La popolazione ispanica americana devastata dalla pandemia di coronavirus

Nel mezzo di uno scoppio, Chicago Latinos rappresenta quasi il 39% dei casi confermati di coronavirus, sebbene rappresenti quasi il 30% della popolazione. Quattro settimane fa, la percentuale di casi confermati tra i residenti latini era solo del 14%.

Alex “Demo” Ramirez è uno di quei casi che sono risultati positivi al coronavirus il 1 maggio.

“Ho iniziato a muovermi e non riuscivo a respirare”, ha detto Ramirez, parlando alla CNN attraverso la finestra del suo appartamento nel seminterrato.

Il 28enne dice di non pensare che la gente abbia preso la pandemia abbastanza seriamente all’inizio. Ma non conosce anche molte persone che possono stare a casa al lavoro.

“Molte persone non hanno questo vantaggio”, ha detto Ramirez. “È un vero vantaggio, essere in grado di rimanere a casa per due settimane e non dover lavorare”.

Per coloro che devono andare al lavoro, i test sono probabilmente la loro migliore difesa. Un sito di test di quartiere gestito dall’organizzazione comunitaria Project Vida con sede a Chicago insieme a Howard Brown Health, esegue circa 120 test al giorno. Il sito di test ha subito una tale richiesta sin dall’inizio che a volte ha dovuto rifiutare le persone semplicemente per mancanza di risorse umane, mancanza di tempo o persino esaurimento.

Quando hanno aperto per la prima volta tre settimane fa, il direttore esecutivo del progetto Vida, Jerome Montgomery, ha dichiarato di avere un tasso di positività del 47% tra quelli testati e solo circa un terzo di queste persone ha avuto sintomi.

“Da allora, il nostro tasso di positività ha raggiunto il 57,21%”, ha dichiarato Montgomery.

“Le cose non sembrano rallentare. Al contrario, si stanno intensificando. La pandemia può essere nuova, ma le crisi e le risorse sproporzionate non lo sono.”

READ  Siya Kolisi: un eroe del rugby aiuta i cantoni durante il blocco

“Muori a un ritmo più alto”

L’alto tasso di infezione da coronavirus a Chicago tra i latini riflette una tendenza osservata nelle città di tutto il paese.

In California, i latini rappresentano il 70% di tutti i decessi correlati al coronavirus nella popolazione di età compresa tra 18 e 49 anni, sebbene rappresentino solo il 43% della popolazione, secondo i dati del Dipartimento della sanità pubblica della California.

“Questo è l’aspetto professionale – un numero sproporzionato di comunità nere e marroni non telelavorano o lavorano da casa. Sono in prima linea”, ha dichiarato il governatore della California Gavin Newsom, durante un i suoi aggiornamenti quotidiani sui coronavirus.

A New York, gli ispanici muoiono a tassi superiori di oltre il 50% rispetto alle loro controparti bianche e più del doppio del tasso di asiatici, secondo il Servizio sanitario di New York City.

“Stiamo morendo a un ritmo più alto perché non abbiamo altra scelta”, ha dichiarato Frankie Miranda, presidente della Federazione ispanica, un’organizzazione nazionale latinoamericana che sostiene le famiglie e le comunità ispaniche. “Questi sono i distributori di cibo, le persone che sono i lavoratori quotidiani, i lavoratori agricoli, queste sono le persone che lavorano nei ristoranti. Questi sono servizi essenziali, e ora non beneficiano delle protezioni che possono avere in alcuni altre industrie “.

“Ti spinge a fare cose che non hai mai fatto prima”

In pochi mesi, il record economico di Covid-19 ha lasciato conseguenze per tutta la vita. Con la disoccupazione negli Stati Uniti che raggiunge livelli mai visti dopo la Grande Depressione, la disoccupazione ispanica si attesta a quasi il 19%, un livello record e superiore a qualsiasi altro gruppo demografico.

READ  Il coronavirus ha creato un divario tra gli Stati Uniti e la Cina che può richiedere una generazione per guarire

“Stiamo lottando”, ha dichiarato Patty Navarro, direttrice di Novias Davila, una boutique da sposa del Little Village. Con balli e matrimoni in sospeso fino a nuovo avviso, Navarro è passato a fare maschere. Dice che il suo negozio originariamente ha donato più di 10.000, ma ora li vende per $ 5 ciascuno.

Patty Navarro, la direttrice della boutique di Chicago Novias Davila, ha abbandonato la sua attività di realizzare abiti per maschere.

“Ti spinge a fare cose che non hai mai fatto prima”, ha detto Navarro. “Non è facile.”

Michael Rodriguez, consigliere comunale del Distretto 22 di Chicago, che comprende Little Village, concorda sul fatto che la comunità sta affrontando sfide senza precedenti.

“Abbiamo molto lavoro da fare”, ha detto. “Little Village è pieno di persone della classe operaia, persone essenziali per la nostra economia, persone che sono la spina dorsale dell’economia di Chicago. E il fatto è che sono costretti a lavorare. “

È una realtà in atto in tutto il paese e un cappello ha probabilmente contribuito alle infezioni e persino alle morti, hanno detto gli esperti di salute.

“La gente sta perdendo persone qui”, ha detto Ramirez, indossando una maschera e guanti a casa, mentre si stava riprendendo dal suo ricovero per coronavirus.

Disse: “Devi prenderlo sul serio come ti sei suicidato”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/eNLKWw_ggpk/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT