Nnevvy: la campagna di troll cinesi su Twitter rivela una disconnessione potenzialmente pericolosa dal resto del mondo
Dopo che l’attore tailandese Vachirawit Chivaaree ha apprezzato una foto di Twitter che elenca Hong Kong come “paese”, i fan cinesi hanno inondato i suoi commenti su Instagram e altri social media con commenti “corretti”, e ha rapidamente pubblicato scuse per la sua “mancanza di cautela quando si parla di Hong Kong”, che è una città cinese semi-autonoma, non una nazione indipendente.

Vachirawit, che va sotto il nome di “Bright”, non è stata la prima celebrità o marchio straniero a offendere la Cina distorcendo i problemi legati a Hong Kong o Taiwan, o attraversando molte altre linee rosse politiche familiari a quelle che si trovano all’interno del grande firewall cinese.

Inoltre, non è stato il primo a cercare di scusarsi, ma solo per le altre presunte trasgressioni che avrebbero dovuto flirtare con gli utenti Internet nazionalisti cinesi alla ricerca di un nuovo cuoio capelluto.

Per anni, i nazionalisti cinesi di Internet hanno superato il grande firewall per seguire le critiche del paese su siti di social media vietati come Facebook e Twitter. Hanno attaccato pagine gestite dal governo taiwanese, gruppi pro-uiguri e società che credevano di aver offeso la Cina, inondandole di messaggi offensivi e ostacolando le scadenze.
Come vanno i troll cinesi su Internet dopo i critici di Pechino all'estero
Dopo le scuse di Vachirawit, i commenti degli utenti su Weibo, una piattaforma di social media cinese, ha trovato post aggiuntivi da lui disapprovarono, così come i commenti della sua ragazza, che si chiama Nnevvy online, in cui sembrava sostenere l’indipendenza di Taiwan (o almeno che l’isola era separata dalla Cina continentale).

Hanno chiesto un boicottaggio di Vachirawit e del suo programma TV “2 together”, e alcuni hanno iniziato a pubblicare attacchi sulla sua ragazza su Weibo e Twitter sotto l’hashtag #nnevvy.

Sulla piattaforma cinese, l’hashtag ha attirato oltre 1,4 milioni di messaggi e circa 4 miliardi di visualizzazioni, secondo il Global Times, un tabloid sponsorizzato dallo stato. “Non c’è idolo quando si tratta di questioni importanti nel nostro paese”, ha detto il giornale citando un articolo popolare.

L’espressione di sentimenti simili su Twitter è stata accolta dai fan tailandesi, che si sono rapidamente presi di mira dagli utenti cinesi, che hanno pubblicato insulti che degradano il paese del sud-est asiatico e il suo governo. Ma qui, gli utenti, abituati a discutere all’interno dei confini del grande firewall, hanno rivelato quanto sia limitata la loro visione politica del mondo dalla censura e dalla propaganda.

READ  iPhone SE: Apple presenta l'iPhone con budget di seconda generazione

Cercando di insultare i thailandesi con cui hanno litigato, si sono rivolti ai peggiori argomenti che potevano immaginare, ma invece di indignarsi, gli articoli che criticavano il governo thailandese o sollevavano polemiche storiche sono stati accolti con gioia da I thailandesi, per lo più giovani e politicamente liberali. Twitter.

“Dillo più forte!” leggi un articolo dopo che i troll hanno condiviso le foto del massacro dell’Università di Thammasat in cui le truppe governative hanno aperto il fuoco sui manifestanti studenteschi di sinistra nel 1976. Altri thailandesi hanno pubblicato meme che ridevano del la futilità dei troll cinesi cerca di insultarli attaccando un governo che trascorrono gran parte del loro tempo a criticare.
Hong Kong e Manifesti taiwanesi presto si unì, con l’ex legislatore di Hong Kong Nathan Law scrivere il“È così divertente vedere l’esercito online pro-PCC (Partito Comunista Cinese) che tenta di attaccare Bright. Pensano che ogni thailandese debba essere come loro, che ama l’imperatore Xi (il presidente cinese Xi Jinping). Quello che non capiscono è che i fan di Bright sono giovani e progressisti e che l’esercito pro-PCC fa sempre attacchi sbagliati “.
Martedì l’hashtag #nnevvy è ora ampiamente dominato da pubblicazioni anti-cinesi, come lo è #China, nonostante sforzi apparenti per inondarlo di contenuti positivi sul paese. Anche su Weibo, i messaggi più recenti provengono da utenti che parlano del fallimento della “spedizione” prendendo in giro le “piccole rose”, così come i troll nazionalisti e filo-comunisti. conosciuto online.

Mentre tutto ciò può sembrare meschino e senza conseguenze, il fallimento di questa particolare campagna di pesca alla traina mostra un problema più grande. L’atteggiamento espresso dalle “roselline” arrabbiate che si impegnano in esso, un nazionalismo delicato e facilmente offensivo che collega l’amore del paese con l’amore del Partito Comunista e dei suoi leader, si è sviluppato considerevolmente negli ultimi anni. anni, annegando – con l’aiuto dei censori – quali critiche limitate ci fossero sul governo cinese di Internet.

READ  La Marina cinese del PLA controlla il coronavirus e lo spiegamento della portaerei lo dimostra, afferma un rapporto

Questo tipo di pensiero di gruppo potrebbe avere potenziali conseguenze nel mondo reale. Sebbene i leader cinesi non debbano preoccuparsi dell’opinione pubblica allo stesso modo delle loro controparti in una democrazia, non possono ignorarla completamente. Su questioni come l’inquinamento, la corruzione e la sicurezza alimentare, l’opinione pubblica ha avuto un notevole effetto sulla politica del governo, sebbene i censori abbiano lavorato per garantire che le persone non aumentassero la loro insoddisfazione eventi da online a offline.

Tuttavia, in passato le autorità hanno visto sfuggire la rabbia patriottica.

Nel 2012 violenti scontri anti-giapponesi su larga scala scoppiò in diverse città cinesi per una disputa tra Pechino e il Giappone sulla proprietà delle Isole Senkaku, che la Cina chiama Isole Diaoyu, nel Mar Cinese Orientale. Quattro anni dopo, dopo una decisione a favore di Manila all’Aja per rivendicazioni di terreni nel Mar Cinese Meridionale, i manifestanti rivolto a società filippine e americanee chiese al governo di intraprendere azioni militari.
Le proteste nazionaliste e anti-giapponesi sono scoppiate in alcune parti della Cina nel 2012 nel controverso territorio del Mar Cinese Orientale.

In entrambi i casi, un’intensa polizia online e offline è stata in grado di frenare le proteste, ma ha anche esposto il governo a un livello di rabbia pubblica che non era abituato a non cedere alle richieste di una risposta più bellicosa. o in Giappone o in Giappone. Le filippine.

Anche con Hong Kong, il sentimento nazionalista nutrito da Pechino ha in passato creato una sorta di circuito di feedback. Lo scorso anno, nelle intense e spesso violente proteste contro il governo nella città semi-autonoma, i media statali cinesi hanno messo in evidenza gli elementi più estremi del movimento e portato a cospirazioni riguardanti le interferenze straniere.
Puoi essere gay online in Cina? Le società di social media non sono sicure

Ciò ha portato a numerose chiamate online verso la Cina continentale per l’intervento delle forze armate cinesi.

READ  Sindaco di Atlanta: il testo razzista non gli impedirà di parlare per i residenti

Quando il governo di Hong Kong ha piuttosto ceduto ad alcune richieste dei manifestanti, è stato per lo comprensibile shock di molti in Cina, la cui visione dei disordini era stata plasmata dai media statali. Ciò ha portato a un contraccolpo contro Pechino, con alcuni online che si ponevano l’ovvia domanda sul perché i manifestanti di Hong Kong, che i media statali avevano costantemente chiamato ribelli, potevano ottenere concessioni?

Un livello simile di disconnessione e rabbia è stato osservato quando i partiti a favore della democrazia hanno vinto un grande premio alle elezioni locali a Hong Kong, nonostante le previsioni sicure da parte dei media statali e di altre voci di Internet cinesi rispetto alle persone della città li respingerebbe.

In entrambi i casi, proprio come i troll #nevvy non erano in grado di concepire che chiunque non fosse offeso deridendo il loro governo, i limiti dell’immaginazione politica erano stati limitati dalla censura e dalla propaganda.

Mentre alcuni di Hong Kong e di Taiwan hanno cantato prima dell’imbarazzo dei troll cinesi, non dovrebbero essere troppo compiaciuti delle potenziali ramificazioni per qualsiasi futuro dibattito sulla sovranità dell’uno o dell’altro territorio.

Se un giorno i leader cinesi si ritrovassero intrappolati nel loro angolo dalla loro stessa propaganda, incapaci di cercare o addirittura contemplare soluzioni più pragmatiche, i risultati potrebbero essere potenzialmente disastrosi.

source–>https://www.cnn.com/2020/04/14/asia/nnevvy-china-taiwan-twitter-intl-hnk/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *