3 portaerei della US Navy pattugliano il Pacifico. E la Cina non è felice

L’USS Ronald Reagan e l’USS Theodore Roosevelt pattugliano entrambi il Pacifico occidentale, mentre l’USS Nimitz è a est, secondo i comunicati stampa della Marina statunitense. Con ogni nave contenente più di 60 velivoli, rappresenta il più grande dispiegamento di portaerei statunitensi nel Pacifico dal 2017 – quando le tensioni con la Corea del Nord sul programma di armi nucleari di Pyongyang erano al culmine.

“Le portaerei e i gruppi di attacco delle portaerei all’ingrosso sono fenomenali simboli della potenza navale americana. Sono davvero contento che ne abbiamo tre al momento”, ammette. Indietro. Stephen Koehler, direttore delle operazioni dell’Indo-Pacific Command alle Hawaii, ha detto ad AP.

Il portavoce comunista Global Times ha dichiarato domenica che i vettori potrebbero minacciare le truppe nel contestato Mar Cinese Meridionale.

“Massaggiando queste portaerei, gli Stati Uniti stanno cercando di dimostrare a tutta la regione e persino al mondo che rimane la più potente forza navale, poiché potrebbe entrare nel Mar Cinese Meridionale e minacciare le truppe cinesi su le isole Xisha e Nansha (Paracel e le isole Spratly) nonché le navi che attraversano le acque vicine, in modo che gli Stati Uniti possano proseguire la sua politica egemonica ” Rapporto sui tempi globali citato Li Jie, un esperto navale di Pechino.

Il rapporto – pubblicato sul sito ufficiale inglese dell’Esercito popolare di liberazione – evidenziava anche gli armamenti disponibili per l’esercito cinese, aggiungendo che Pechino poteva organizzare esercitazioni in risposta alla dimostrazione della sua potenza di fuoco.

“La Cina ha armi assassine di portaerei come i missili balistici anti-nave DF-21D e DF-26”, ha detto il giornale.

Contro narrativa cinese

Gli schieramenti significano che tre dei sette vettori navali statunitensi attivi si trovano nel Pacifico. Gli altri quattro sono in porto per manutenzione.

Collin Koh, ricercatore presso l’Istituto di difesa e studi strategici di Singapore, ha affermato che la Cina ha reagito fortemente perché la presenza dei vettori era in conflitto con la rappresentanza di Pechino della Marina degli Stati Uniti come forza paralizzato dalla pandemia di coronavirus.

“Questo va contro la narrazione secondo cui la Cina voleva sostenere che gli Stati Uniti erano sotto pressione nel Pacifico”, ha detto Koh.

In effetti, il Roosevelt torna in mare 4 giugno dopo aver trascorso settimane nel porto di Guam a seguito di un’epidemia di coronavirus a bordo a marzo, quando più di 1.000 membri dell’equipaggio della nave, quasi 4.900, si sono dimostrati positivi .

“Abbiamo inviato Theodore Roosevelt al mare come simbolo di speranza e ispirazione e come strumento di potere nazionale perché siamo TR”, ha detto il comandante di Roosevelt, il capitano Carlos Sardiello in un comunicato.

READ  "Delta Hill Riders" di Rory Doyle oggi si concentra sulla cultura dei cowboy neri

Il Reagan è tornato in mare alla fine di maggio dopo che i membri dell’equipaggio erano stati sottoposti a movimenti limitati nel suo porto di origine in Giappone per assicurarsi che fosse schierato senza alcun caso di Covid-19 . Fu anche caricato con oltre 1.000 tonnellate di munizioni – “potenza di combattimento sufficiente per portare la nave a cinque pollici sotto la linea di galleggiamento”, secondo una dichiarazione della Marina degli Stati Uniti.

Il distruttore di missili guidati USS Barry opera con la portaerei USS Ronald Reagan nel Mare delle Filippine il 30 maggio.

La mossa arriva dopo che la flotta del Pacifico degli Stati Uniti ha dichiarato il mese scorso che tutti i suoi sottomarini schierati a prua sono in mare per operazioni nel Pacifico occidentale. Non sono state fornite cifre, ma gli esperti hanno affermato che probabilmente riguardava più di otto navi da attacco rapido difficili da rintracciare.

Carl Schuster, ex direttore delle operazioni presso il Joint Intelligence Center presso il comando del Pacifico degli Stati Uniti, ha affermato che non è una coincidenza.

“La (marina cinese) non sa dove si trovano questi sottomarini e questo complica i calcoli e la pianificazione delle risposte”, ha detto – soprattutto quando Pechino deve ora prendere in considerazione anche tre portaerei e il cacciatorpediniere e incrociatori che li accompagnavano.

Tensioni americano-cinesi

Gli schieramenti arrivano anche in un momento di crescente tensione tra Washington e Pechino sul Mar Cinese Meridionale e Taiwan.

La scorsa settimana, un aereo da trasporto C-40 della Marina statunitense, l’equivalente di un Boeing 737, ha sorvolato Taiwan in rotta verso la Thailandia su quello che la Marina ha definito un volo logistico di routine. L’aereo statunitense è stato sorvolato da Taiwan, che la Cina considera parte del suo territorio, dai controllori del traffico aereo di Taiwan, ha riferito alla portavoce del portavoce della marina statunitense Reann Mommsen.

Aumenti di pressione in Indonesia e Malesia nel Mar Cinese Meridionale

Ma Pechino ha definito il furto “un atto illegale e una grave provocazione”, ha detto il servizio stampa dello stato di Xinhua.

READ  L'uragano Laura colpisce il suolo in Louisiana, almeno quattro vittime

“Il sorvolo ha minato gli interessi della sovranità, della sicurezza e dello sviluppo della Cina e ha violato il diritto internazionale e gli standard di base che regolano le relazioni internazionali”, ha detto il quotidiano Xinhua citando il portavoce dell’ufficio. Affari di Taiwan del Consiglio di Stato.

Il 4 giugno, la Marina degli Stati Uniti ha inviato un cacciatorpediniere missilistico attraverso lo stretto di Taiwan, che separa l’isola dalla terraferma cinese. E nel Mar Cinese Meridionale, lo specchio d’acqua di 1,3 milioni di miglia quadrate che Pechino rivendica principalmente come suo territorio sovrano, le navi da guerra americane hanno effettuato diverse operazioni di libertà di navigazione quest’anno. Bombardieri americani B-1 e anche gli aerei di sorveglianza sono stati attivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *