Anthony Joshua e Boris Becker scendono in strada durante le proteste di Black Lives Matter

Joshua, che detiene le cinture WBA, IBF e WBO, si è unito a una marcia nella sua città natale di Watford, mentre il triplo campione di Wimbledon Becker ha pubblicato sui social media per mostrare il suo coinvolgimento nel grande raduno di Londra.

Becker, 52 anni, indossò una maschera verde, una felpa con cappuccio e un berretto neri mentre si univa alla grande folla di cantanti in Parliament Square.

La campionessa di tennis, la cui prima moglie di sette anni, Barbara Feltus, aveva un padre afroamericano, ha da tempo denunciato il razzismo.

“Certo, c’è il razzismo nello sport perché il razzismo fa parte della nostra società”, ha detto alla CNN nel 2012.

Joshua parla

Joshua prese parte più attiva alla sua manifestazione locale, rivolgendosi a una folla unita che si era radunata intorno a lui. “Siamo uniti contro il virus e il virus di cui sto parlando è il razzismo”, ha detto.

“Ad oggi, non possiamo più essere orgogliosi, non possiamo più sederci e rimanere in silenzio su omicidi insensati e illegali, il razzismo subdolo di un altro essere umano basato esclusivamente su cosa? Il loro colore della pelle “.

“Dobbiamo parlare a pacifiche proteste, come oggi, così ben suonate, Watford.”

Joshua, schierato per una lotta per l’unificazione del titolo mondiale contro il collega britannico Tyson Fury, indossava una ginocchiera ed era in stampelle durante la protesta. Era una “misura precauzionale” dopo aver sentito un pizzico in allenamento, secondo il suo portavoce.

READ  Katrin Davidsdottir rompe i legami con CrossFit in fallout dai tweet del fondatore su George Fllyd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *