Tiananmen Square Massacre: Hong Kong potrebbe celebrare l’ultimo anniversario

“È stato un momento di speranza”, ha dichiarato Lee Cheuk-yan, un attivista veterano ed ex legislatore di Hong Kong. A quel tempo, la città era passata otto anni dopo essere stata trasferita dal controllo britannico a quello cinese, e c’era la sensazione che i giovani manifestanti oltre confine potessero cambiare la Cina in meglio.

“Per molti Hong Kong, pensavamo che il 1997 fosse davvero sopra le nostre teste. Ma i giovani in Cina chiedevano democrazia, e pensavamo che se lo avessero fatto, ciò avrebbe significato che Hong Kong non avrebbe dovuto vivere sotto un regime autoritario “.

Questa speranza è diventata disperata, tuttavia, quando l’Esercito popolare di liberazione ha schiacciato le proteste il 4 giugno. Non è mai stata pubblicata alcuna dichiarazione ufficiale, ma gruppi per i diritti umani hanno stimato che si sono verificate centinaia, se non migliaia, di morti. Le proteste e le soppressioni di Tiananmen sono state cancellate dai libri di storia cinesi, censurate e controllate, gli organizzatori esiliati o arrestati, e i parenti di coloro che sono stati uccisi sono stati attentamente seguiti.

Lunedi, la polizia ha negato il permesso per la manifestazione di quest’anno, citando le attuali restrizioni alle riunioni di massa relative alla pandemia di coronavirus. Per molti nell’opposizione democratica, la giustificazione sembra vuota: gli organizzatori avevano detto che avrebbero lavorato con le autorità per garantire un incontro sicuro e socialmente distante, e nel frattempo i distretti dello shopping, la metropolitana e i parchi pubblici della la città è stata aperta per settimane con pochi problemi.

Parlando ai giornalisti dopo l’annuncio del divieto, Lee ha affermato che la polizia “ha represso la nostra veglia con il pretesto di far rispettare il divieto di riunione”.

La decisione della polizia ha un peso in più, come molti temevano questa settimana potrebbe essere l’ultima opportunità per celebrare l’anniversario liberamente. La Cina ha annunciato il mese scorso che avrebbe imposto una legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong in risposta ai disordini antigovernativi diffusi e spesso violenti dell’anno scorso.

La legge criminalizza la secessione, la sedizione e la sovversione. Consente inoltre ai servizi di sicurezza cinesi di operare per la prima volta a Hong Kong, facendo temere che molti in città temano che i membri del PLA possano essere schierati per strada se le proteste riprenderanno.

Né è l’unica legge controversa all’orizzonte. I legislatori di Hong Kong hanno ripreso la terza lettura giovedì fattura che criminalizzerà insultando l’inno nazionale cinese, “March of Volunteers”.
L’Alleanza di Hong Kong per il sostegno ai movimenti patriottici democratici in Cina, il gruppo co-fondato da Lee, che organizza la Veglia Tiananmen ogni anno dal 1990, ha avvertito che potrebbe essere vietato ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale, sottolineando il suo precedente sostegno agli attivisti condannati in base alle leggi sulla sicurezza nazionale simili in Cina e alla lunga opposizione alla “dittatura a partito unico”.
Vi sono buone ragioni per ritenere che la veglia potrebbe essere vietata in futuro. Il mese scorso, CY Leung, ex direttore generale della città e membro di alto livello di un organo consultivo del governo cinese, proprio come previsto, mentre una commemorazione nella vicina Macao – che ha già una legge sulla sicurezza nazionale nei libri – anche stato bloccato dalle autorità.
La polizia giovedì ribadito che avevano rifiutato il permesso per due raduni il 4 giugno, uno sull’isola di Hong Kong e un altro a Kowloon, e avevano avvertito il pubblico di “rimanere a casa ed evitare di viaggiare in luoghi affollati o partecipare a raduni proibiti “.
Secondo il South China Morning Post, circa 3.000 poliziotti antisommossa saranno dispiegati nella città giovedì, proprio come gli organizzatori del raduno di Tiananmen sollecitato la polizia stare lontano dicendo senza di loro “che non ci sarà confronto”.

Momento storico

Tiananmen ha avuto un effetto indelebile sulla politica di Hong Kong. Gli raduni sono stati tenuti in solidarietà con i manifestanti democratici prima del massacro e molti attivisti della città hanno viaggiato verso nord per offrire assistenza e sostegno.

Dopo la repressione “Operazione Yellow Bird“ha aiutato il contrabbando di organizzatori di proteste a Pechino e altri che potrebbero essere arrestati nella città, che era ancora territorio britannico. Circa 500 persone sono state estratte dalla Cina, secondo l’Alleanza Hong Kong, compresi i capi di protesta studentesca come Wu’er Kaixi, che ha discusso del famoso premier cinese Li Peng al culmine delle proteste.
Negli anni successivi alla repressione, aumentarono le pressioni sugli inglesi affinché facessero di più per proteggere Hong Kong dall’imminente dominio cinese, e nel 1994 il governatore Chris Patten fece elezioni parlamentari pienamente democratico per la prima volta – una decisione che non è stata approvata da Londra e che ha suscitato indignazione a Pechino.
Il Consiglio legislativo eletto l’anno successivo è la prima e unica volta in cui il Parlamento ha avuto una maggioranza democratica. Fu sciolto e sostituito da un’organizzazione nominata da Pechino non appena è entrato in vigore il controllo cinese sulla città.

Negli otto anni trascorsi da Tiananmen, centinaia di migliaia di residenti di Hong Kong si sono trasferiti all’estero, anche se molti sono tornati poco dopo il passaggio di consegne dal temuto giro di vite fallito e la città ha vissuto un boom economico sotto i suoi nuovi sovrani. La maggior parte di questi rimpatriati arrivava con un passaporto straniero in tasca, tuttavia, pronto a fuggire di nuovo se le cose andavano male.

Un nuovo esodo potrebbe essere annunciato grazie alla nuova legge sulla sicurezza nazionale. Dopo l’annuncio della Cina, il Regno Unito si è trasferito a estendere determinati diritti per i titolari di un passaporto nazionale britannico (oltremare), di cui sono ammissibili circa 300.000 a Hong Kong e fino a 3 milioni di cittadini nati in città prima del 1997. Londra ha affermato che se la legge andrà avanti, ai titolari di BNO verrà concesso un soggiorno di 12 mesi nel Regno Unito, rispetto a 6 mesi, il che darebbe loro una potenziale strada per la cittadinanza britannica.

Cosa succede dopo?

In due decenni di dominio cinese, il Tiananmen Memorial è sempre stato qualcosa che contraddistingue Hong Kong, una cartina di tornasole per verificare se le libertà e l’autonomia della città fossero ancora protette.

READ  Locusta del deserto: Nuova Delhi in allerta dopo che le locuste del deserto hanno invaso Gurgaon

Ha anche lavorato come incubatore di talenti politici, spesso essendo una delle prime manifestazioni a cui hanno partecipato molti Hong Kong. Molti attivisti, tra cui l’ex leader del Movimento degli ombrelli Nathan Law e Joshua Wong, hanno parlato dell’effetto del memoriale del 4 giugno nel loro risveglio politico.

L’anno scorso, il capo della città Carrie Lam, acuto alla riunione annuale come prova che “Hong Kong è una società molto libera”.

“Se ci sono incontri pubblici per esprimere le loro opinioni e sentimenti su un particolare incidente storico, rispettiamo pienamente tali opinioni”, ha detto.

Alla domanda di questa settimana se il raduno sarebbe stato vietato in base alla nuova legge sulla sicurezza nazionale, Lam ha detto “non abbiamo il conto in questo momento. Possiamo occuparcene in seguito”.

I funzionari di Hong Kong hanno insistito che le preoccupazioni sulla legge sono esagerate e che i nuovi reati di sedizione, sovversione e secessione si applicheranno solo a una manciata di persone, anche se ammettono che anche loro sono in gran parte inconsapevoli Piani di Pechino.

In una dichiarazione sulla legge della scorsa settimana, l’Alleanza di Hong Kong ha avvertito che era “come un coltello al collo di tutto il popolo di Hong Kong”.

“Anche se ne taglia solo pochi, minaccia la libertà di 7 milioni di persone”, ha detto il gruppo. “È l’applicazione della regola attraverso la paura a Hong Kong”.

Per ora, stanno ancora sfidando quella paura, anche se le restrizioni sui coronavirus hanno contrastato i piani per una manifestazione di massa. Manifestazioni più piccole avranno luogo in tutta la città e l’Alleanza ha chiamato tutti i residenti accendere candele alle 20:00, tenendole davanti alle loro finestre per ricreare il mare di luce che è diventato un’immagine comune della veglia annuale nel Victoria Park.
“Saranno in grado di tenere Hong Kong il giorno prima dell’anno prossimo? Un anno è un’eternità in politica e le previsioni sono rischiose”, ha scritto il ricercatore cinese Jerome Cohen. questa settimana. “Tuttavia, a meno che non ci sia un imprevisto cambio di leadership a Pechino, sembra sicuramente probabile, in particolare alla luce della prossima legge sulla sicurezza nazionale, che Hong Kong possa seguire Macao soccombendo. amnesia che è stata a lungo imposta nel continente “.

Chermaine Lee della CNN ha contribuito al rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT