Viaggio nello spazio: andare nello spazio è un vero dolore alla schiena

Gli astronauti hanno riportato mal di schiena dalla fine degli anni ’80, quando le missioni spaziali si sono allungate. I loro dati sui voli medici mostrano che oltre la metà degli astronauti americani ha riportato mal di schiena, specialmente nella parte bassa della schiena. Fino al 28% ha indicato che era un dolore da moderato a grave, che a volte è durato per la durata del loro incarico.

Le cose non migliorano quando ritornano alla gravità terrestre. Nel primo anno dopo la loro missione, gli astronauti hanno un rischio 4,3 volte maggiore di ernia del disco.

“Questo è una specie di problema in corso che è stato significativo e preoccupante”, ha detto il dott. Douglas Chang, primo autore del nuovo studio e professore associato di chirurgia ortopedica e capo di medicina fisica e riabilitazione. Università della California a San Diego Health. “Questo studio è quindi il primo a basarsi su una semplice descrizione epidemiologica e ad esaminare i possibili meccanismi di ciò che sta accadendo con il dorso degli astronauti.”

Molta attenzione è stata prestata ai dischi intervertebrali, agli ammortizzatori spugnosi che si trovano tra le nostre vertebre, come i colpevoli dei problemi alla schiena che gli astronauti affrontano. Ma il nuovo studio va contro questo pensiero. In questa ricerca finanziata dalla NASA, il team di Chang ha osservato pochi o nessun cambiamento nei dischi, nella loro altezza o nel loro gonfiore.

Speranza, coraggio e unità: la storia dietro i giovani malati di cancro che hanno dipinto tute spaziali

Ciò che hanno osservato in sei astronauti che hanno trascorso da quattro a sette mesi a bordo della ISS è stata un’enorme degenerazione e atrofia dei muscoli di supporto nella colonna lombare (inferiore), ha affermato Chang. Questi muscoli sono quelli che ci aiutano a stare in piedi, camminare e muovere gli arti superiori in un ambiente come la Terra, proteggendo i dischi e i legamenti da tensioni o lesioni.

READ  Axl Rose e il segretario al Tesoro Steve Mnuchin si impegnano in una guerra non così civile su Twitter

Nella microgravità, il busto si allunga, probabilmente a causa di una scarica vertebrale, in cui la curvatura vertebrale si appiattisce. Gli astronauti inoltre non usano il tono muscolare della parte bassa della schiena perché non si piegano o usano la parte bassa della schiena per spostarsi, come sulla Terra, ha detto Chang. È qui che si verificano dolore e irrigidimento, proprio come gli astronauti sono stati in un corpo modellato per sei mesi.

I nostri corpi nello spazio: gravità zero grava pesantemente sulla tua salute

Gli esami di risonanza magnetica prima e dopo le missioni hanno rivelato che gli astronauti avevano sperimentato una riduzione del 19% di questi muscoli durante il volo. “Anche dopo sei settimane di allenamento e ricondizionamento su una Terra, recuperano solo il 68% circa delle loro perdite”, ha detto Chang.

Chang e la sua squadra vedono questo come un grave problema per le missioni con equipaggio a lungo termine, specialmente quando si considera un viaggio su Marte che potrebbe richiedere otto o nove mesi solo per raggiungere il pianeta rosso. Questo viaggio e il tempo potenziale degli astronauti trascorsi nella gravità marziana – il 38% della gravità superficiale sulla Terra – creano il potenziale per la perdita di massa muscolare e il decondizionamento.

La ricerca futura del team si concentrerà anche sui problemi al collo segnalati, dove potrebbero esserci ancora più eventi di deperimento muscolare e un periodo di recupero più lento. Sperano anche di collaborare con un’altra università sull’ecografia in volo della colonna vertebrale, per vedere cosa succede agli astronauti mentre si trovano sulla stazione spaziale.

Yoga nello spazio?

Poiché a nessuno piace il mal di schiena e la perdita muscolare, Chang ha suggerito contromisure da aggiungere agli allenamenti di due o tre ore che gli astronauti eseguono già ogni giorno sulla stazione spaziale. Sebbene le loro macchine per esercizi si concentrino su una serie di problemi, tra cui la salute cardiovascolare e scheletrica, il team ritiene che i viaggiatori nello spazio dovrebbero includere anche un programma di rafforzamento basato sulla colonna vertebrale.

Gli astronauti chiedono al Congresso di prendersi cura della propria salute

Oltre alla posizione “piega fetale” che gli astronauti usano nella microgravità per allungare la parte bassa della schiena o alleviare il mal di schiena, Chang ha suggerito lo yoga. Ma sa che è più facile a dirsi che a farsi.

READ  I mercati umidi della Cina non sono ciò che alcune persone pensano di essere

“Molto yoga dipende dagli effetti della gravità, come il cane verso il basso, dove un allungamento attraverso i muscoli posteriori della coscia, i muscoli del polpaccio, la nuca e le spalle è possibile a causa della gravità. Quando lo rimuovi , non puoi avere lo stesso vantaggio “.

Tutte le macchine sulla stazione spaziale devono anche essere progettate in base al peso, alle dimensioni e persino ai riverberi che potrebbero produrre sulla stazione.

Scott Parazynski, che ha camminato sette volte nello spazio, ha contribuito a costruire la stazione spaziale nel 2007.

Chang e gli altri ricercatori hanno fatto un brainstorming con un team di realtà virtuale su diversi programmi di esercizi che avrebbero permesso agli astronauti di invitare amici, familiari o persino seguaci di Twitter a unirsi a loro in un allenamento virtuale. , rendendo le prove quotidiane dei loro allenamenti più divertenti e competitive.

Uno dei compagni di squadra di Chang ha sperimentato personalmente questo dolore. Dott. Scott Parazynski è l’unico astronauta in cima al Monte Everest. Aveva un disco erniato dopo essere tornato dalla ISS sulla Terra. Meno di un anno dopo, quando tentò di scalare l’Everest per la prima volta, dovette essere evacuato in aereo. Dopo un processo di riabilitazione, è finalmente arrivato in cima. Ora sta parlando con gli astronauti attuali su come possono aiutare con gli studi sulla loro salute nella microgravità.

Mantenere gli astronauti sani e in forma è il minimo che possano fare, ha detto Chang.

“Quando un equipaggio ritorna, dicono su un lato della stazione spaziale, vedono questo bellissimo pianeta blu”, ha detto. “Tutto ciò che gli è caro è su questo fragile piccolo pianeta. E guardano fuori dall’altra finestra e vedono l’infinito tratto nell’oscurità, e ritornano con un diverso senso di se stessi e del loro posto nell’universo.

READ  L'icona di Bollywood Irrfan Khan muore a 53 anni

“Ognuno è determinato ad approfondire le proprie conoscenze spaziali e fare progressi progressivi in ​​ogni modo possibile per il prossimo equipaggio.”

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_technology/~3/yQhxU27O4AM/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *