La Cina installa telecamere di sorveglianza davanti alle porte delle persone … e talvolta nelle loro case

Ha detto che ha aperto la porta durante l’installazione della telecamera, senza preavviso.

“(Avere una macchina fotografica fuori dalla porta) è un’incredibile erosione della privacy”, ha dichiarato Lahiffe. “Sembra che sia un’enorme immissione di dati. E non so quanto sia legale.”

Sebbene non vi sia alcun annuncio ufficiale che le telecamere debbano essere montate fuori dalle case delle persone in quarantena, questo è successo in alcune città della Cina da almeno febbraio, secondo tre persone che hanno anche raccontato la loro esperienza con le telecamere alla CNN. come post sui social media e dichiarazioni del governo.

La Cina attualmente non ha una legge nazionale specifica per regolare l’uso delle telecamere di sorveglianza, ma i dispositivi fanno già parte della vita pubblica in Cina: sono spesso lì a guardare quando le persone attraversano la strada, entrano in un centro affari, cenare in un ristorante, salire su un autobus o sedersi in una classe.

Più di 20 milioni di telecamere sono state installate in tutta la Cina nel 2017, secondo Emittente statale TVCC. Ma altre fonti suggeriscono un numero molto più elevato. Secondo a rapporto di IHS Markit Technology, che ora fa parte di Informa Tech, la Cina ha installato 349 milioni di telecamere di sorveglianza installate nel 2018, quasi cinque volte il numero di telecamere negli Stati Uniti.
La Cina ha anche otto delle 10 città più viste al mondo in base al numero di telecamere per 1.000 persone, secondo una società di ricerca tecnologica con sede nel Regno Unito. Comparitech.

Ma ora la pandemia ha avvicinato le telecamere alla privacy delle persone: dagli spazi pubblici della città alle porte d’ingresso delle loro case – e in rari casi, telecamere di sorveglianza all’interno le loro case.

La CNN ha richiesto commenti alla Commissione nazionale per la salute cinese. Il Dipartimento della pubblica sicurezza non ha accettato le richieste di commento inviate via fax alla CNN.

Evoluzione della tattica

La Cina usa già un “codice sanitario” digitale sistema per controllare il movimento delle persone e decidere chi dovrebbe andare in quarantena. Per imporre la quarantena domestica, le autorità locali hanno usato nuovamente la tecnologia ed erano aperte all’uso di telecamere di sorveglianza.
Un ufficio del sub-distretto governativo di Nanchino, nella provincia orientale di Jiangsu, ha affermato di aver installato telecamere davanti alle persone in quarantena per monitorarle 24 ore al giorno, una misura che “ha permesso di “risparmiare sui costi del personale e aumentare il lavoro” secondo la sua relazione del 16 febbraio Pubblicare su Weibo, la piattaforma cinese simile a Twitter.
Nella provincia di Hebei, il governo della contea di Wuchongan nella città di Qianan ha anche affermato di utilizzare telecamere di sorveglianza per monitorare i residenti in quarantena a casa, secondo un dichiarazione sul suo sito web. Nella città nord-orientale di Changchun, nella provincia di Jilin, le telecamere di quarantena nel distretto di Chaoyang sono alimentate dall’intelligenza artificiale per rilevare le forme umane, ha detto il governo del distretto. sul suo sito web.
Nella città orientale di Hangzhou, l’operatore di telecomunicazioni statale China Unicom ha aiutato i governi locali a installare 238 telecamere per monitorare i residenti in quarantena l’8 febbraio, ha detto la società. una pubblicazione Weibo.

Su Weibo, alcune persone hanno pubblicato foto di telecamere che secondo loro sono state installate di recente fuori dalle loro porte mentre entravano in quarantena domestica a Pechino, Shenzhen, Nanchino e Changzhou, tra le altre città.

Alcuni sembravano accettare la sorveglianza, sebbene non sia chiaro fino a che punto le critiche alla misura siano tollerate su Internet attentamente sorvegliato e censurato del paese. Un utente di Weibo, che ha messo in quarantena la sua casa dopo essere tornato a Pechino dalla provincia di Hubei, ha detto che il suo comitato distrettuale gli aveva detto in anticipo che una telecamera e un allarme sarebbero stati installati sulla sua porta ingresso. “(I) rispettare e comprendere appieno l’accordo”, lei ha scritto.
La Cina sta combattendo il coronavirus con un codice QR digitale. Ecco come funziona
Un altro residente di Pechino ha dichiarato di non pensare che la fotocamera fosse necessaria “, ma poiché si tratta di un requisito standard, (sono felice di accettarla” ha scritto una persona che si identificava come Tian Zengjun, un avvocato di Pechino.
Altri si sono preoccupati per la diffusione del virus nelle loro comunità, chiamare per le autorità locali devono installare telecamere di sorveglianza per assicurarsi che le persone seguano le regole di quarantena.

Jason Lau, esperto di privacy e professore presso la Baptist University di Hong Kong, ha affermato che le persone in tutta la Cina si erano abituate all’attuale sorveglianza molto prima del coronavirus.

READ  L'FBI mette in guardia le aziende contro i dipendenti che deridono i risultati dei test sul coronavirus

“In Cina, probabilmente le persone stanno già supponendo che il governo abbia comunque accesso a molti dei loro dati. Se pensano che le misure li terranno al sicuro, manterranno la comunità al sicuro e saranno di pubblico interesse , potrebbero non esagerare “, ha detto.

Telecamere all’interno delle case

Alcune persone dicono che le telecamere sono state persino collocate all’interno delle loro case.

Alla fine di febbraio, William Zhou, un funzionario, è tornato nella città di Changzhou, nella provincia orientale di Jiangsu, dalla sua provincia di origine dell’Anhui. Il giorno successivo, ha detto che un collaboratore della comunità e un ufficiale di polizia sono venuti nel suo appartamento e hanno installato una telecamera che punta alla sua porta di casa – da un muro di gabinetto all’interno della sua casa.

Zhou disse che non gli piaceva l’idea. Ha chiesto all’operatore della comunità cosa avrebbe registrato la telecamera e l’assistente della comunità gli ha mostrato le foto sul suo smartphone.

“Ero in piedi nel mio salotto e la telecamera mi ha chiaramente catturato nella sua cornice”, ha detto Zhou, che ha chiesto di usare uno pseudonimo per paura di ripercussioni.

William Zhou, che era stato messo in quarantena nella città di Changzhou, disse che una telecamera era stata installata nel suo appartamento.

Zhou era furioso. Ha chiesto perché la telecamera non potesse essere posizionata all’esterno, ma la polizia gli ha detto che poteva essere vandalizzata. Alla fine, ha detto che la telecamera è rimasta sui mobili nonostante la sua vivace protesta.

Quella sera, Zhou disse di aver chiamato la linea diretta del sindaco e il centro di comando locale per il controllo dell’epidemia per lamentarsi. Due giorni dopo, due rappresentanti del governo locale si presentarono alla sua porta, chiedendogli di comprendere e collaborare agli sforzi del governo per il controllo delle epidemie. Gli hanno anche detto che la fotocamera avrebbe catturato immagini fisse solo quando la sua porta si è mossa e non ha registrato alcun video o audio.

Ma Zhou non è rimasto convinto.

“(La telecamera) ha avuto un enorme impatto psicologico su di me”, ha detto. “Ho cercato di non effettuare chiamate telefoniche, temendo che la videocamera potesse registrare le mie conversazioni per caso. Non ho potuto fare a meno di preoccuparmi anche quando mi sono addormentato dopo aver chiuso la porta. porta della camera da letto “.

Zhou disse che sarebbe stato bello avere la telecamera davanti alla porta di casa, perché non l’avrebbe aperta per uscire comunque.

“Installarlo all’interno della mia casa è una grande invasione della mia privacy”, ha detto.

William Zhou ha detto che la telecamera è stata installata sul muro dell'armadio accanto alla sua porta d'ingresso.

Zhou disse che altri due residenti che erano stati messi in quarantena nel suo complesso residenziale gli dissero che avevano anche installato telecamere all’interno delle loro case.

Il Centro di comando per il controllo dell’epidemia del distretto di Zhou ha visto la CNN confermare l’uso delle telecamere per imporre la quarantena domestica, ma ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli.

Nella città orientale di Nanchino, il governo del sub-distretto di Chunxi foto pubblicate su Weibo che mostra come le autorità hanno utilizzato le telecamere per eseguire la quarantena. Una foto mostrava una telecamera su un mobile all’interno di un appartamento. Un altro ha mostrato uno screenshot di quattro telecamere, alcune delle quali sembravano essere state prese dall’interno delle case.

Il governo del sub-distretto di Chuxi ha rifiutato di commentare. Il centro di comando dell’epidemia distrettuale ha affermato che l’installazione di telecamere non è una politica obbligatoria e che alcuni governi dei distretti secondari hanno scelto di adottare la misura da soli.

Una foto pubblicata dal governo Chunxi mostrava una telecamera in piedi su un mobile all'interno di un appartamento.

Come funzionano le telecamere?

Non esiste un conteggio ufficiale del numero di telecamere installate per applicare la quarantena domestica in Cina. Ma il governo del distretto di Chaoyang a Jilin, una città di quattro milioni, ha detto in a dichiarazione che aveva installato 500 telecamere entro l’8 febbraio.
I governi di tutto il mondo hanno adottato tecnologie meno invasive per scoprire se qualcuno lascia il loro appartamento. Ad Hong Kong, ad esempio, tutti gli arrivi internazionali soggetti a quarantena domestica devono indossare un braccialetto elettronico, che si collega a un’app per smartphone che avvisa le autorità se sono lontani dai loro appartamenti o camere d’albergo . La Corea del Sud utilizza un’app che tiene traccia delle posizioni con GPS e invia avvisi quando le persone lasciano la quarantena. Il mese scorso, in Polonia ha lanciato un’applicazione che consente alle persone in quarantena di inviare selfie per informare le autorità che stanno a casa.

Anche a Pechino, tutti in quarantena domestica non hanno una telecamera davanti alla propria casa. Due residenti, che recentemente sono tornati da Wuhan in città, hanno affermato che un allarme magnetico è stato installato sulle porte del loro appartamento, il che avviserebbe gli operatori della comunità se uscissero. La CNN ha contattato le autorità di Pechino per commenti.

I passeggeri ricevono i braccialetti di localizzazione in quarantena all'aeroporto internazionale di Hong Kong il 19 marzo.

Lahiffe, l’espatriato irlandese che vive a Pechino, pensa che le immagini della sua macchina fotografica siano monitorate dagli operatori della comunità del suo complesso residenziale, che sono responsabili di assicurarsi che rimanga a casa e non abbia visitatori – tutto da uno smartphone.

READ  Coronavirus Illinois: il dipartimento sanitario della contea di Kane chiude gli alimenti di St. Charles 'Smithfield a causa delle preoccupazioni di COVID-19

“Il telefono del ragazzo ha un’app che (mostra) tutte le porte”, ha detto Lahiffe di uno degli operatori della comunità che sono venuti per installare la videocamera. “Puoi vedere tutte le porte delle diverse telecamere che sono state installate”, ha detto, aggiungendo di aver visto più di 30 porte sull’app, tutte dal suo complesso residenziale che ha detto è abitato da “principalmente stranieri”.

In Cina, ogni comunità residenziale urbana è gestita da un comitato di quartiere, un’eredità comunista dell’era di Mao che ora è diventata la base di un sistema di “gestione della rete” di controllo sociale supportato da alta tecnologia e big data. . Ufficialmente, si tratta di organismi autonomi che gestiscono ed educano i residenti. Ma servono anche come occhio per i governi a livello locale, contribuendo a mantenere la stabilità monitorando milioni di residenti a livello nazionale e segnalando attività sospette.

Dall’epidemia, gli operatori della comunità hanno avuto molta latitudine e sono stati responsabili del controllo dell’epidemia nei complessi residenziali, dell’applicazione della quarantena domestica e dell’aiuto ai residenti in quarantena con necessità di base, come che consegnare cibo e generi alimentari alle loro porte e portare fuori la spazzatura.

Lina Ali ha detto che la telecamera installata fuori dalla porta di casa brillava di luce intensa ogni volta che apriva la porta per ricevere cibo.

Ogni volta che Lina Ali, espatriata scandinava che viveva nella città meridionale di Guangzhou, apriva la sua porta d’ingresso per ricevere consegne di cibo, diceva che una luce brillante brillava dalla telecamera che si era formata sulla porta di il suo appartamento mentre era in quarantena.

Ha detto che il personale di gestione della proprietà nel suo edificio è venuto a installare una telecamera di sorveglianza fuori dalla porta di casa il primo giorno della sua quarantena domestica all’inizio di questo mese.

“Odiavo la telecamera che brillava di luce intensa, ci hanno detto che era collegata alla stazione di polizia”, ​​ha detto Ali. La CNN ha accettato di fare riferimento a lei con uno pseudonimo per proteggere la sua sicurezza. “Mi ha fatto sentire davvero prigioniero a casa mia.”

La CNN ha contattato le autorità di Guangzhou per un commento.

A Shenzhen, le telecamere utilizzate per monitorare i residenti in quarantena in un distretto sono state collegate agli smartphone della polizia e ai lavoratori della comunità, secondo un rapporto sul sito web del governo distrettuale.

Se qualcuno ha rotto la loro quarantena, il rapporto afferma che “la polizia e gli operatori della comunità riceveranno immediatamente un avviso che li informerà che qualcosa non va”.

Schermata dal telefono di un'applicazione utilizzata dalle autorità per monitorare le immagini dalle telecamere installate per le persone sotto quarantena domestica nel distretto di Nanshan, Shenzhen.

Maya Wang, ricercatrice senior della Cina presso Human Rights Watch, ha affermato che i governi possono adottare una vasta gamma di misure per proteggere la salute pubblica nella pandemia, ma “non devono necessariamente coprire la società con dispositivi di sorveglianza”.

“Se si osservano le misure di sorveglianza della Cina durante l’epidemia di coronavirus, dallo sviluppo di codici sanitari all’installazione di telecamere di sorveglianza per imporre la quarantena, si osserva un uso sempre più invadente della tecnologia stazioni di sorveglianza che in precedenza erano visibili solo in regioni particolarmente represse, come lo Xinjiang “, ha detto, riferendosi alla regione dell’estremo occidente in cui si trova la minoranza uigura cinese.

“Le misure di sorveglianza messe in atto durante Covid-19 purtroppo – se non rimandate – vivranno a lungo con noi”.

La posizione legale

La Cina attualmente non ha una legge nazionale specifica per regolamentare l’uso di telecamere di sorveglianza negli spazi pubblici. Il Ministero della Pubblica Sicurezza ha pubblicato un progetto di regolamento sulle telecamere di sicurezza nel 2016, ma l’ordinanza è ancora in attesa di approvazione da parte del legislatore nazionale del paese. Negli ultimi anni, alcuni governi locali hanno emesso le proprie normative sulla fotocamera.

READ  Elezioni del 2022: la Florida potrebbe svolgere un ruolo importante nella corsa presidenziale. Ecco perché

Tong Zongjin, un avvocato di Pechino, ha affermato che l’installazione di telecamere davanti alla porta di una persona è sempre stata in una zona grigia legale.

“L’area di fronte alla porta d’ingresso di una persona non fa parte della loro residenza privata ed è considerata un’area comune. Ma la telecamera può monitorare qualcosa di personale, ad esempio quando la persona lascia e torna nella stanza. casa “, ha detto.

Per aumentare la complessità del problema, queste telecamere sono installate dalle autorità durante un’emergenza di sanità pubblica allo scopo di combattere l’epidemia, quindi la privacy di un individuo deve essere ponderata rispetto al ‘interesse pubblico e sicurezza, ha detto Tong.

Un lavoratore regola le telecamere di sicurezza ai margini della piazza Tiananmen a Pechino il 30 settembre 2014.
Il 4 febbraio, la China Cyberspace Administration ha rilasciato a direttiva, invitando le autorità regionali del ciberspazio a “utilizzare attivamente i big data, comprese le informazioni personali, per sostenere le attività di prevenzione e controllo delle epidemie”, proteggendo al contempo le informazioni personali delle persone.

La direttiva proibisce la raccolta di dati personali per il controllo delle epidemie senza il consenso delle organizzazioni che non hanno ricevuto l’approvazione delle autorità sanitarie del gabinetto cinese, il Consiglio di Stato.

Ha anche affermato che la raccolta di informazioni personali dovrebbe essere limitata a “gruppi chiave” come pazienti Covid-19 confermati o sospetti e ai loro contatti stretti, e che le informazioni raccolte non dovrebbero essere utilizzate per altri né essere resi pubblici senza consenso. Le organizzazioni che raccolgono informazioni personali dovrebbero adottare misure rigorose per proteggere i dati da furti o perdite, afferma il documento.

Lau, l’esperto della privacy, ha affermato che, in base alla legge cinese, le organizzazioni abilitate a raccogliere e divulgare informazioni personali sulle emergenze di salute pubblica includono autorità sanitarie nazionali e regionali, istituzioni autorità mediche, di prevenzione e controllo delle malattie, nonché autorità locali come cantoni e comitati residenti autorizzati dal governo e dalla sede del comando di emergenza.

“Certo, il governo proverà a raccogliere quanti più dati possibili per aiutare a fermare la diffusione del virus, ma ciò deve avvenire attraverso un’adeguata e proporzionata raccolta di dati e (se applicabile) altre intrusioni. nella privacy. metodi per fare lo stesso “, ha detto.

Un passeggero che indossa una maschera usa uno smartphone per scansionare un codice QR di salute della città di Wuhan prima di entrare nell'aeroporto di Tianhe.

Una nuova era della sorveglianza digitale?

All’inizio di questo mese, oltre 100 organizzazioni per i diritti e la privacy in tutto il mondo hanno rilasciato a dichiarazione congiunta Invita i governi a garantire che l’uso delle tecnologie digitali per tracciare e monitorare i cittadini durante la pandemia sia fatto in conformità con i diritti umani.

“Gli sforzi statali per contenere il virus non dovrebbero essere utilizzati come copertura per inaugurare una nuova era di sistemi di sorveglianza digitale invasiva notevolmente ampliati”, afferma la nota.

“La tecnologia può e dovrebbe svolgere un ruolo importante in questo sforzo per salvare vite umane, ad esempio per diffondere i messaggi di sanità pubblica e aumentare l’accesso alle cure sanitarie. Tuttavia, un aumento dei poteri di sorveglianza digitale del Lo stato, come l’accesso ai dati sulla posizione dai telefoni cellulari, minaccia la privacy, la libertà di espressione e la libertà di associazione, in un modo che potrebbe violare i diritti e danneggiare la fiducia nelle autorità pubbliche – minando l’efficacia di qualsiasi risposta di salute pubblica “, ha detto.

Per ora, sembra che le telecamere di sorveglianza sulle porte delle persone non siano qui per restare. Dopo che Ali e Zhou terminarono la loro quarantena, dissero che le telecamere erano state rimosse.

I lavoratori della comunità hanno detto a Zhou che avrebbe potuto tenere la macchina fotografica gratis. Ma Zhou era così arrabbiato che dovette vivere sotto il suo sguardo per due settimane che disse di aver tirato fuori un martello e di aver rotto il dispositivo di fronte agli operai della comunità.

“Se le telecamere di sorveglianza sono collocate in luoghi pubblici, non vi è alcun problema: possono monitorare e scoraggiare atti illegali. Ma non dovrebbero apparire nei nostri spazi privati”, ha detto.

“Non posso sopportare l’idea che le nostre vite quotidiane siano completamente esposte al controllo del governo”.

Shawn Deng a Pechino ha contribuito al rapporto.

source–>https://www.cnn.com/2020/04/27/asia/cctv-cameras-china-hnk-intl/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT