La chiesa del Queens piange la perdita del sacerdote a causa del coronavirus a Pasqua

Da un lato, la Chiesa cattolica romana, come altre nel mondo, celebrerà il suo giorno più importante a distanza, con messe e preghiere su Zoom.

Ma a Saint-Gabriel, mancherà una figura critica nella comunità parrocchiale: il suo amato pastore, padre Gioacchino Basile. Morì di un coronavirus il 4 aprile, secondo la diocesi di Brooklyn.

“Padre Gioacchino era amato da tutti – tutti nella parrocchia”, ha detto il parroco Florence Soulama alla CNN. “Abbiamo il cuore spezzato.”

“È veramente un prete modello per ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento”, ha detto.

Un quartiere duramente colpito

Questo particolare periodo è particolarmente difficile per la comunità di San Gabriele. Elmhurst era una delle aree più colpite di New York City con il coronavirus, con oltre 764 casi confermati secondo i dati del Dipartimento della Salute di New York City.

L’ospedale Elmhurst, a 15 minuti di auto dalla parrocchia, è rapidamente diventato un simbolo nella lotta della città contro il virus, con il sindaco Bill de Blasio che ha dichiarato di “avere il peso maggiore qualsiasi altro ospedale in città “il 5 aprile.

Secondo la diocesi di Brooklyn, Gioacchino era uno dei sei membri della comunità parrocchiale a testare positivamente il coronavirus.

“Sebbene siamo stati colpiti in modo sproporzionato come comunità dal virus, ha anche avvicinato la parrocchia in un certo senso”, ha detto il parrocchiano Angel Alcántara alla CNN. “Questi insegnamenti che Padre Gioacchino ci ha dato in tutti questi anni ci hanno preparato per una situazione come questa”.

Gioacchino era un immigrato italiano che, secondo i parrocchiani, ha lottato con problemi di salute per tutta la vita. È stato ordinato sacerdote nel 1995 e quest’anno celebrerà il suo 25 ° compleanno nel sacerdozio. Secondo la diocesi di Brooklyn, quasi la metà della sua carriera è stata dedicata a San Gabriele.

READ  L'Australia chiude le spiagge mentre il blocco di Covid-19 continua durante la Pasqua

Un prete umile e amorevole

Gioacchino era un prete umile e amorevole che univa la comunità di San Gabriele, hanno detto i parrocchiani – una comunità che riflette la reputazione del Queens come il quartiere più vario di New York.

Quando Gioacchino si unì alla parrocchia, fu diviso equamente tra persone di lingua inglese e spagnole, secondo Alcántara.

Ora dice che la maggior parte della comunità è ispanica, con i parrocchiani della Repubblica Dominicana, del Messico, dell’Ecuador e di altre parti dell’America Latina. Anche persone di lingua inglese provengono da diversi paesi, con i parrocchiani che rappresentano Haiti, Giamaica e Trinidad e Tobago per citarne alcuni. Gioacchino è stato in grado di unirli tutti, ha detto Alcántara.

“Padre Gioacchino è riuscito a riunire tutti questi diversi gruppi di parrocchiani”, ha detto Alcántara alla CNN.

“Questo è qualcosa che è stato in grado di realizzare, di lavorare con Dio sempre al centro”, ha detto.

Soulama e Alcántara hanno affermato che Gioacchino ha avuto un impatto profondo e duraturo sulla loro vita. Soulama descrisse che quando attraversava un periodo difficile della sua vita in cui suo marito era malato, le omelie di Gioacchino, che ascoltava quasi ogni mattina alla messa quotidiana, le davano pace.

“Non c’è nulla da temere – dobbiamo solo fidarci del Signore, e poi tutto andrà bene”, ha detto del suo messaggio.

“Lo supereremo sapendo che è la volontà di Dio”.

Separato ma ancora unito

Questo è l’atteggiamento che la comunità parrocchiale porta a questo periodo pasquale, separato l’uno dall’altro a causa di un allontanamento sociale durante un periodo particolarmente difficile.

La comunità parrocchiale si unisce su Zoom, Skype e prega anche telefonicamente per festeggiare questa stagione. I parrocchiani continueranno a cantare inni e ad ascoltare le letture ma non riceveranno l’Eucaristia durante la più solenne celebrazione del cattolicesimo.

READ  Son Heung-Min è sottoposto ad addestramento militare in Corea del Sud

“Ovviamente è diverso, ma la cosa principale è ancora lì”, ha detto Alcántara alla CNN mentre aiutava a prepararsi per la veglia di Pasqua virtuale che si svolgerà sabato sera.

“Anche se le porte sono chiuse, le persone sono ancora chiamate, prega al telefono”, ha detto Soulama. “E l’abbiamo imparato da padre Gioacchino.”

I parrocchiani sono sicuri che Gioacchino continua a pregare per loro in cielo. Soulama, che avrebbe aiutato a creare la chiesa per la messa, ha condiviso un messaggio che avrebbe trasmesso alla famiglia al funerale.

“Ha sempre detto loro: ‘Non dire mai addio, dì solo addio’, ha detto Soualama.

E ha anche condiviso il messaggio che Gioacchino avrebbe dato alla fine della messa funebre.

“Ha detto: ‘Questo è ciò che la persona amata vuole in questo momento – per farti amare te stesso”, ha detto Soualama.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_us/~3/8yoihIB2lp0/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *