Coronavirus in Sudafrica: i senzatetto si sono riuniti in uno stadio sportivo mentre la pandemia separa i ricchi dai poveri

“Vai a casa. Prendi le tue cose e vai”, ha gridato. Era un’istruzione impossibile per un gruppo di senzatetto che si muovevano sotto le loro scatole e sacchi a pelo.

I flussi della maggior parte dei giovani apparivano nei vicoli e sotto le tende del negozio nel centro di Johannesburg, alcuni portavano sacchetti di scuola, altri reggevano sacchetti di immondizia di plastica nera con tutti i loro averi.

“Faremo fatica a farlo”, ha detto Philip Janjtie, un giovane senzatetto che era andato in città per cercare lavoro.

Il primo giorno di coronavirus, o Covid-19, chiudendo venerdì scorso in Sudafrica, il brutale divario nella società più disuguale del mondo è stato immediatamente messo in luce. Finora, più di 1.300 persone hanno avuto la malattia in Sudafrica, ma le autorità si stanno preparando al peggio.

Nei ricchi sobborghi, le persone si sono svegliate con la realtà imbarazzante di tre settimane isolate nelle loro case. È consentito solo il viaggio essenziale e i parchi sono chiusi. Ma molti hanno giardini per i loro figli.

Negli insediamenti informali e nei centri cittadini di tutto il paese, tuttavia, i sudafricani hanno scelte limitate per proteggersi dal virus.

In questo continente, la distanza sociale è un rifugio per la disuguaglianza privilegiata e radicata è la realtà ovunque. A Lagos, Nigeria – dove l’economia informale è la pietra angolare e la linfa vitale per milioni di persone – i mercati sono ora chiusi. La polizia in Kenya ha imposto un coprifuoco con manganelli e gas lacrimogeni
Linee di senzatetto sudafricani attendono il trasporto della polizia verso rifugi temporanei nel centro di Johannesburg.
I senzatetto sudafricani a Johannesburg vengono caricati sul retro di un camion della polizia dove viene loro detto che saranno portati in un rifugio per rimanere lì mentre sono in isolamento.

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa vuole che i militari qui siano una forza per sempre.

Ma i tentacolari cantoni e diverse migliaia di senzatetto sono stati una sfida straordinaria per il suo governo durante questa pandemia.

READ  Gli Stati Uniti riceveranno 750.000 test per il coronavirus dalla Corea del Sud

Lunedì, quarto giorno di isolamento, almeno 1.000 senzatetto sono stati riuniti e stipati in uno stadio di calcio arrugginito nella capitale del paese, Pretoria.

Una lunga fila di loro si accovaccia sul pavimento di cemento. La linea uscì dal campo e si aprì sulla strada dove allestirono una clinica di metadone improvvisata.

“L’obiettivo qui è mantenere Covid fuori da questa comunità”, ha dichiarato Sasha Lalla, leader di COSUP, un programma di dipendenza sostenuto dalla città. Teme che le migliaia di senzatetto a Pretoria saranno le più colpite se il virus si diffonde.

“Penso che vedremo quindi una situazione in cui le persone con un sistema immunitario compromesso non sono solo a rischio per Covid-19, ma anche a rischio di morte. Abbiamo la responsabilità di proteggere i nostri più vulnerabili”, ha dichiarato.

All’interno dello stadio, molti uomini avevano troppa paura di dormire nelle dozzine di tende verdi dell’esercito sul terreno, temendo il virus. Alcune siringhe giacevano nell’erba accanto a un’entrata.

Le tende devono dormire due o al massimo tre di notte per imporre l’allontanamento sociale. Ma le autorità ammettono che ce ne sono più di 10 per una tenda.

Invece, molti uomini hanno dormito sugli spalti. Anche se lo dicono apertamente, rischiano di essere derubati.

“Ci hanno messo qui e ora siamo vicini gli uni agli altri. Ecco perché saremo vulnerabili alla cattura di Corona. Il nostro governo ci ha deluso”, afferma Simon. Dice che si sentirà più sicuro per strada.

“Due settimane e eseguiamo cadaveri qui. Due settimane!” predice Dennis, appoggiato su una stampella nel mezzo di una tenda.

“Preferisco fare le valigie e andare a vivere lì per strada. O nella boscaglia da qualche parte da solo, piuttosto che rischiare la mia vita di qualcosa che qualcuno ti promette”, ha aggiunto.

READ  In una vittoria apparente per Netanyahu, il suo rivale Gantz lascia gli alleati e si dirige verso l'unità

Lalla dice che ci vorrebbe solo un caso di virus respiratorio nello stadio per iniziare un disastro.

“Sarebbe come un incendio”, ha detto.

“Speriamo davvero che nessuno abbia contratto la malattia in questo momento. E in tal caso, ci trasferiremo in alcune delle nostre strutture di quarantena”, ha detto il portavoce della città Omogolo Taunyane.

Finora non hanno testato nessuno. Ma dicono di pianificare quando si trasferiranno nei rifugi.

Scuole, chiese e parcheggi sono tutti trasformati in rifugi in una corsa disperata per combattere il virus più vulnerabile. I funzionari della città sperano di collocare molti di questi uomini in questi rifugi.

Ma Lalla afferma che sono necessari approcci più radicali, specialmente in un paese con un tale abisso tra ricchi e poveri.

“Spesso sono persone dimenticate e non ci rendiamo conto di quanto siano vulnerabili e bisognose”, afferma. Lalla spera che gli hotel ormai vuoti aiuteranno a schiacciare l’umanità che deve uscire dalle strade.

Il sesto giorno, le autorità hanno già suggerito che il blocco potrebbe durare più di 21 giorni. Il Sudafrica mobilita 10.000 operatori sanitari per eseguire test da casa a casa.

Nei distretti borghesi, i marciapiedi sono vuoti e non ci sono macchine sulla strada. Ristoranti, tatuaggi, bar e caffè sono tutti chiusi nella famosa Seventh Street di Johannesburg, nel quartiere di Melville. Un camion solitario gira al minimo mentre consegna il pane a un negozio di alimentari locale.

Ognuno si sacrifica a causa di questo virus; i ricchi e i poveri.

Ma nel centro di Johannesburg, le persone si mettono in fila per comprare cibo – non possono permettersi di fare scorta. È la loro routine quotidiana. I taxi funzionano; i touts continuano a spingere. È più silenzioso del solito. Ma la vita in questa nazione di due chiuse continua.

READ  Incontra l'infermiera di terapia intensiva che rimase in silenzio per protestare contro una manifestazione per riaprire l'Arizona

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_africa/~3/qqRITHkZ818/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *