Si sono lasciati 50 anni fa. Come i Beatles portano sempre gioia nei momenti spaventosi (opinione)
Paul McCartney sarà il prossimo “One World: Together at Home” carità speciale, che si unisce a un disegno di legge che include il super fan di 18 anni Billie Eilish, quasi 60 anni più giovane.
“Yellow Submarine” ha acquisito una nuova risonanza come canzone intergenerazionale, canticchiato dai vicini attraverso oblò trasformati in oblò, socialmente distanti, ma indissolubilmente legati.

Potrebbero essersi sciolti 50 anni fa, il 10 aprile 1970. Ma i Beatles ci aiutano sempre a riunirci, specialmente quando ne abbiamo più bisogno.

Ci sono risposte ovvie, a cominciare dalla musica – una forza favolosa che si è evoluta a una velocità di rivoluzione, che spazia dal pop del gruppo proto-boy di “I Want to Hold Your Hand” alla fine del 1963 alla psichedelica di “Sgt “Club Band” di Pepper’s Lonely Hearts per un periodo di 3 anni e mezzo.

Poi c’è il messaggio, incarnato in “Tutto ciò che serve è l’amore”.

E, naturalmente, c’è l’umorismo, nato nella terra di Liverpool e incanalato in film per famiglie da “Una notte di duro giorno” a “Yellow Submarine” che è cresciuto su mamma e pop, capelli lunghi e tutto il resto.

È vero Ma rappresenta qualcosa di molto più grande.

Un patrimonio musicale da condividere

Il più grande dono dei Beatles è stato quello di darci qualcosa da condividere, un’eredità da trasmettere, proprio come le storie e le canzoni di una volta. Lo abbiamo fatto con qualsiasi cosa, dai dischi in vinile alle cassette a otto tracce, ai CD, iTunes, Spotify e vinile.

E lo facciamo tanto per noi stessi quanto per i nostri figli.

Vedere e ascoltare la scoperta dei Beatles con occhi e orecchie nuovi è un’affermazione di vita e offre un senso di rinnovamento. Scavare un po ‘più a fondo e il viaggio del gruppo – lotte, trionfi, amicizie, matrimoni, rotture e tragedie – è il percorso della vita nel suo insieme, pieno di lezioni che probabilmente ignoreremo e insidie ​​che cadremo comunque perché è la natura umana.

Il testo dei Beatles & # 39; & # 39; Ciao Jude, & # 39; scritto a mano da Paul McCartney, venduto per $ 910.000

E la loro storia rende John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr ancora più umani – ed eterni – per noi.

READ  Il piano olandese Hyperloop punta ad Amsterdam a Parigi in 90 minuti

In un certo senso, il volto della cultura pop di un decennio turbolento che ha colmato il divario generazionale ha collegato le famiglie nel tempo.

Puoi vederlo nei Boomer che portano i loro figli e nipoti ai concerti di McCartney e Ringo Starr e si affollano nello spettacolare “The Beatles LOVE” del Cirque du Soleil. Puoi vedere le dita volanti dei bambini che giocano al videogioco The Beatles: Rock Band.

Puoi ascoltarlo in musica: edizione dell’anniversario d’oro di “Abbey Road” dell’anno scorso ha raggiunto il n. 3 nelle classifiche di Billboard, quasi 50 anni dopo il passaggio al n. 1.

Con grande rabbia degli automobilisti britannici, i fan hanno cercato per decenni di ricreare la copertina dell’iconico album che mostra i Beatles che camminano per strada fuori dal loro studio di registrazione di Londra.

È stato brillante e triste che i funzionari dei trasporti abbiano recentemente colto l’occasione ridipingere il passaggio pedonale zebrato con Londra, come mezzo mondo, rinchiuso.

Ancora una volta, i Beatles si sono trovati un simbolo dell’evoluzione del tempo.

I Beatles restano qui, lì e ovunque

Starr rinviato il tour di primavera questo avrebbe portato al suo ottantesimo compleanno – la pietra miliare che John Lennon avrebbe raggiunto in ottobre. Siamo stati senza Lennon per quasi 40 anni e George Harrison è scomparso quasi la metà delle volte.

Tuttavia, l’affascinante film dell’anno scorso “Ieri” ha aggiunto che è impossibile immaginare un mondo senza i Beatles.

Avevo 3 anni quando si sono lasciati – e sono sempre stati qui, lì e ovunque per me.

La donna che è stata mia moglie per quasi 30 anni e ho legato con loro. Abbiamo cresciuto nostra figlia da bambina dei Beatles e abbiamo viaggiato sulle orme del gruppo attraverso Amburgo, Londra e Liverpool (e un giorno, speriamo, in India).

READ  L'asta di beneficenza di Sotheby's offre di cambiare per cantare con Sting, prendere un caffè con Hillary Clinton

Il viaggio sembra essere un dolce sogno in questi giorni per noi tre, grati di essere in buona salute, di lavorare e di tornare insieme, con la colonna sonora della nostra vita che controbilancia le infinite sirene delle ambulanze che gemono nel nostro quartiere da Brooklyn.

Quindi no, non riesco a immaginare la mia vita senza i Beatles. E non sono l’unico.

Il primo sabato di ogni mese, mia moglie, mia figlia e io ci affolliamo in un piccolo bar nell’East Village di Manhattan con poche decine di altri ossessionati, alcuni, come me, chitarre a tracolla. Suoniamo e cantiamo la canzone dei Beatles per cinque ore – persone di tutte le generazioni e l’intero universo, trasportati insieme.

La scorsa settimana, abbiamo messo la marmellata online. Non era esattamente la stessa cosa, ma ci vedevamo sorrisi e andavamo d’accordo.

Quando finì, tutti dissero la stessa cosa, “Ci vediamo il mese prossimo”. Di persona o tramite Zoom, beh, nessuno era pronto a dirlo.

Ma torneremo insieme, collegati da un gruppo che si è separato mezzo secolo fa, prendendo una canzone triste e migliorandola.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/U6tzxicF6jY/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *