10 anni fa questo sconosciuto mi ha salvato da una tempesta di neve

(CNN) – Da qualche parte in questo viaggio in autobus delle 7 del levriero tra l’autorità portuale e Albany, ho iniziato a piangere.

Rimanere bloccato in una tempesta di neve di New York è stato divertente all’inizio: attraversare i marciapiedi accatastati è stato un film di Natale che si avvera.

Ma il registrare nevicate negli Stati Uniti orientali dal 16 al 20 dicembre 2009, 1.200 voli sono stati cancellati dai tre principali aeroporti di New York.

Ho avuto meno di un calcio per passare ore ad aspettare nella mia camera d’albergo, cercando di rimandare il viaggio in uno dei periodi più affollati dell’anno.

Ero solo, dopo aver prolungato un viaggio di lavoro, e avevo un partner a Londra per tornare, seguito da un viaggio per vedere la famiglia in Irlanda e una nuova nipotina.

Alla fine ho elaborato un percorso patchwork che mi avrebbe portato a casa. Dato che non c’erano voli da New York a Londra, ho preso posto su un volo da Albany a Detroit il 22 dicembre, poi un altro su un volo ad occhi rossi per Londra. Sarei tornato nel mio appartamento per un’ora o due, poi avrei preso un volo per Belfast la sera del 23.

Biglietto di sola andata per Albany

Avevo dormito a malapena la sera prima, il che è stato fortunato perché la sveglia nella mia camera d’albergo non è mai uscita. Svegliarsi per caso, ho gettato insieme le mie cose e sono corso attraverso la città in un panico cieco.

Il cemento grigio sporco della stazione degli autobus dell’Autorità Portuale non è più bello al mattino presto.

Ero sul primo autobus possibile, ma il programma era 40 minuti più tardi del previsto e, all’inizio del viaggio, è stato ulteriormente ritardato.

Rendendosi conto che stavo facendo un viaggio inutile a nord di Albany, un posto di cui non avevo mai sentito parlare fino a 24 ore prima e che non sarei stato a casa con la mia famiglia il 25 dicembre, cedette e cominciò a piangere.

Aerei, treni e automobili

“Stai bene?” chiese la donna sul posto vicino al finestrino accanto a me. È stato rassicurante vedere un volto benevolo dopo la sterile sterilità dei funzionari dell’autorità portuale e siamo entrati in conversazione.

Susan Lee era un’agente immobiliare di Brooklyn, in viaggio per sua madre in vacanza, e mentre stavamo parlando, ho iniziato a rilassarmi e ad accettare la mia situazione. Quindi Susan ha escogitato un piano.

Invece di salire sull’autobus dell’aeroporto, la mia nuova amica e io ci siamo subito imbattuti nella stazione degli autobus di Albany, dove Judy, la madre di Susan, stava aspettando in macchina per prendere sua figlia.

Susan si mise al volante e noi tre facemmo un giro di 12 miglia verso l’aeroporto, con il piano di Lees per la mattina messo da parte.

Sono saltato fuori dalla macchina, ho attraversato l’aeroporto e ho completato con successo il primo dei tre voli. Sono arrivato a Londra il giorno successivo, ho inviato un’email di ringraziamento a Susan e la sera ero di nuovo a casa, pronto a trascorrere la vigilia di Natale nella campagna dell’Irlanda del Nord.

E così è stato, fino ad aprile 2022.

“Ne abbiamo bisogno adesso”

“Sono così eccitato che mi hai contattato,” sorride Susan, raggiungendomi via Zoom dal cottage della Contea di Sullivan a New York, dove lei e il suo compagno si sono seduti per bloccare il blocco del coronavirus.

Ha una faccia fresca e sorridente, ed è difficile credere che siano trascorsi più di dieci anni da questo fatidico viaggio.

Sono nella mia stanza a nord di Londra, nella casa che ho comprato qualche anno fa. Lavoro alla CNN da quasi cinque anni, dopo essere stato licenziato nella start-up di video online che mi ha portato a New York nel 2009. La mia famiglia irlandese è un po ‘più grande, con un nipote che si è unito a noi in 2010.

READ  Pandemia di coronavirus: aggiornamenti in tutto il mondo

Le restrizioni sulla pandemia mi hanno dato molto più tempo per riconnettermi con le persone online, motivo per cui ho estratto il biglietto da visita di Susan da un cassetto e l’ho cercato su Google.

Soffocò, disse, quando ebbe questa comunicazione a sorpresa che gli diceva che, una volta, aveva fatto una piccola cosa che contava molto. “Ne abbiamo bisogno adesso”, aggiunge.

“Ho viaggiato molto quando ero più giovane, quindi ho ricevuto molta gentilezza dalle persone”, ricorda Susan. “È stato un momento di benessere, sai. È stato gratificante ricevere la tua e-mail e scoprire cosa era successo.”

10 anni fa, questo sconosciuto mi ha salvato il Natale (foto per la storia)

Susan Lee (a sinistra) e Maureen O’Hare (a destra) si incontrano con una videochiamata dalla loro casa nello Stato di New York e nel nord di Londra.

Maureen O’Hare / CNN

Legami familiari

Susan mi ha aiutato a trovare la mia famiglia quell’anno, ma ora, come miliardi di persone in tutto il mondo, non sappiamo quando possiamo baciare di nuovo i nostri cari. È un promemoria per custodire i momenti che abbiamo.

Nel 2009, “Stavo per passare il Natale con mia madre”, dice. “Mio padre è morto un anno prima. Era un po ‘vuoto con la scomparsa di mio padre.”

Le fecce emigrarono negli Stati Uniti da Seul, in Corea del Sud, nel 1976. Suo padre era un odontotecnico e “voleva vivere il sogno americano”.

Susan disse: “È una cosa orribile perdere una persona cara, in particolare una persona che ho amato moltissimo. Ma ripensandoci ora, è abbastanza sorprendente come sia potuto andare avanti, quando pensavo di non poter vivere senza di lui “.

READ  Il Regno Unito ha ordinato 400.000 indumenti chirurgici dalla Turchia per risolvere i suoi problemi di DPI. Loro

Susan ha una sorella alle Hawaii e un fratello in California, mentre Judy è ancora ad Albany, a poche ore di auto dal cottage di Susan.

“È una donna incredibile. Sopravvissuta al cancro, ha avuto problemi di salute per gran parte della sua vita”, afferma Susan. “Quando uscì Covid-19, ero molto preoccupato perché doveva andare al centro di dialisi tre volte a settimana.”

“Prepara limonate con i limoni”

Susan ha fatto una visita socialmente distante a Judy circa 10 giorni fa per portare provviste, e sebbene “fosse strano non poterla abbracciare”, è felice che sua madre sia al sicuro e in buona salute.

Nel 2009, ho usato Google Hangouts per suonare a casa mia quando ero bloccato, e le videochiamate ci avvicinano ancora una volta alla famiglia e agli amici – e anche la velocità del WiFi è molto migliore.

Per ora, a Londra e New York, Susan e io stiamo usando le nostre vite più lente per cucinare di più, fare il giardinaggio e metterci al telefono o online con amici e parenti. Come agente immobiliare, Susan al momento non sta lavorando, ma “si sta godendo la vita meno stressante” e “sta davvero cercando di fare una limonata con i limoni qui”.

Terminiamo la nostra chiamata con la speranza di bere qualcosa di persona un giorno, quando potremo lasciare le nostre case e l’Atlantico non sarà più tra di noi. Susan disse: “Ci vorrà un po ‘di tempo, ma la vita andrà avanti”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_travel/~3/BoYt7aVcilM/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT