Yumi Hogan: la first lady del Maryland capitalizza la sua eredità sudcoreana per assicurarsi kit di prova

La first lady del Maryland è nata in Corea del Sud ed è diventata cittadina americana nel 1994. Non solo ha usato la sua madrelingua per garantire i test, ma ha anche contribuito a negoziare l’accordo.

“Abbiamo convocato innumerevoli chiamate, quasi ogni notte, a volte sembrava da un giorno all’altro”, ha detto Hogan dei 22 giorni in cui lui e la prima signora hanno lavorato con il governo coreano per scaricare la giuntura del coronavirus difficile da trovare. kit di test.

Sabato, i due Hogan erano sull’asfalto dell’Aeroporto Internazionale Thurgood Marshall di Baltimora / Washington, accogliendo un aereo della 777 Korean Air noleggiato senza passeggeri a bordo. All’interno, c’erano sufficienti kit di test LabGenomics in Corea per il Maryland per eseguire 500.000 test.

“L’amministrazione ha chiarito più volte che vuole che gli Stati prendano l’iniziativa, e dobbiamo uscire e farlo da soli, ed è esattamente quello che abbiamo fatto”, ha detto Hogan lunedì, sua moglie in un cappotto rosa, sciarpa di seta legata intorno alle spalle e una maschera blu, in piedi sul lato del podio.

Hogan ha soprannominato il kit di missione “Operation Enduring Friendship”, basandosi fortemente sul legame che lui e sua moglie avevano stabilito con l’ambasciatore della Corea del Sud negli Stati Uniti, Lee Soo Hyuk.

“È davvero una campionessa dell’operazione Enduring Friendship”, ha dichiarato Hogan.

Tuttavia, Yumi Hogan non è un diplomatico professionista, né un politico o una persona esperta nelle complessità delle approvazioni scientifiche richieste da molte agenzie governative per i kit di test da utilizzare negli Stati Uniti, tutti garantiti. È un’artista, una pittrice astratta il cui lavoro è tipicamente incentrato sulla natura ed è fatto su hanji, carta ricavata da alberi nativi coreani. La sua arte è in realtà il modo in cui ha incontrato Hogan 20 anni fa in una mostra d’arte, dove era più interessato all’artista che al suo lavoro. Si sono sposati nel 2004, in una cerimonia che includeva elementi tradizionali coreani.

READ  Vince la campagna invisibile di Joe Biden

Dalla Corea al Maryland

Il maestoso governatore dei mattoni della dimora del Maryland ad Annapolis è lontano da Jeonnam, in Corea, la campagna rurale dove Yumi Kim ha trascorso la sua infanzia, uno degli otto figli, nel pollaio dei suoi genitori. Era giovane quando sposò il suo primo marito, e i due si trasferirono in America. Aveva tre figlie prima di divorziare e trasferirsi con le ragazze nel Maryland, in cerca di un distretto scolastico forte e un posto dove praticare la sua arte e insegnare.

Quando ha incontrato Hogan, non era solo uno scapolo confermato, ma anche un ricco uomo d’affari con la sua società di sviluppo immobiliare. Sebbene politicamente appassionato, Hogan non era in realtà un politico di carriera, il che rese la sua vittoria dopo una estenuante gara del governatore nel 2014 una sorpresa.

Yumi Hogan è stata un’attivista utile e, quando ha vinto suo marito, è diventata la prima first lady americana asiatica nel Maryland e la first lady americana coreana in qualsiasi stato della storia americana. Quando si trasferì con suo marito nella casa del governatore, realizzato dalla stampa sul suo speciale frigorifero kimchi, che ha usato più volte, preparando pasti per ospiti ed eventi.

First Lady Life del Maryland

Il suo incarico di first lady prese una svolta imprevedibile appena cinque mesi dopo l’inaugurazione di Hogan, quando gli fu diagnosticato un linfoma non Hodgkin avanzato. Yumi Hogan divenne una babysitter e un’infermiera non ufficiali, aiutando il governatore attraverso estenuanti trattamenti chemioterapici e sostenendolo a casa mentre si stava riprendendo.

Un anno dopo la sua diagnosi, Hogan era privo di cancro, ma la sua malattia ebbe un impatto sulle iniziative di Yumi Hogan. I suoi piani come first lady sono cambiati perché ha trascorso del tempo a discutere e condividere i benefici della terapia artistica, oltre a insegnare arte ai malati di cancro. Il suo lavoro riflette anche le difficoltà personali della coppia. Una galleria del 2016 che mostra dipinti ispirati alla salute di Larry Hogan.

“(Loro) descrivono anche il cambiamento improvviso che ha colpito la mia vita. Dopo che a mio marito è stato diagnosticato un cancro al linfoma, ho iniziato a usare più colori e linee”, disse allora al Sole di Baltimora. “Intendo far sentire e comprendere l’imprevedibile respiro della natura attraverso le mie opere.”

Ma dal 28 marzo, inizio dell’Operazione Enduring Friendship, i pennelli di Hogan sono andati sullo sfondo della sua determinazione ad usare la sua comprensione e conoscenza della Corea, della sua gente, della sua lingua, del suo protocollo, in l’obiettivo di ottenere i test Covid-19 per lo stato. lei serve come first lady.

READ  Le fotografie di Julie Blackmon di scene affascinanti e caotiche della vita familiare

Lunedì, Hogan ha parlato alla stampa di un evento a cui ha partecipato con sua moglie a Washington a febbraio, in cui il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha registrato un messaggio al governatore, definendolo un “sawi” coreano per genero.

“Non avevo idea di cosa significherebbe davvero”, ha detto Hogan lunedì.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_us/~3/AfdqjvSd0oA/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *