Quasi un terzo degli americani non ha pagato l’affitto questo mese, dicono nuovi dati.

Ora sappiamo quanto sia difficile: quasi un terzo degli inquilini americani non ha pagato l’affitto questo mese.

Degli oltre 13 milioni di unità negli Stati Uniti oggetto della relazione, il 69% degli inquilini ha pagato l’affitto tra il 1 e il 5 aprile. Nello stesso periodo, nell’aprile 2019, l’82% delle famiglie ha pagato l’affitto in tempo, afferma il rapporto.

E il mese scorso, l’81% degli inquilini aveva pagato l’affitto entro il 5 marzo.

Questa è la prova di come la pandemia di coronavirus stia devastando il mercato del lavoro americano e, quindi, la salute finanziaria degli americani.

La legge di stimolo da 2 trilioni di dollari del governo federale faciliterà le cadute per alcuni americani: potrebbero essere aiutati gli inquilini di alloggi a prezzi accessibili sovvenzionati dalla federazione, compresa la moratoria di 120 giorni su sfratti e tasse ritardo.

Ma la maggior parte delle proprietà in affitto sono di proprietà privata e quindi non ammissibili, sebbene alcuni proprietari di case plurifamiliari con mutui garantiti a livello federale possano trattenere i pagamenti fino a quando non sfrattano i loro inquilini.

Prima del forte aumento delle richieste di disoccupazione, almeno la metà degli stati e dozzine di città sfratti temporaneamente fermati a marzo, ma l’affitto era ancora dovuto. E anche se la mancanza di un pagamento non può immediatamente portare allo sfratto, continuerebbe a ignorarli.
Tuttavia, ci sono altri modi per aiutare. Lo ha suggerito Solomon Greene, ricercatore senior in politica abitativa presso l’Istituto urbano gli inquilini avvertono i proprietari di incapacità di pagare e chiedere aiuto a organizzazioni non profit o utilizzare il controllo dello stimolo incluso nella fattura da $ 2 trilioni per coprire alcune delle loro spese.
E in altri casi, gli estranei pagano le bollette. UNA Lo spettatore della CNN ha sorpreso l’ospite su Erin Burnett OutFront pagando l’affitto. L’ospite, come milioni di altri lavoratori nel settore dei servizi, aveva perso il lavoro.

Metti i numeri in prospettiva

Mentre i dati riguardano, devono essere inseriti nel contesto, ha affermato Priscilla Almodovar, CEO di Enterprise Community Partners, un’organizzazione no profit nazionale che sviluppa alloggi a prezzi accessibili.

C’è 44 milioni di famiglie inquiline in tutto il paese e i dati NMHC riflettono solo i dati di 13,4 milioni di unità in affitto e non includono alloggi sovvenzionati, un’ancora di salvezza per molte persone a basso reddito.

Inoltre, secondo Almodovar, probabilmente ci sono state difficoltà logistiche per coloro che hanno pagato l’affitto in tempo ad aprile. Molti uffici sono stati chiusi e le procedure operative standard per gran parte della vita quotidiana sono state interrotte. Il 5 del mese, spesso quando sono state sostenute commissioni in ritardo e alla fine del periodo dell’inchiesta NMHC, è caduto anche di domenica.

Questi americani dicono che $ 1.200 non sono sufficienti. Ma è meglio di niente

Non lo faremo davvero ottenere un quadro accurato dell’impatto di milioni di persone che presentano domanda di disoccupazione fino a maggio, ha affermato.

READ  Pandemia di coronavirus: aggiornamenti in tutto il mondo

“La gente lavorava a marzo. L’affitto di aprile potrebbe provenire dai loro risparmi”, ha detto Almodovar. “L’assegno di affitto è probabilmente la prima cosa che pagano. Ora potrebbero essere disoccupati e non sappiamo quali risorse otterranno in tempo per maggio.”

La sua organizzazione chiede assistenza per l’affitto diretto, in cui gli affitti per gli inquilini in difficoltà sono pagati ai proprietari dal governo.

“Permette ai soldi di salire sulla scala”, ha dichiarato Flora Arabo, Senior National Director of National and Local Policy presso Enterprise Community Partners. “Ad aprile, c’è ancora tempo per versare soldi. Cosa succede quando le moratorie sullo sfratto vengono revocate? Ora c’è una finestra critica per gli aiuti d’emergenza per quelli chi ne ha bisogno “.

Nel frattempo, alcuni proprietari offrono sconti e piani di pagamento per aiutare gli inquilini.

Clay Grubb, CEO di Grubb Properties, uno sviluppatore di proprietà plurifamiliari con sede a Charlotte, nella Carolina del Nord, ha offerto uno sconto del 10% agli inquilini che hanno pagato prima del 1 aprile. Quasi il 70% dei suoi inquilini ha usufruito dello sconto, risparmiando quasi $ 400.000 in affitto. Assolutamente.

“Abbiamo deciso di offrire un nuovo programma al restante 30% dei residenti”, ha affermato Grubb.

Se pagassero l’affitto di aprile in tempo – il che potrebbe significare attraverso un programma di pagamento – otterrebbero un credito del 10% sull’affitto di maggio. Dall’8 aprile, Grubb riscuoteva gli affitti di aprile dal 94% dei suoi residenti.

Ha inoltre attenuato i requisiti per gli inquilini che desiderano interrompere un contratto di locazione, riducendo un preavviso di 30 giorni e un obbligo di affitto di due mesi a 15 giorni e un mese di affitto. Finora hanno beneficiato 22 inquilini, meno dell’1%.

READ  Il cane scomparso dopo aver avvisato la famiglia del tornado è stato trovato 54 giorni dopo

Come ha sottolineato Grubb, esiste “un’importanza della compassione quando si tratta della relazione che i proprietari di abitazione hanno con i loro residenti e dei modi in cui i proprietari di abitazione possono aiutare in questa crisi”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_world/~3/LTdZ-lW1lCI/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *