I prezzi del petrolio sono diventati negativi. Centinaia di compagnie petrolifere statunitensi potrebbero fallire

Questo doppio cigno nero ha fatto scendere i prezzi del petrolio a livelli che impediscono alle compagnie petrolifere americane di fare soldi. Il greggio americano per la consegna di maggio è diventato negativo lunedì – qualcosa che non è mai successo da quando i futures NYMEX hanno iniziato a essere negoziati nel 1983. È stato senza dubbio il peggior giorno del mercato petrolifero mai registrato.

Il greggio americano per la consegna di giugno è ancora scambiato sopra i $ 20 al barile, ma anche questo è terribile.

“$ 30 è già abbastanza male, ma una volta che hai raggiunto $ 20 o addirittura $ 10, è un vero incubo”, ha dichiarato Artem Abramov, responsabile della ricerca scisto di Rystad Energy.

Molte compagnie petrolifere hanno assunto troppi debiti durante i periodi positivi. Alcuni di loro non saranno in grado di sopravvivere questa recessione storica.

In un ambiente petrolifero di $ 20, 533 compagnie statunitensi di esplorazione e produzione petrolifera presenteranno bancarotta entro la fine del 2022, secondo Rystad Energy. A $ 10, ci sarebbero più di 1.100 fallimenti, stima Rystad.

“A $ 10, quasi tutte le società americane E&P che hanno debiti dovranno archiviare il capitolo 11 o prendere in considerazione opportunità strategiche”, ha affermato Abramov.

I tagli dell’OPEC non hanno posto fine al panico

La parte più sorprendente del calo record dei prezzi del petrolio è che arriva dopo che la Russia e l’Arabia Saudita hanno concordato di porre fine alla loro epica guerra dei prezzi dopo l’intervento del presidente Donald Trump. OPEC + ha accettato di ridurre la produzione di petrolio di un importo record.

Trump ha affermato che l’accordo OPEC + salverebbe innumerevoli posti di lavoro e la stabilità essenziale per il settore petrolifero.

“Ciò consentirà di risparmiare centinaia di migliaia di posti di lavoro negli Stati Uniti”, ha twittato Trump il 12 aprile. “Vorrei ringraziare e congratularmi con il Presidente della Russia Putin e il Re Salman dell’Arabia Saudita.”

READ  Coronavirus, Fiaba in seduta plenaria: "Altri 25 miliardi di liquidità creditizia. Probabile recessione in Europa"

Tuttavia, il greggio ha continuato a crollare, in parte perché questi tagli alla produzione non iniziano fino a maggio. E la domanda continua a scomparire quando getti, automobili e fabbriche vengono messe da parte dalla pandemia di coronavirus.

La speranza nell’industria petrolifera è che i prezzi negativi di lunedì siano in qualche modo un colpo di fortuna causato dal rollover dei contratti futures.

Il record più basso per il contratto di maggio proviene da un volume di transazioni molto basso prima della scadenza di martedì. Questo perché si teme che non ci sia spazio per conservare questi barili consegnati a maggio. Il contratto di giugno, tuttavia, è sceso solo del 10% a $ 22 al barile. E il Brent, il benchmark globale, è sceso solo del 5% a $ 26,50 al barile.

Tuttavia, i contratti petroliferi vengono rinnovati ogni mese e non rientrano nei minimi storici.

“Ci saranno molte aziende che non sopravviveranno a questa crisi”, ha dichiarato Ryan Fitzmaurice, stratega energetico di Rabobank. “È uno dei peggiori mai registrati.”

Stress “senza precedenti” nell’industria petrolifera

Segni di stress abbondano nella macchia d’olio.

Il settore energetico dell’S & P 500 ha perso oltre il 40% del suo valore quest’anno, nonostante il drammatico rally del mercato azionario generale nell’ultimo mese.

Energia nobile (NBL), Halliburton (HAL), Olio di maratona (MRO) e western (OXY) hanno perso tutti più di due terzi del loro valore. Lo stesso membro Dow ExxonMobil (XOM) è in calo del 38%.
Whiting Petroleum divenne il primo domino morire per quando l’ex stella di scisto ha chiesto protezione per il capitolo 11 il 2 aprile. Ma non sarà certamente l’ultimo.

Lo scenario di $ 20 di Rystad prevede che più di $ 70 miliardi di debito da compagnie petrolifere verranno riorganizzati in fallimento, seguiti da $ 177 miliardi nel 2022. E questo tiene conto solo delle società di esplorazione e produzione, e non dall’industria dei servizi, che fornisce gli strumenti e la manodopera per i trapani.

READ  Chi ha padroneggiato (e soffocato) la bozza virtuale della NFL

La chiave sarà per quanto tempo i prezzi del petrolio rimarranno economici. Un rapido rimbalzo dei prezzi potrebbe consentire a molte compagnie petrolifere di evitare il fallimento.

Buddy Clark, copresidente delle pratiche energetiche dello studio legale Haynes e Boone a Houston, ha affermato che il suo studio è “estremamente impegnato” a lavorare su potenziali fallimenti petroliferi. Haynes e Boone furono costretti a ritirare gli avvocati da altre aree dell’azienda per lavorare sul problema del petrolio.

“Non credo di aver visto nulla di simile in vita mia. È senza precedenti”, ha affermato Clark, che ha iniziato a lavorare nel settore nel 1982.

Clark ritiene che, nonostante il continuo crollo dei prezzi, nel 2022 ci saranno ancora – “solo” – 100 fallimenti petroliferi.

“È difficile credere che 100 fallimenti siano una visione ottimistica. Ti mostra solo dove siamo”, ha detto Clark.

La liquidazione potrebbe essere in corso

Probabilmente ci sarebbero già più fallimenti senza l’estrema volatilità dei prezzi del petrolio. Clark ha affermato che le aziende stanno lottando per sviluppare piani di ristrutturazione perché non sanno quale sarà il prezzo del prodotto.

“Ironia della sorte, il calo dei prezzi ha rallentato il processo”, ha detto Clark. “Un certo numero di aziende potrebbe aver accelerato l’archiviazione, ma devono tornare al tavolo da disegno”.

Le terribili prospettive dell’industria petrolifera renderanno molto difficile per le aziende che cercano di riorganizzare le procedure del capitolo 11 per ottenere i finanziamenti e il sostegno necessari. I possessori di quote che normalmente scambiano il proprio debito con capitale proprio potrebbero non volere questo capitale.

Ciò significa che, diversamente dall’incidente 2014-2016, alcune compagnie petrolifere potrebbero non sopravvivere completamente.

“Il capitolo 11 richiede sponsor finanziari per supportarti. Puoi vedere più liquidazioni dal capitolo 7”, ha affermato Reid Morrison, leader statunitense nel settore energetico presso PwC.

Lo scenario da incubo potrebbe offrire opportunità di acquisto redditizie per i maggiori attori del settore. In effetti, le compagnie petrolifere in difficoltà, in bancarotta o prima, saranno costrette a vendere aree privilegiate – a prezzi di vendita incendiari. Exxon e gallone (CLC), i grandi maestri del settore, potrebbero essere tentati di fare acquisizioni.

“Quelli con bilanci solidi trarranno beneficio dalla situazione”, ha detto Morrison.

READ  Questa piccola parrocchia della Louisiana ha il più alto tasso di mortalità pro capite per coronavirus nel paese

Tuttavia, ha osservato che nei prossimi sei mesi i supermajors saranno “cauti nel premere il grilletto”, poiché devono prima difendere i loro ambiti dividendi.

I prossimi domino?

L’incidente petrolifero ha scatenato un gioco d’ipotesi per le aziende che soccomberanno al fallimento. Le imprese più vulnerabili sono quelle che hanno accumulato troppi debiti, affrontano scadenze di debito incombenti e non possono generare flussi di cassa nemmeno per pagare i propri interessi.

Abramov de Rystad ha detto che “nessuno sarebbe sorpreso” se Chesapeake Energy (CHK) e Oasi di petrolio (OAS) sono stati costretti a considerare il fallimento.
Chesapeake ha recentemente sospeso il pagamento dei dividendi sullo stock preferito. Il suo prezzo delle azioni è crollato così in basso che si è trasformato in una divisione inversa di uno su 200 per soddisfare i requisiti del mercato azionario.

Quest’anno il trapano da scisto Oasis ha perso oltre il 90% del suo valore. Le sue azioni sono scambiate al di sotto di 30 centesimi.

Sebbene i frackers americani siano rimbalzati dopo l’incidente petrolifero del 2014-2016, si teme che l’industria dello scisto sarà definitivamente segnata.

Gli investitori erano già stanchi degli orribili rendimenti del settore dopo anni di spese eccessive e di eccesso di offerta. E questo era prima del grande incidente petrolifero del 2022.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/VZEtFPd0ugw/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT