L’artista Toyin Ojih Odutola disegna ritratti complessi di vita nera

Scritto da Jacqui Palumbo, CNN

L’artista nigeriano-americano Toyin Ojih Odutola è noto per i suoi ricchi ritratti strutturati di vita nera, sovrapposti attraverso una complessa penna a sfera, carbone e pastello.

Nata nel 1985, Ojih Odutola è fondamentalmente una narratrice, influenzata dalle tradizioni narrative della sua infanzia. La sua mostra del 2017 al Whitney Museum, la sua prima mostra personale a New York, ha rivelato una storia doppia e interconnessa su due famiglie aristocratiche immaginarie in Nigeria.

Più di recente, quando il Barbican Centre di Londra ha chiuso a causa delle restrizioni Covid-19 a marzo, pochi giorni prima della sua prima mostra nel Regno Unito, “Una teoria compensativa“, doveva aprire. Ora, con il rinvio della mostra, Ojih Odutola ha organizzato una mostra virtuale per la Jack Shainman Gallery di New York”Raccontami una storia, non mi importa se è vera“, composto principalmente da opere create mentre l’artista era a casa negli ultimi mesi.
Ojih Odutola espone nuove opere, prodotte durante la chiusura, durante una mostra virtuale per la Jack Shainman Gallery di New York.

Ojih Odutola espone nuove opere, prodotte durante la chiusura, durante una mostra virtuale per la Jack Shainman Gallery di New York. Credito: Toyin Ojih Odutola

Il suo spettacolo Barbican ancora da vedere si concentra sulla creazione di miti e presenta 40 disegni basati su un’antica leggenda, situata in Nigeria, che l’artista immaginava. Il suo show virtuale più intimo per Jack Shainman, d’altra parte, si concentra su storie solitarie e fluide raccontate attraverso immagini e testo.

Qui, Ojih Odutola discute le due mostre, la sua ricca esplorazione dell’identità nera e come l’arte possa essere un balsamo e uno spazio di agenzia in tempi di crisi.

Lo spettacolo Ojih Odutola 2017 a Whitney a New York ha contribuito ad aumentare la sua visibilità internazionale.

Lo spettacolo Ojih Odutola 2017 a Whitney a New York ha contribuito ad aumentare la sua visibilità internazionale. Credito: Beth Wilkinson / Toyin Ojih Odutola

CNN: Puoi spiegarci cosa vostro Lo spettacolo Barbican apparirà quando sarà presentato?

Toyin Ojih Odutola: alcune stanze sono alte un metro e mezzo e altre sono molto piccole. Tutto questo si basa su un mito che ho scritto l’anno scorso che coinvolge un’antica civiltà e che si trova nello stato di Plateau nella Nigeria centrale. Per me, era una necessità approfondire la narrazione visiva in un modo che fosse coinvolgente e diverso, e che fosse molto presente.

READ  Hotel di lusso in Asia che offrono grandi offerte per i viaggiatori nel mezzo del coronavirus

Ci sono queste strisce in ogni disegno e possono apparire come un motivo decorativo, ma in realtà questo è il sistema al lavoro. Quando vedi un disegno interamente popolato da queste linee, vedi il sistema che non è parlato, non visto, ma che è ovunque nel mondo di questi personaggi. Li influenza e li influenza, ma non lo riconoscono. È proprio lì. Quindi ovviamente influenza tutto.

(La mostra) tratta di genere, potere, gerarchie, oppressione e imperialismo in un modo che, spero, se esposto, è molto sottile e sfumato e parla della natura insidiosa di oppressione sistemica.

Il salone Barbican ha dato a Ojih Odutola l'opportunità di lavorare su una scala ambiziosa, mescolando opere monocromatiche su larga scala e intime basate su un mito antico immaginato.

Il salone Barbican ha dato a Ojih Odutola l’opportunità di lavorare su una scala ambiziosa, mescolando opere monocromatiche su larga scala e intime basate su un mito antico immaginato. Credito: Toyin Ojih Odutola / Barbacane

Come è nata la tua nuova mostra virtuale, “Raccontami una storia, non mi importa se è vera”?

Il titolo dello spettacolo mi è venuto in mente a febbraio prima del blocco. Era qualcosa che sembrava giusto e applicabile al momento. È una serie di dittici, disegni autonomi e opere di testo autonome. Queste sono storie che mi sono venute in mente, il che era abbastanza nuovo per me perché tendo a pianificare molto. Questo spettacolo è stato molto più introspettivo.

Queste storie sono aneddotiche; queste sono vignette isolate. Non c’è troppo contesto, ma solo informazioni sufficienti per capire. C’è una conversazione tra immagine e testo. In uno, incontri una figura appoggiata a un divano e puoi ottenere le tue idee su ciò che pensa quella figura: l’interiorità del momento. E poi leggi il testo, vai avanti e indietro tra i due e hai il tuo senso.

L’udito è un’attività. Prenditi un momento, prenditi un colpo. Spero che questo sia un modo per mettere in discussione ciò che vedi e leggi.

Quali tradizioni orali o scritte legate ai miti ti hanno influenzato?

Sono cresciuto in una casa in cui l’oratorio era il mezzo. Riunire e ascoltare qualcuno raccontare una storia è parte integrante della cultura nigeriana. Sono anche cresciuto in una casa con due genitori incredibilmente divertenti a cui piace raccontare storie su qualsiasi cosa. L’ho sempre amato. E non è stato fino a quando sono diventato molto più vecchio che ho capito quanto fosse prezioso avere questa esperienza e avervi accesso.

READ  Locali notturni, fonti governative: "Tenerli aperti è un rischio". Coordinatore CTS Miozzo: "Le aggregazioni di massa sono devastanti"

Quando ho iniziato la mia carriera, stavo solo disegnando figure e non pensavo davvero alla narrazione. Ma c’è una ricchezza di conoscenza che ho già nella mia storia ed esperienza personale – e posso applicarla a una narrazione visiva e aiutare davvero le persone a vedere le possibilità del lavoro figurativo.

Ojih Odutola espone nuove opere, prodotte durante la chiusura, durante una mostra virtuale per la Jack Shainman Gallery di New York.

Ojih Odutola espone nuove opere, prodotte durante la chiusura, durante una mostra virtuale per la Jack Shainman Gallery di New York. Credito: Toyin Ojih Odutola

Sono fortemente influenzato dai fumetti e dall’animazione. Per lo spettacolo Barbican, impegnarmi nella mitologia epica era il mio modo di essere completamente libero e creare qualcosa da zero. A differenza di “Raccontami una storia, non mi importa se è vera”, non c’è testo (nello spettacolo Barbican) – non c’è riferimento per il pubblico e tutto proviene da un altro mondo e strano. Ma quello che spero è che camminando in questo spazio, inizino ad abituarsi al mio linguaggio visivo.

Spesso esplori la trama e il significato della pelle nel tuo lavoro. Come si è evoluto questo con la tua pratica?

All’inizio, volevo trovare un modo per tradurre visivamente l’aspetto della pelle. Uso linee nervose; è molto laminato e ho principalmente lavorato a inchiostro con la penna a sfera. E poi ho iniziato a includere altri materiali di disegno come carboncino e pastello e ora, più recentemente, matita colorata e grafite.

Ojih Odutola confronta la pelle nera con l'acqua, definendola

Ojih Odutola confronta la pelle nera con l’acqua, definendola “una superficie mercuriale, un terreno … un luogo dove proliferano tanta bellezza e positività”. Credito: Toyin Ojih Odutola / Barbacane

Quando penso alla superficie della pelle, penso al lavoro dell’artista multimediale Roni Horn, chi usa l’acqua come metafora per una superficie ambigua e in continua evoluzione. Penso alla pelle in una luce molto simile. La pelle è macinata. È un paesaggio su cui proiettate significati. Ha una sua storia.

Quando guardo la pelle nera, la considero una superficie mercuriale – una terra, una costruzione, una proiezione, ma anche un luogo dove proliferano tanta bellezza e positività. Capisce così tanto e lo sostiene.

READ  L'hotel australiano vieta l'emù turbolento per comportamenti scorretti

Dopo la morte di George Floyd, ci sono state così tante conversazioni sul trauma nero, sui ritratti dei neri nei media e su come vengono diffuse queste immagini. Come pensi che l’arte possa svolgere un ruolo in questo momento?

C’è molto rumore: le immagini possono essere rumorose. Ma con l’arte, sei solo tu e quest’opera. Stai dialogando con esso e non c’è modo giusto o sbagliato di essere coinvolto. L’arte offre alle persone l’opportunità di stare fermi, pensare e digerire questo momento e cercare di capirlo.

Ojih Odutola vuole che la sua arte offra uno spazio attraverso il quale gli spettatori possano riflettere e arrivare alle proprie interpretazioni.

Ojih Odutola vuole che la sua arte offra uno spazio attraverso il quale gli spettatori possano riflettere e arrivare alle proprie interpretazioni. Credito: Toyin Ojih Odutola

Ho stretto un patto con me stesso, in qualità di creatore di immagini, che se voglio contribuire con immagini alla pletora di quelle disponibili su Internet, non mostrerò dolore nero, morte o trauma.

Questa è la mia scelta E se sei un artista che si prende cura di queste cose, va bene. Non sto dicendo che sia buono o cattivo, ma per me è molto importante fornire immagini e testi che diano alla gente qualcos’altro con cui interagire perché sappiamo già che il trauma e il dolore è una cosa triste e sfortunata che unisce i neri a livello globale.

I neri sono catalizzatori. In ogni società di cui abbiamo fatto parte, la nostra cultura ha lasciato un segno indelebile. Non è una coincidenza E quindi non dovremmo sempre pensare che veniamo da un luogo di mancanza, che siamo indifesi. Non sto dicendo che queste non sono realtà. Ma non è così che dovremmo leggere noi stessi come comunità, come collettività (e) come diaspora luminosa e diversificata.

E come membro della diaspora, voglio dare alle persone uno spazio per sfruttare il loro potenziale, toccare le nostre capacità. Sì, hanno paura di noi perché non sanno di cosa siamo capaci. Ma noi non dovremmo avere paura di ciò di cui siamo capaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *