Premier League: Burnley condanna il banner “White Lives Matter”, ma i commenti dei social media suggeriscono che gli appassionati di calcio continuano a non capire il punto

Burnley ha rilasciato una dichiarazione durante la partita contro il Manchester City dicendo che i responsabili del furto dello stendardo sarebbero stati banditi dal club a vita, mentre anche il capitano Ben Mee e l’allenatore Sean Dyche hanno parlato.

Tuttavia, le pagine dei social media del club sono state inondate di critiche alla risposta del club.

“Ben Mee, commenti assolutamente vergognosi”, leggi un commento sulla pagina Facebook di Burnley.

“Lui e il segretario stampa di Burnley dovrebbero essere riuniti stamattina in una scatola di cartone e cacciare il club.”

Un altro commento di Facebook ha detto: “Quindi, completamente falso Burnley, pagherai il prezzo. Spero che sorvoleranno tutti i tuoi giochi rimanenti”, mentre altri hanno detto: “I furfanti razzisti condannano questo aereo” e “dovresti vergognarti di vergognarti”. sei un idiota. “

Un aereo sorvola lo stadio Etihad con uno striscione

“Non onoreremo i commenti sui social media con una dichiarazione”, ha detto un portavoce dei media Burnley alla CNN.

Martedì, Burnley ha rilasciato una dichiarazione dettagliata che delinea la sua politica di rendere l’organizzazione “un club per tutti” e rappresentare “tutte le parti della nostra comunità”.

“Il club sta adottando una posizione di tolleranza zero nei confronti della discriminazione in tutte le sue forme al Turf Moor e sta emettendo sempre più divieti a vita per i tifosi che incitano al razzismo e all’odio”, ha affermato la nota.

“Questa sanzione verrà anche imposta ai responsabili dell’incidente deplorevole di lunedì”.

Martedì più tardi, in un’intervista con l’ancora della CNN Phil Black, il CEO di Burnley Neil Hart ha dichiarato che il club aveva del lavoro da fare attorno al messaggio “Black Lives Matter”.

READ  Kobe Bryant: immagini di basket invisibili all'asta

“C’è una mancanza di educazione intorno a” Black Lives Matter “”, ha dichiarato Hart. “Se potessimo educare alcune di queste persone e non voglio essere condiscendente – se potessimo educare alcuni dei nostri tifosi che ci aiuterebbero enormemente come una squadra di calcio”.

“Mi rifiuto di sostenerli”

Mentre gran parte della rabbia è scoppiata sui social media di Burnley attraverso il banner, non è raro che gli account dei club siano inondati di commenti e interazioni contro la vita da neri.

Da quando il club ha iniziato a promuovere i contenuti di Black Lives Matter, molti su Facebook, Twitter e Instagram hanno condannato il supporto del club – alcuni fan si sono addirittura spinti fino a dire che avrebbero smesso di supportare Burnley.

La scorsa settimana, David Walker era particolarmente arrabbiato con la decisione della squadra di avere il messaggio Black Lives Matter sul retro delle magliette dei giocatori.

“Solo una cosa dovrebbe apparire su questa maglietta”, ha detto in un commento di Facebook. “Questo è il distintivo del Claret e per la prima volta nella mia vita, mi rifiuto di appoggiarli lunedì sera”, ha aggiunto Walker, riferendosi al soprannome di Burnley. La squadra gioca in uniforme bordeaux e blu.

Non tutti i commenti sono stati negativi.

Un utente ha dichiarato “estremamente grato per il sostegno dei giocatori e del club per la decenza comune”, mentre un altro ha dichiarato “estremamente orgoglioso del club di calcio Burnley e di ciò che rappresenta. Un club comunità per tutti “.

Quando la scorsa settimana sono iniziati commenti negativi – con il ritorno della Premier League – c’erano voci sui conti di Burnley che cercavano di spiegare l’importanza del movimento Black Lives Matter.

READ  Atlanta Braves keep their name but review 'Tomahawk Chop'

“Comprendi il significato del movimento … La ragione per cui questo movimento esiste e DEVE esistere. È una reazione al trattamento ingiusto dei neri. Per favore, capiscilo. Allora potremo avere una conversazione”, ha scritto un utente.

Nella sua intervista post-partita con Sky Sports, Mee ha aggiunto che pensava che fosse una “piccola minoranza di persone” che non supportava il movimento Black Lives Matter.

Ben Mee insegue la palla nella sconfitta per 5-0 del Burnley contro il Manchester City.

La polizia del Lancashire ha annunciato martedì che è stata avviata un’indagine sul banner per valutare se “sono stati commessi reati”.

I club della Premier League hanno supportato il movimento Black Lives Matter dalla ripresa della lega la scorsa settimana.

Tutti i giocatori delle 20 migliori squadre indossavano “Black Lives Matter” al posto del loro nome sul retro della maglia, così come un ginocchio prima del calcio d’inizio.

“Vogliamo chiarire che i funzionari non sono i benvenuti a Turf Moor”, ha dichiarato Burnley in una dichiarazione riguardante lo striscione “White Lives Matter”.

“Ciò non rappresenta in alcun modo ciò che rappresenta Burnley Football Club e lavoreremo pienamente con le autorità per identificare i responsabili e imporre divieti a vita.

“Il club è orgoglioso di lavorare con tutti i sessi, le religioni e le religioni attraverso il suo premiato programma comunitario e si oppone al razzismo di ogni tipo.

“Sosteniamo pienamente l’iniziativa” Black Lives Matter “della Premier League e, in linea con tutte le altre partite della Premier League intraprese dal progetto Restart, i nostri giocatori e la nostra squadra di calcio hanno preso volentieri il calcio d’inizio. a Manchester City “.

Il manager di Burnley, Sean Dyche (a destra), si inginocchia a sostegno del movimento Black Lives Matter.

Il manager di Burnley Sean Dyche, la cui squadra ha perso 5-0 nella partita di lunedì, ha dichiarato che lo striscione era “chiaramente inaccettabile” e l’ex capitano di Burnley Frank Sinclair ha espresso la sua “delusione” allo striscione .

READ  Andrea Rinaldi: il centrocampista dell'Atalanta muore a 19 anni a causa di un aneurisma

“#BlackLivesMatter è per il bene dell’umanità e non solo per le vite nere”, ha detto Sinclair.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT