​cibo a causa della completa preclusione. Non puoi spostarti da un quartiere all’altro, quindi i rifornimenti non sono prontamente disponibili”, ha detto Viljoen alla CNN per telefono.

L’ambasciata sudafricana a Pechino ha rifiutato di commentare le accuse di Viljoen e ha inviato la richiesta di commento della CNN al Dipartimento per le relazioni internazionali e la cooperazione (DIRCO).

L’ambasciata ha chiuso il 26 gennaio per le festività del Capodanno lunare e le operazioni non sono riprese fino a giovedì, secondo DIRCO. I numeri di telefono di emergenza occupati dal personale dell’ambasciata erano disponibili per i cittadini che necessitavano di aiuto durante le vacanze, ha aggiunto il dipartimento.

Il portavoce del DIRCO Clayson Monyela ha detto alla CNN giovedì che il governo sudafricano e il suo ministero della salute stavano lavorando a tutte le richieste. Tuttavia, dovrebbero anche prendere in considerazione misure di viaggio e di quarantena imposte dalle autorità cinesi per prevenire la diffusione del virus.

READ  Marc e Alex Marquez: fratelli campioni del mondo sulla vita in isolamento

“Siamo consapevoli della loro difficile situazione e siamo pienamente consapevoli della necessità di velocità per aiutare i nostri cittadini a Wuhan. Stiamo collaborando con la missione di Pechino per vedere come possiamo reagire alla situazione nel contesto attuale” disse Monyela. .

Il partito di opposizione sudafricano, la Democratic Alliance (DA), che ha dichiarato di essere in contatto con oltre 100 sudafricani in Cina, ha invitato il ministero degli Esteri a porre rimedio alla “disfunzione” presso l’ambasciata. dalla contea cinese, che secondo lui aveva influito sugli sforzi per aiutare i cittadini bloccati.

“Il Dipartimento deve garantire che la sua missione sia in grado di comunicare e dissipare le paure fornendo comunicazioni e assistenza chiare e utili allo stesso livello degli altri paesi che hanno risposto alla chiamata”, ha affermato. ha detto mercoledì in una dichiarazione.

Futuro incerto

Nonostante le crescenti richieste di rimpatrio, il ministro della sanità sudafricano Zweli Mkhize ha dichiarato mercoledì che non c’erano piani per rimuovere i suoi cittadini poiché le autorità cinesi hanno messo sotto controllo l’epidemia.

“Il governo cinese ci ha assicurato che non ci sono prove per giustificare l’evacuazione dei cittadini stranieri che vivono nella città di Wuhan e ha chiesto calma in questo senso”, ha affermato Mkhize.

Ha aggiunto che il governo cinese aveva assicurato loro che i cittadini stranieri che si ammalavano sarebbero stati trattati allo stesso modo dei cittadini cinesi.

Gli sfollati statunitensi dalla Cina sbarcano sulla base militare della California con l'aumentare dell'epidemia di coronavirus

La sudafricana Jessika Bailing afferma di sentirsi trascurata dal governo del suo paese.

L’insegnante di inglese di 23 anni, che si è trasferito dal Sudafrica a Wuhan lo scorso anno, ha affermato che mentre molti paesi correvano per portare i loro cittadini fuori città, le autorità sudafricane erano riluttanti a prendere tali accordi.

READ  I draghi blu si arenano sulla costa nazionale di Padre Island

“Ho visto i governi di altri paesi andare oltre per evacuare i loro cittadini e siamo di fronte a questo tipo di risposta da parte del nostro governo, come possiamo non sentirci abbandonati?” Ha detto il salvataggio.

“Il governo sudafricano può mettere in atto le cose o cercare di trovare soluzioni per evacuare i sudafricani a Wuhan, ma né io né nessun altro sudafricano con cui sono stato in contatto la penso così”, ha aggiunto.

American Airlines sospende due rotte verso la Cina mentre il coronavirus si diffonde

Dustin Emslie afferma di essere deluso dalla risposta del governo sudafricano alla situazione.

“Non mi aspettavo davvero che il governo ci evacuasse, speravo solo che ci fossero più preoccupazioni per i cittadini sudafricani all’estero”, ha detto.

Emslie, che vive a Wuhan da sei anni, ha detto che sarebbe partito con la moglie cinese e la figlia di 3 anni solo se tutta la famiglia se ne fosse andata.

“Se dovessi partire, sarebbe solo se potessero venire con me in Sudafrica. Non c’è modo di lasciarli qui”, ha detto.

Dice che i locali e gli espatriati hanno cercato di far fronte alle restrizioni. L’incertezza sulla fine del blocco era la più difficile da sopportare.

“Non abbiamo idea della fine di questa epidemia. Potrebbero volerci mesi per essere trattenuti qui a Wuhan”, ha scritto in un messaggio di testo.

#KenyansinWuhan

Molti keniani intrappolati a Wuhan sono andati anche sui social media con l’hashtag #KenyansinWuhan chiedi al loro governo per evacuarli dalla città.

Lo studente keniota dell’Università di Tecnologia di Wuhan, che voleva rimanere anonimo a causa del suo status di studente straniero, ha affermato di temere per la sua sicurezza mentre il bilancio delle vittime dei coronavirus continua a salire .

“Immagina di non poter aprire la porta a un amico perché non sai se è infetto; mi fa paura”, ha detto.

Ha anche affermato che autobus, taxi e app di transito non funzionavano e che l’unico modo per spostarsi era a piedi o in bicicletta.

READ  In una vittoria apparente per Netanyahu, il suo rivale Gantz lascia gli alleati e si dirige verso l'unità

Antony Waigwa, uno studente keniota dell’Università dell’Accademia cinese delle scienze di Wuhan, ha dichiarato alla CNN che le autorità cinesi hanno fornito cibo ed elettricità gratuiti a molti studenti dell’istituto dopo il blocco.

La società pubblica di telecomunicazioni China Unicom ha anche fornito l’accesso a servizi Internet gratuiti in modo che gli studenti possano comunicare e informare le autorità di eventuali sviluppi durante la durata della restrizione di movimento.

“Le compagnie assicurative hanno anche rimosso i limiti della nostra copertura in modo che possiamo essere curati fino a quando non ci riprendiamo completamente se contraggiamo la malattia”, ha detto Waigwa alla CNN.

In una dichiarazione inviata martedì ai cittadini che vivono in Cina, l’ambasciata keniota a Pechino ha affermato che le autorità cinesi avevano assicurato ai governi stranieri di non farsi prendere dal panico e che l’evacuazione non era necessaria in questa fase.

Il processo di rimpatrio potrebbe anche richiedere due settimane, poiché le autorità cinesi faciliteranno l’evacuazione solo quando i cittadini stranieri avranno completato tutti i processi di quarantena, inclusi 14 giorni senza contatto con il virus, afferma la dichiarazione.

Ha aggiunto che sebbene l’epidemia di coronavirus sia “grave”, l’ambasciata era fiduciosa negli sforzi del governo cinese per contenerla.

Il coronavirus di Wuhan ora ha trasmesso 6000 casi in tutto il mondo
La diffusione del virus ha spinto alcuni compagnie aeree per cancellare i voli per la Cinae diversi paesi hanno messo in quarantena persone provenienti da Wuhan.
La Costa d’Avorio ha messo gli studenti che sono tornati da Pechino con sintomi di coronavirus sotto osservazione Sabato in attesa dei risultati dei suoi test.

Il governo nigeriano ha annunciato giovedì che inizierà i test per i cittadini cinesi in viaggio verso la nazione dell’Africa occidentale. Etiopia e Kenya hanno messo i passeggeri di ritorno dalle aree colpite dal virus in isolamento. L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato martedì che non ci sono stati casi confermati nel continente.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_africa/~3/dAesjDb_xXc/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *