Il tribunale federale autorizza nuovamente taluni aborti in Texas nonostante le restrizioni del coronavirus soggette a restrizioni del governatore

Il giudice Lee Yeakel ha impedito allo stato di far rispettare l’ordine in particolare “come un divieto categorico su tutti gli aborti commessi dai denuncianti” e in particolare contro coloro che praticano aborti medici o aborti chirurgici per chi cerca l’aborto che avrebbe raggiunto 22 settimane dall’ultimo periodo mestruale – la scadenza per ricevere un aborto in Texas – prima della scadenza dell’ordine il 21 aprile.

La decisione si applicherebbe anche agli aborti chirurgici eseguiti su coloro che, a partire dal 21 aprile, raggiungono le 18 settimane dall’ultimo periodo mestruale, rendendoli ammissibili agli aborti solo nei centri di chirurgia ambulatoriale e “probabilmente incapaci di raggiungere un centro chirurgia ambulatoriale in Texas o per ottenere cure per l’aborto “, ha scritto Yeakel.

“Come minimo, è un onere eccessivo per il diritto di una donna ad un aborto praticabile”, ha scritto giovedì.

La decisione segna un altro punto di svolta in un caso che è rimbalzato tra tribunali giungendo a conclusioni opposte, confondendo le linee su quali forme di procedura consentite in Texas e quando.

I funzionari statali hanno scelto di includere gli aborti elettivi in ​​un ordine che limita le procedure mediche durante l’epidemia di coronavirus, sottolineando la necessità di conservare i dispositivi di protezione individuale. I sostenitori dei diritti di aborto hanno criticato questa decisione per motivi politici.

Martedì, la Corte d’appello del Quinto circuito si è pronunciata a favore del Texas e ha permesso all’ordine di rimanere in vigore, pulendo Yeakel avviso dalla scorsa settimana chi ha bloccato l’ordine. Decisioni contrastanti scatenano la possibile battaglia della Corte Suprema

Ma Yeakel giovedì ha concesso la petizione ai gruppi per i diritti di aborto per un altro blocco temporaneo dopo la decisione della corte d’appello.

READ  I tatuatori sono arrabbiati e frustrati dopo essere stati esclusi dai piani di riapertura

Per i cercatori di aborto che avrebbero raggiunto le 22 settimane dall’ultimo periodo mestruale in cui l’ordine scade il 21 aprile, “il decreto è un divieto assoluto di aborto”, ha scritto Yeakel.

“Quando un ritardo temporaneo raggiunge LMP di 22 settimane, il divieto non è temporaneo, è assoluto”, ha aggiunto. “Un divieto in un periodo limitato diventa un divieto totale alla fine di quel periodo.”

Le decisioni giudiziali avanti e indietro sono iniziate dopo il repubblicano del Texas Governatore Greg Abbott il mese scorso ha vietato “tutti gli interventi chirurgici e le procedure che non sono immediatamente necessari”, con effetto immediato.

Il procuratore generale del Texas Ken Paxton in seguito ha chiarito che “qualsiasi tipo di aborto non necessario dal punto di vista medico per preservare la vita o la salute della madre” è stato incluso nell’ordine, il che ha portato a un proteste da parte di fornitori pubblici di aborti e gruppi nazionali di aborti il ​​mese scorso.

Alla fine il caso potrebbe essere deferito alla Corte suprema se il modello di ricorso continua. Paternità pianificata Martedì, ha detto alla Corte d’appello che se non si fosse pronunciato sulla questione dell’aborto legato alla pandemia quando gli uffici fossero chiusi, il gruppo sarebbe andato direttamente alla Corte Suprema la mattina successiva per chiedere un risarcimento. .

Un argomento chiave nel dibattito è stato l’argomento dei funzionari statali secondo cui l’ordinanza preserva le scorte di dispositivi di protezione individuale, che è diventata una risorsa sempre più preziosa man mano che si sviluppa l’epidemia di coronavirus. continua.

Secondo il giudizio di martedì, la corte d’appello ha affermato che “non è chiaro per quanto tempo durerà la crisi” ma che la sua revisione del caso, in una fase preliminare, “rivela prove considerevoli che il gli aborti chirurgici consumano DPI “. Il tribunale ha dichiarato che il record non è ancora chiaro su come “i DPI siano consumati nell’aborto medico”, il che implica generalmente che i richiedenti l’aborto assumano due pillole.

READ  Qatar, Russia negano le accuse di corruzione che circondano le offerte della Coppa del Mondo

Ma Yeakel sembra accettare le affermazioni dei gruppi per i diritti all’aborto secondo cui l’aborto medico “non richiede l’uso di DPI” e che “i fornitori di aborto generalmente non usano maschere N95” .

Sebbene il caso del Texas sia apparso come uno dei più avanzati, altri ordini simili presentati da diversi stati durante l’epidemia sono stati anche oggetto di sfide giudiziarie. Giudici federali in Oklahoma, Ohio e Alabama si sono mossi nei giorni scorsi per bloccare gli ordini da questi stati limitando gli aborti elettivi. Un’altra corte d’appello di lunedì ha confermato la decisione di un tribunale inferiore che ha bloccato l’ordine dell’Ohio.

Paxton ha promesso di fare appello contro la decisione di giovedì in Texas sul quinto circuito, sostenendo che l’azione di Yeakel “sfida” la corte superiore e “dimostra mancanza di rispetto per lo stato di diritto”.

Attivisti per i diritti di aborto hanno applaudito la decisione di giovedì. Alexis McGill Johnson – presidente ad interim e CEO di Planned Parenthood, uno dei querelanti nel caso – ha definito la decisione “un sospiro di sollievo temporaneo per almeno alcuni pazienti del Texas” e ha promesso di “continuare a combattere questi crudeli attacchi ai nostri pazienti “.

Ariane de Vogue della CNN ha contribuito a questo rapporto.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_us/~3/8V-QTecKX1w/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *