Operazione Iraqi Freedom e Operation New Dawn Fast Facts

8 novembre 2002 – Adozione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite Risoluzione 1441, dando all’Iraq un’ultima possibilità per conformarsi ai suoi “obblighi di disarmo” e delineando le rigide ispezioni di nuove armi allo scopo di completare il processo di disarmo. La risoluzione minaccia “gravi conseguenze” a causa delle “continue violazioni dei suoi obblighi da parte dell’Iraq”.
14 febbraio 2003 – L’ispettore capo delle armi Hans Blix riferisce a Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che la sua squadra non ha trovato armi di distruzione di massa in Iraq.

17 marzo 2003 – Bush emette un ultimatum per Saddam Hussein e la sua famiglia: lasciare l’Iraq entro 48 ore o affrontare un’azione militare.

19 marzo 2003 – Bush annuncia che le forze statunitensi e della coalizione hanno avviato un’azione militare contro l’Iraq.

20 marzo 2003 – Hussein parla alla televisione irachena, chiamando gli attacchi della coalizione “crimini vergognosi contro l’Iraq e l’umanità”.

23 marzo 2003 – Pfc. Jessica Lynch e altri membri della 507esima società di manutenzione vengono fatti un’imboscata e catturati al di fuori di Nassiriya, in Iraq.
1 aprile 2003 – Lynch fu salvata da un ospedale dalle forze americane.

9 aprile 2003 – Le forze della coalizione prendono Baghdad. Una grande statua di Saddam viene rovesciata in piazza Firdos. La Casa Bianca afferma che “il regime è sparito”.

1 maggio 2003 – Parlando con la USS Abraham Lincoln, Bush dichiara che le “principali operazioni di combattimento” sono terminate, anche se alcuni combattimenti continuano.

22 maggio 2003 – Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite approva una risoluzione che riconosce il diritto degli Stati Uniti e della Gran Bretagna di occupare l’Iraq.

READ  MotoGP: Grand Prix of the Americas rinviato a causa dell'epidemia di coronavirus

22 luglio 2003 – I figli di Saddam Hussein, Uday e Qusay, vengono uccisi dalle forze americane.

13 dicembre 2003 – Saddam Hussein viene catturato in una “buca di ragno” a Tikrit. Ciò non è stato confermato fino al 14 dicembre dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

28 giugno 2004 – Il trasferimento della sovranità al governo iracheno provvisorio ha luogo due giorni prima della scadenza del 30 giugno precedentemente annunciata dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti.

30 giugno 2004 – La coalizione consegna il controllo legale di Saddam Hussein e di altri 11 ex alti funzionari iracheni al governo ad interim iracheno. Gli Stati Uniti mantengono la custodia fisica degli uomini.

1 luglio 2004 – Hussein fa la sua prima apparizione in tribunale. È accusato di vari crimini, tra cui l’invasione del Kuwait e il gassing del curdi.

6 settembre 2004 – Il numero di soldati americani uccisi in Iraq raggiunge i 1.000.

Novembre 2004 – Le forze statunitensi e irachene stanno combattendo gli insorti a Falluja. Circa 2.000 ribelli vengono uccisi. Il 14 novembre Falluja è stato dichiarato rilasciato.

25 ottobre 2005 – Il numero di soldati americani uccisi in Iraq raggiunge i 2.000.

19 novembre 2005 – Almeno 24 civili iracheni, tra cui donne e bambini, uccisi ad Haditha. Otto statunitensi Marines sono stati accusati di morte, ma solo uno è stato dichiarato colpevole di un crimine, quello della negligenza per negligenza nei suoi doveri.

5 novembre 2006 – L’Alta corte irachena emette un verdetto nel caso del massacro di Dujail nel 1982. Hussein viene dichiarato colpevole e condannato a morte per impiccagione, in attesa di appello.

READ  La battaglia di Instagram tra Babyface e Teddy Riley è stata un completo fallimento

30 dicembre 2006 – Hussein è impiccato.

30 dicembre 2006 – Il numero di soldati americani uccisi in Iraq raggiunge i 3.000.

10 gennaio 2007 – Inizia un afflusso di truppe, che alla fine aumenta il livello delle truppe americane a oltre 150.000.

3 settembre 2007 – Bassora viene consegnata alle autorità locali dopo il ritiro delle truppe britanniche dalla loro ultima base militare in Iraq in un aeroporto fuori città.

22 marzo 2008 – Il numero di soldati americani uccisi in Iraq raggiunge i 4.000.

10 luglio 2008 – Generale David Petraeus è confermato dal Senato come comandante del comando centrale degli Stati Uniti.

16 luglio 2008 – L’afflusso termina ufficialmente e i livelli delle truppe si riducono.

4 dicembre 2008 – Il Consiglio presidenziale iracheno approva un accordo di sicurezza che apre la strada al completo ritiro degli Stati Uniti dall’Iraq entro il 2011.

1 gennaio 2009 – L’esercito americano cede il controllo della zona verde di Baghdad alle autorità irachene.

27 febbraio 2009 – Presidente Barack Obama annuncia una data per la fine delle operazioni di combattimento degli Stati Uniti in Iraq: 31 agosto 2010.

30 giugno 2009 – Le truppe statunitensi si ritirano dalle città e dai villaggi iracheni e le truppe irachene si assumono la responsabilità delle operazioni di sicurezza. Tuttavia, le truppe americane rimangono nel paese per continuare le operazioni di combattimento e pattuglie nelle aree rurali.

19-ago-2010 – L’ultima brigata di combattimento americana lascia l’Iraq. Un totale di 52.000 soldati americani rimangono nel paese.

1 settembre 2010 – L’operazione Iraqi Freedom è stata ribattezzata Operation New Dawn per riflettere il ruolo ridotto che le truppe statunitensi giocheranno nel garantire il paese.

READ  Axl Rose e il segretario al Tesoro Steve Mnuchin si impegnano in una guerra non così civile su Twitter

22 maggio 2011 – Gli ultimi militari britannici in Iraq, 81 marinai della Royal Navy che pattugliano il Golfo Persico, si ritirarono dal paese. Un totale di 179 soldati britannici sono morti durante la missione di otto anni del paese in Iraq.

17 ottobre 2011 – Un alto funzionario militare americano ha detto alla CNN che gli Stati Uniti e l’Iraq non sono riusciti a raggiungere un accordo sull’immunità legale delle truppe americane che sarebbero rimaste in Iraq dopo la fine dell’anno, terminando alla discussione sul mantenimento della presenza delle forze americane dopo la fine del 2011.

21 ottobre 2011 – Obama annuncia che praticamente tutte le truppe americane torneranno dall’Iraq entro la fine dell’anno. Secondo un funzionario americano, circa 150 dei 39.000 soldati attualmente in Iraq rimarranno per aiutare con le vendite di armi. Il resto sarà fuori dall’Iraq entro il 31 dicembre.

15 dicembre 2011 – Le truppe statunitensi abbassano la bandiera di comando che sorvola Baghdad, ponendo fine ufficialmente alla missione militare americana in Iraq.

18 dicembre 2011 – Le ultime truppe americane in Iraq attraversano il confine con il Kuwait.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_meast/~3/bBY1Vz0N4FA/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *