Black Lives Matter: Lewis Hamilton supporta i manifestanti che hanno demolito la statua del commerciante di schiavi Edward Colston

Mentre le scene sono state criticate dai membri del governo britannico – il segretario di casa Priti Patel ha detto a Sky News che l’incidente è stato “completamente vergognoso” – ha scritto il sei volte campione del mondo Hamilton una storia di Instagram che “il nostro paese ha onorato un uomo che ha venduto schiavi africani”.

I manifestanti hanno usato le corde per distruggere il monumento a Colston, un commerciante locale che ha tratto gran parte della sua fortuna dal commercio degli schiavi alla fine del 1600, prima di trascinarlo nel porto di Bristol e gettarlo in acqua.

La sua statua era in città dal 1895, ma la sua presenza era diventata sempre più controversa.

“Tutte le statue di uomini razzisti che hanno fatto soldi vendendo un essere umano dovrebbero essere demolite! Quale sarà la prossima?” ha affermato la stella britannica di F1, che ha spesso parlato in modo eloquente e appassionato sulla questione dell’ingiustizia razziale, soprattutto dopo la morte di George Floyd.

“Sfido il governo”

In un altro articolo della sua storia su Instagram, il 35enne ha sfidato “funzionari governativi di tutto il mondo a fare questi cambiamenti e ad attuare la pacifica eliminazione di questi simboli razzisti”.

Musei di Bristol sito web ha detto che Colston era stato “un membro attivo dell’organo di governo RAC [Royal African Company], che ha scambiato gli schiavi africani per 11 anni. “

I manifestanti di tutto il mondo sono scesi in strada per il secondo fine settimana consecutivo per commemorare la morte di Floyd e per chiedere la fine dell’ingiustizia razziale.

READ  Jon Jones: Il combattente UFC prende bombolette spray dai manifestanti

Hamilton ha sempre usato la sua piattaforma per sostenere proteste pacifiche e ha invitato i suoi compagni a fare lo stesso.

“Sono una delle uniche persone di colore lì e tuttavia sono solo. Avrei pensato che ormai capiresti perché questo sarebbe accaduto e che avresti detto qualcosa al riguardo, ma non puoi starci accanto ” ha detto di recente.

La stagione di Formula 1 2021 è stata temporaneamente rimandata a causa della pandemia, ma dovrebbe riprendere in Austria il 5 luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *