Australia e Nuova Zelanda prenderanno in considerazione la bolla di viaggio transfrontaliera

Wellington, Nuova Zelanda (CNN) – Potrebbe volerci del tempo prima che i turisti viaggino di nuovo per il mondo. E se fosse possibile sfogliare le parti designate e approvate?

politici L’Australia e la Nuova Zelanda stanno discutendo della possibilità di aprire i loro confini tra loro, creando un corridoio di viaggio – o “bolla di viaggio” – tra le due nazioni.
“Se esiste un paese al mondo con cui possiamo riconnetterci per primi, è senza dubbio la Nuova Zelanda”, ha dichiarato il primo ministro australiano Scott Morrison. mi ha detto il mese scorso.
“Questa è una situazione in cui tutti noi vorremmo essere, ma ovviamente il nostro obiettivo numero uno in questo momento è quello di assicurarci che i nostri due paesi siano nella posizione in cui gestiamo Covid-19 a livello nazionale fino al punto in cui possiamo aprire con fiducia i confini “, il Primo Ministro neozelandese Jacinda Ardern mi ha detto 27 aprile.

“Una cosa che non sono disposto a fare è mettere a repentaglio la posizione che la Nuova Zelanda ha assunto spostandosi troppo presto per aprire i nostri confini, anche in Australia.”

Non è chiaro quando questa “bolla” potrebbe diventare una realtà – attualmente i due paesi hanno ancora restrizioni sui viaggi nazionali e tutti gli arrivi internazionali sono soggetti a una quarantena di 14 giorni.

Gli esperti del settore dei viaggi affermano che agosto è il momento in cui la pista verrà probabilmente aperta, forse in tempo per la stagione sciistica della Nuova Zelanda e le vacanze scolastiche a settembre.

Una relazione privilegiata

Ci sono alcuni motivi per cui la Nuova Zelanda e l’Australia sarebbero la prima scelta l’una dell’altra.

Sebbene i due paesi siano separati da circa 2.000 km (1.243 miglia) di mare, hanno una delle relazioni bilaterali più strette al mondo. I titolari di un passaporto australiano possono viaggiare e lavorare in Nuova Zelanda a tempo indeterminato senza visto e viceversa.

I due paesi contribuiscono fortemente anche all’industria del turismo dell’altro.

Gli australiani si truccano quasi il 40% arrivi internazionali in Nuova Zelanda e circa il 24% dei visitatori internazionali in Nuova Zelanda. Ciò è particolarmente importante in Nuova Zelanda, dove il turismo è il paese più grande industria di esportazione. (Il turismo è considerato un’industria di esportazione perché implica che il denaro straniero viene utilizzato per acquistare beni e servizi in Nuova Zelanda.)
I neozelandesi si riconciliano in Australia 15% visitatori internazionali nel paese e solo circa il 6% dei visitatori internazionali spende. Il turismo vale ancora miliardi in Australia, anche se è solo il paese quarta industria di esportazione.

In entrambi i paesi, le industrie del turismo sono state duramente colpite dall’epidemia di coronavirus – quindi non sorprende che i rappresentanti del settore apprezzino la prospettiva di una bolla di viaggio.

READ  Muore Florian Schneider, cofondatore di Kraftwerk

“Il messaggio da parte dell’industria è che la bolla è attiva”, ha affermato Simon Westaway, direttore esecutivo dell’Australian Tourism Industry Council, aggiungendo che questo era l’unico modo per portare il turismo internazionale in Australia in un prossimo futuro.

“Se potessimo aggiungere gli australiani, sarebbe estremamente vantaggioso per la sopravvivenza delle imprese turistiche e migliaia di posti di lavoro”, ha affermato Chris Roberts, direttore generale dell’industria turistica Aotearoa, che rappresenta l’industria del turismo in Nuova Zelanda. Ha aggiunto che l’importo speso dai turisti in Nuova Zelanda è diminuito di almeno 2 miliardi di dollari neozelandesi ($ 1,22 miliardi) al mese.

Ma Roberts non si aspetta i livelli di turisti australiani che la Nuova Zelanda ha avuto prima di Covid – pensa che molti sceglierebbero semplicemente di viaggiare all’interno del paese.

In Australia, alcuni tour operator hanno focalizzato la loro attenzione sulla Cina, che rappresenta in giro 15% dei viaggiatori in Australia ma il 27% della spesa turistica totale. Westaway ha affermato che queste aziende dovrebbero adattarsi e trovare modi per attirare più viaggiatori Kiwi.

Come funzionerebbe?

Una cosa da tenere a mente: l’Australia è formata da stati e territori e alcuni di essi hanno attualmente adottato ulteriori regole di quarantena. Ad esempio, qualcuno che viaggia da Sydney (nel Nuovo Galles del Sud) a Brisbane (nel Queensland) dovrebbe subire a Periodo di auto-quarantena di 14 giorni.

Gli aeroporti potrebbero inoltre dover implementare nuove procedure.

Roberts immagina un futuro in cui i turisti potrebbero presentarsi all’aeroporto, essere testati per Covid-19 e avere il permesso di volare solo quando risultano negativi. Una volta a destinazione, è possibile verificarne la temperatura. I viaggiatori potrebbero dover fornire più informazioni del solito in modo da poterle trovare facilmente, se necessario.

READ  Immagini dell'arcobaleno del Principe Luigi rilasciate per celebrare il suo secondo compleanno

Roberts e Westaway credono che l’hangout funzionerebbe solo se l’attuale periodo di quarantena di 14 giorni per chiunque entrasse nel Paese fosse rimosso.

Una volta che la bolla trans-Tasman è stata testata, la Nuova Zelanda potrebbe cercare di includere altri territori nella sua bolla – forse Taiwan e Hong Kong, ha affermato Roberts.

“Penso che sarà paese per paese”, ha detto. “Un’apertura generale dei confini potrebbe essere molto lunga.”

La bolla potrebbe crescere?

Per la prima volta, ai droni è stato permesso di volare all’interno del Kakadu National Park in Australia. Il video risultante è magnifico.

Ci sono anche piani per espandere la bolla alle isole del Pacifico.

Dal punto di vista della salute, le nazioni delle isole del Pacifico sembrano essere sfuggite all’epidemia di coronavirus in gran parte non colpita. Le Figi – la nazione insulare più colpita nel Pacifico – hanno riportato solo 18 casi di coronavirus e nessuna morte. Guam – che è territorio americano e non una nazione – ha riportato più di 140 casi di coronavirus e cinque morti.

Molti paesi delle isole del Pacifico hanno chiuso presto i loro confini per proteggersi dalla possibile diffusione.

Ardern ha chiesto cautela riguardo all’inclusione del Pacifico, affermando: “I nostri vicini al Pacifico sono stati in gran parte insoddisfatti di Covid-19, e l’ultima cosa che vorremmo fare è rischiare”.

Ma espandere la bolla di viaggio in Australia e Nuova Zelanda ad almeno alcune isole del Pacifico contribuirebbe a dare impulso al settore turistico dell’isola, ha affermato Stephen Howes, direttore del Development Policy Centre presso la Australian National University di Canberra.

“Per molte persone, è molto difficile”, ha detto dell’effetto sul turismo nel Pacifico. “Alcuni sono tornati nel loro villaggio … la gente sta solo lottando per cavarsela.”

READ  Tre dottori russi cadono dalle finestre dell'ospedale, sollevando domande in mezzo alla pandemia di coronavirus

“Ovviamente, nessun paese sarebbe costretto a farlo”, ha aggiunto, aggiungendo che il corridoio di trasporto potrebbe essere fermato se non funzionasse. “Sarebbe un’impresa complessa … ma sicuramente vale la pena provare.”

E includere il Pacifico aiuterebbe anche l’Australia e la Nuova Zelanda, consentendo ai lavoratori migranti di entrare in entrambi i paesi. L’inclusione potrebbe anche avere un impatto enorme sul soft power nella regione, che è di importanza strategica per la Nuova Zelanda, l’Australia e la Cina.

“Questo è un vero test”, ha detto Howes. “Se l’Australia e la Nuova Zelanda andranno avanti e avessero solo una partnership trans-Tasman, potrebbero davvero sconvolgere il Pacifico. Sarebbe come” non ti interessa davvero. “”

Roberts era d’accordo sul fatto che la bolla avrebbe giovato al Pacifico, dicendo che senza turismo le loro economie erano in grossi guai.

“In termini di aiuti economici ai nostri vicini del Pacifico, sarebbe la cosa migliore che potremmo fare per loro – finché potremo farlo in sicurezza”.

È questo il futuro del viaggio?

Una possibile bolla di viaggio in Australia e Nuova Zelanda potrebbe diventare un modello per il resto del mondo, secondo Roberts e Westaway.

Come altri paesi del mondo, la Nuova Zelanda e l’Australia dovranno stare attenti a non andare troppo in fretta e creare una seconda ondata Covid-19.

Andare troppo veloce potrebbe anche danneggiare la loro immagine con i turisti internazionali, che vedono i paesi come luoghi puliti e affidabili.

Ma in generale, Roberts e Westaway sono fiduciosi.

“Se (il dettaglio) può essere risolto tra la Nuova Zelanda e l’Australia, allora possono anche essere applicati in altri luoghi”, ha detto Roberts.

“Ora c’è molta attenzione data a questa parte del mondo a causa dell’apparente successo della Nuova Zelanda e dell’Australia nel contenere l’epidemia di virus. Se possiamo anche trovare un modo per riprendere il viaggio tra paesi, sono sicuro che il resto del mondo sarà molto interessato a come funziona “.

source–>https://www.cnn.com/travel/article/new-zealand-australia-travel-bubble-intl-hnk/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT