Recensione di “Never Have I Ever”

Creata da Mindy Kaling, la serie semi-autobiografica si concentra su una prima generazione di indiani-americani, Devi, ancora in preda alla morte improvvisa di suo padre (“Heroes” “Sendhil Ramamurthy, visto nel flashback).

Questo le permette di superare i dilemmi al liceo – tra questi, potenzialmente perdere la sua verginità – mentre costantemente combatte con la madre preoccupata (Poorna Jagannathan), e lotta con una dinamica mutevole nei confronti degli amici (Ramona Young, Lee Rodriguez) che lei è venuto a contare nel corso degli anni.

Inoltre, c’è un ragazzo sognante (Darren Barnet) – i cui addominali lavabili compensano qualsiasi carenza di comunicazione – con cui Devi è praticamente ossessionata. È fondamentalmente la sua versione di Jordan Catalano per quelli abbastanza grandi da ricordare “La mia cosiddetta vita” che dovresti trovare e guardare rapidamente se non lo fai.

Se non hai ancora venduto – e francamente, quella descrizione non lo farebbe – “Never Have I Ever” ha una serie irriverente che funziona molto a suo favore. Per cominciare, la storia di Devi è raccontata dal grande tennista John McEnroe, che si rivela sorprendentemente bravo in questo, anche se sembra un po ‘confuso dalla sua partecipazione, così come il resto di noi. (Alla fine, è spiegato.)

Le situazioni oscillano tra lo strano e il familiare, ma ciò che lo vende, in definitiva, è Ramakrishnan, che riesce a essere simpatico, affabile e confuso allo stesso tempo – un microcosmo di navigazione in questi difficili anni del l’adolescenza, con molta autocommiserazione. Tutto ciò è ulteriormente complicato dalla tensione tra le tradizioni culturali di sua madre e l’attuale realtà di Devi, su un tema universale come si potrebbe trovare.

READ  I media dello stato nordcoreano riferiscono che Kim Jong Un è apparso il 1 maggio

È anche molto utile che la madre di Devi sia un personaggio veramente comprensivo e tridimensionale, invece di essere ridotta allo status dei genitori di Charlie Brown, come spesso accade.

Dopo una serie di commedie in rete e il film “A tarda notte” Kaling produce il djpe con Lang Fisher (che ha anche lavorato a “The Mindy Project”), e si unisce a troppo tempo a un elenco di serie e film costruiti attorno a adolescenti ansiosi. Con l’accento sull’uso di diverse demo, Netflix ha praticamente invaso questo mercato da solo.

Detto questo, c’è sempre spazio per un altro buono. E “Never Have I Ever” prende rapidamente il suo posto, o almeno vicino al leader della classe.

“Never Have I Ever” è stato rilasciato il 27 aprile su Netflix.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_entertainment/~3/8LwcjCE_DNI/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT