Diario del campo di quarantena di Coronavirus di Hong Kong: la realtà di essere isolati in un vecchio parco vacanze
Per me significa andare da pianificazione vacanze e feste, per essere scortato dal mio appartamento da operatori sanitari adattati a materiali pericolosi e portati in un centro di quarantena per due settimane di isolamento. Per tutti gli altri, ciò ha significato una rapida rivalutazione di come rispondere a una crisi globale, sia a livello personale che sociale, e una nuova comprensione del rigore delle misure di controllo del coronavirus.
La vita in quarantena – con pasti soggetti a reggimento, controllo della temperatura e personale che indossa DPI – è come uno strano miscuglio di essere a scuola, al campo e in prigione. Il mio stabilimento, al Lei Yue Mun Park, è normalmente un villaggio turistico nella parte orientale dell’isola di Hong Kong. Oggi, un centinaio di case singole temporanee sono state costruite in file ordinate su un campo sportivo all’aperto, circondate da alte barriere gialle, che proteggono chiunque il cui servizio sanitario decida che dovrebbero essere isolate dopo essere state in contatto con una persona il cui test di screening è positivo coronavirus.
Questo parco vacanze è una delle molte strutture utilizzate come centri di quarantena per coronavirus a Hong Kong

Da marzo, quel numero è aumentato. Fino a poco tempo fa, Hong Kong – che ha combattuto la diffusione del virus da gennaio – sembrava avere il controllo, con meno di 10 nuovi casi registrati ogni giorno. Sembrava che le rapide misure sanitarie della città funzionassero, che i tassi di infezione rimanessero bassi e che le persone che indossavano maschere e disinfettanti per le mani potessero rilassarsi un po ‘.

Ma rilassarsi non è il modo di controllare il contagio. Non appena i festaioli hanno ricominciato a riempire bar, ristoranti e sentieri escursionistici, le voci sussurrate hanno iniziato a diventare più rumorose: Hong Kongers infetti in fuga da Europa e Stati Uniti, spargitori asintomatici, malattie gola del collega, tosse secca dell’amico. Presto, le voci sono state confermate dalle cifre: le infezioni sono passate da 95 casi dal 1 ° al 317 marzo, il 22 marzo. Una temuta “seconda ondata” dell’epidemia sembrava avere un impatto sulla città.

Hong Kong sembrava controllare il coronavirus, quindi abbandonò la guardia

Ho finito per essere esposto alla lussuria dopo che due amici si sono dimostrati positivi. Non avevo sintomi principali, il che significava che non potevo essere testato da solo. Ma il servizio sanitario pensava che fossi a rischio sufficiente per essere preso per un adeguato isolamento e monitoraggio, mentre i miei amici leggermente sintomatici sono stati portati in ospedale per test e cure, e chiunque avesse avuto più contatti in breve con loro si è isolato a casa.

Non che tutto ciò che riguarda il processo di quarantena sia andato bene. Dopo che mi è stato detto di fare i bagagli per un lungo soggiorno, ho finito per isolarmi per una settimana, senza informazioni su come o quando sarei stato prelevato. Mentre gli amici in quarantena inviano video dei loro viaggi, camere e pasti, le mie chiamate quotidiane alle autorità ricevono la stessa risposta: c’era un elenco, ero su questo, ma lì di recente avevo avuto molti casi positivi e non c’era modo di sapere quanto avrei dovuto aspettare, scusa.

READ  Il team Mercedes F1 rilascerà un nuovo design per gli aiuti respiratori

E l’auto-isolamento è stato reso più complicato dal mio compagno di stanza, che ha rischiato l’infezione solo rimanendo nel nostro appartamento – non solo mi sono isolato dai miei amici e colleghi, ho dovuto stare lontano da lei il più possibile . Abbiamo finito per lasciare le nostre stanze per raccogliere consegne di cibo, porzioni di maschere per il viso e guanti di gomma sulla strada per il bagno e disinfettare tutto ciò che abbiamo toccato.

Quindi, quando il minibus del servizio sanitario è arrivato fuori dal mio edificio per portarmi lì due venerdì, è stato un sollievo aprire la porta a un lavoratore che trasportava materiali pericolosi. Mi ha infilato un termometro nell’orecchio davanti ai miei vicini con gli occhi spalancati e ha attirato l’attenzione dei passanti mentre camminavamo sulla strada. Il minibus aveva già due passeggeri a bordo e ne prese un altro sulla strada per il campo, che sembrava un approccio sorprendentemente lassista alle linee guida sul distanziamento sociale.

Dopo un lungo periodo di attesa e incertezza, e un giro in tarda serata attraverso Hong Kong, entrare nel campo stesso è stato più come aprire un film che la vita reale. Abbiamo superato i controlli di sicurezza occupati da più personale in possesso di DPI, sottoposti a un altro controllo della temperatura e poi siamo stati portati dall’autobus in una sala d’attesa per il nostro briefing di quarantena di benvenuto. In cantonese e inglese, ci dissero che avremmo mangiato tre pasti al giorno, che potevamo scegliere da un menu; che dovevamo prendere la nostra temperatura alle 8:00 e alle 16:00; che potremmo inviare un numero di telefono in caso di domande o richieste e chiamare un altro numero in caso di problemi di salute o sintomi di coronavirus. Oh, e che saremmo rimasti tutti nel campo per due settimane – il che significava che non sarei stato isolato fino a mezzanotte del mio compleanno. Fu uno sviluppo inaspettato; ma dato tutto il resto, quel genere di cose non sembrava più importare.

Il campo non aveva nulla a che fare con quello che mi aspettavo. I video di altre strutture trasmesse tra i gruppi di WhatsApp hanno mostrato stanze spoglie in edifici inutilizzati senza fissaggi, perdite di servizi igienici e finestre schermate. Ma quando fummo condotti attraverso le barriere verso le file di identiche capanne e ci furono date le chiavi delle nostre case di una stanza temporanee, fu come la nostra prima notte in un comodo dormitorio universitario. I nuovi mobili nella stanza avevano ancora le etichette Ikea e tutto odorava di disinfettante. Un pacchetto di benvenuto contenente noodles, shampoo, bagnoschiuma e dentifricio è stato posizionato su una scrivania accanto a un bollitore e un asciugacapelli. Non appena ho decompresso, un messaggio di WhatsApp mi ha chiesto di scegliere le opzioni di cibo settimanali dall’enorme menu: un mix di piatti asiatici e occidentali, con opzioni vegetariane, gratuitamente. E un cartello sul retro della porta descriveva persino gli occupanti come “campeggiatori”.

Istruzioni per i detenuti nei campi di quarantena

Un’altra sorpresa è stata la libertà di vagare fuori tra le file di baracche – indossando una maschera, ovviamente – per prendere un po ‘d’aria fresca ed esercizio fisico, piuttosto che passare due settimane rinchiuse in una pezzo unico. I detenuti possono persino parlarsi, anche se ci sono segni intorno al campo che ci dicono di “evitare i raduni” per “prevenire la diffusione del nuovo coronavirus”. Questo è un buon consiglio (che probabilmente avremmo potuto usare tutti poche settimane fa).

Altri residenti nel campo che sono stati esposti al coronavirus includono il personale del bar, un assistente di volo e una coppia di pensionati che vivono in una delle camere doppie di fronte alla mia. Vi è una capacità di circa 130 persone e circa la metà delle camere sono state occupate nel mio ultimo conteggio, anche se ci sono arrivi e partenze per la maggior parte del tempo.

READ  La task force del coronavirus della Casa Bianca sarà sciolta attorno al Memorial Day

Dopo più di una settimana di vita in quarantena, le cose si sono sistemate in una routine sorprendentemente normale. I pasti vengono trasportati su carrelli e carrelli e posizionati su vassoi fuori dalle nostre porte. (Di solito sono fatti con riso, noodles o pasta, con una specie di carne o salsa di verdure e occasionali sorprese come gnocchi: piuttosto insipido, ma soprattutto commestibili.) sono ammessi all’aperto, quindi amici e colleghi hanno inviato snack, bevande e un ripetitore di Internet per consolidare il wifi traballante. Lavoravo a casa tre mesi prima, quindi fare la stessa cosa in un campo di quarantena non faceva molta differenza. Gli appartamenti a Hong Kong sono abbastanza piccoli che vivere in una stanza non è un problema, e anche se i controlli della temperatura e le chiamate dal medico del campo possono essere noiosi, sono tutti per il bene della mia salute – e tutti gli altri.

Amici negli Stati Uniti e nel Regno Unito hanno trovato questo confuso. Se pensassero di essere sieropositivi, sarebbe improbabile che venissero sottoposti a test e gli fosse detto di isolarsi a casa a meno che non avessero davvero bisogno di andare in ospedale . In confronto, rimanere in una struttura pubblica perché * potresti * avere * una possibilità * di ottenere il virus sembra essere un eccesso di cautela. Ma riflette la serietà del governo di Hong Kong per la repressione dei casi importati dall’estero e il declino della compiacenza locale. Chiunque risultasse positivo viene ricoverato in ospedale, anche se non ha sintomi e non è un caso ad alto rischio – e rimane in ospedale fino a quando non restituisce due test negativi. Le misure di quarantena vanno ancora oltre: ora chiunque arrivi a Hong Kong dall’estero deve isolarsi a casa o in un hotel per due settimane, monitorato da un braccialetto di localizzazione.

READ  Wells College potrebbe chiudere se gli studenti non possono tornare in autunno Notizie locali

E gli sforzi dall’alto verso il basso sono stati accompagnati dai residenti di Hong Kong che hanno cambiato il proprio comportamento: indossare una maschera facciale, disinfettare le mani, lavorare e apprendere a casa e vari metodi di allontanamento sociale sono un segno distintivo. vita normale qui da gennaio. Ora, l’aumento delle infezioni di alcune settimane fa sembra nuovamente diminuire. Mentre la risposta di Hong Kong può sembrare brutale per gli estranei e talvolta confusa e impenetrabile per le persone coinvolte, qualcosa chiaramente funziona. Questa combinazione di azione decisiva del governo e una più ampia pressione sociale potrebbe servire da modello per altri paesi che si trovano ad affrontare un futuro post-preclusione – ma, poiché il resto del mondo si unisce alla realtà di Hong Kong degli ultimi mesi, è non è chiaro quanti di questi cambiamenti diventeranno il nostro nuovo standard.

Nonostante l’esperienza di quarantena più lunga e insolita dei miei amici, mi sento molto fortunato – non sono stato testato positivamente, non sono in ospedale, le condizioni del campo sono buone e io hanno ricevuto infiniti messaggi di supporto da familiari, amici e colleghi. La parola d’ordine per la risposta globale ai coronavirus è isolamento; ma non mi sentivo affatto isolato e sembra che il popolo di Hong Kong abbia acquisito forza collettiva vivendo tutto insieme. Quindi potrei passare il mio compleanno da solo; ma grazie al potere delle videochiamate di massa, non lo spenderò da solo. E riuscire a lasciare la quarantena e tornare a casa alla fine sarà il miglior regalo di tutti.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/h1e1uhrtyEs/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *