Coronavirus australiano: l’NRL prevede di trasferirsi sull’isola tropicale

(CNN) – Uno dei giocatori AustraliaGli sport professionistici più popolari potrebbero essere messi in quarantena su un’isola di lusso come parte di un audace piano per riportarli sul campo – e alla televisione – durante crisi del coronavirus.
Come la maggior parte degli sport, la National Rugby League (NRL) è stata costretta a farlo annulla tutta la stagione a causa della diffusione del coronavirus, che ha reso impossibile la sicurezza dei giocatori. La cancellazione ha precipitato lo sport in una crisi finanziaria e il 3 aprile l’NRL ha annunciato di aver raggiunto un accordo con i giocatori per rinunciare a cinque mesi del loro stipendio annuale se la competizione non può riprendere.

Il CEO dell’NRL Todd Greenberg ha dichiarato di essere “determinato a riportare i giocatori sul campo, e il comitato per l’innovazione – chiamato Progetto Apollo – stava prendendo in considerazione la proposta dell’isola, insieme ad altri.

Accogliere i giocatori in una vacanza tropicale è un’idea originale del direttore del Tangalooma Island Resort, David James.

Il resort, sull’isola di Moreton, al largo della costa del Queensland, ospita tipicamente fino a 1.500 persone che scendono in slitta sulle dune di sabbia, cavalcano un catamarano e fanno la fila ogni notte per dare da mangiare ai delfini.

Il resort si trova sull'isola di Moreton, nello stato del Queensland.

Il resort si trova sull’isola di Moreton, nello stato del Queensland.

Tangalooma Resort

Secondo la proposta di James, centinaia di giocatori delle 16 squadre NRL vivrebbero sull’isola e sarebbero stati trasportati in traghetto per partite in stadi vuoti da trasmettere in tutto il mondo.

“È la versione” Love Island “della lega di rugby,” Greenberg ha scherzato sul programma radiofonico australiano “Wide World of Sports” il 3 aprile. “Forse potremmo ottenere ulteriori diritti TV con un reality show. Siamo pronti per qualsiasi proposta.”

All’inizio di questa settimana, il presidente della Commissione australiana della Rugby League, Peter V’landys, ha dichiarato di sperare che la stagione riprenda il 1 ° luglio, una data considerata ottimista da alcuni come il numero di casi di coronavirus continua ad aumentare nel paese.

A partire da venerdì 3 aprile, ci sono stati oltre 5.000 casi confermati e 26 persone erano morte.

“Ci sono letteralmente migliaia di persone che si guadagnano da vivere dalla lega di rugby e prima possiamo sbloccarlo e rimetterlo in campo, i nostri fan lo apprezzeranno, ma anche l’industria e l’economia bisogno “, ha detto Greenberg.

READ  Piloti UPS: "Stiamo combattendo duramente"

Fortemente colpito dal coronavirus

James ha affermato che il suo complesso di Tangalooma potrebbe essere pronto per ospitare i giocatori in 4-6 settimane, supponendo che il numero di casi nazionali di coronavirus si sia stabilizzato o rallentato e che i funzionari sanitari abbiano sostenuto il piano.

Al momento, la stazione è vuota, ad eccezione dei 30-35 dipendenti che controllano la sicurezza e danno da mangiare ai delfini ogni notte.

L’attività è stata colpita da una forte recessione nel turismo globale, con 300 dipendenti in vacanza nelle ultime settimane.

“È stato devastante. Siamo un’azienda di famiglia. Molti dei nostri dipendenti sono stati con noi per 10-20 anni”, ha detto James.

Ospitare i giocatori della lega di rugby potrebbe essere un’ancora di salvezza finanziaria per la stazione e molte altre attività locali.

“Avremmo 560 grandi maschi affamati da sfamare alla stazione, il che protegge davvero alcuni dei fornitori che già utilizziamo”, ha detto James. “Probabilmente abbiamo già contattato 15 aziende di diversi settori e settori che potrebbero trarne vantaggio”.

Nutrire i delfini è un'attività popolare per gli ospiti del resort.

Nutrire i delfini è un’attività popolare per gli ospiti del resort.

Greg Sullavan / Tangalooma Resort

Il personale dell’hotel sarebbe soggetto alle stesse misure di quarantena dei giocatori e gli autobus dello stadio, le barche e gli spogliatoi verrebbero sterilizzati prima e dopo per garantire la loro sicurezza.

Tutto l’allenamento sarebbe fatto sull’isola – sulla spiaggia e in acqua. La traccia dell’isola potrebbe essere convertita in un campo temporaneo.

“Abbiamo una pista in erba di 900 metri (2.950 piedi) per 60 metri (195 piedi) – la lunghezza media di un campo di campionato di rugby è di circa 120 metri (390 piedi), quindi probabilmente cinque posizioni back-to-back “, ha detto James.

Tutti i visitatori sarebbero sottoposti a controlli e test della temperatura per Covid-19.

“Nessuno può entrare nella stazione, è una struttura di blocco – sono le nostre barche che entrano, le nostre barche che escono”, ha detto James.

“Se potessimo farlo, sarebbe una delle più grandi pubblicità del Queensland e dell’ingegno australiano.”

READ  La società tailandese produce imballaggi per alimenti in bambù per ridurre i rifiuti

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_travel/~3/8XPh4xdx3mk/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT