Aggiornamenti da tutto il mondo
Gli operai del cimitero seppelliscono una vittima di coronavirus a Torino, il 6 maggio. Stefano Guidi / Getty Images

L’epidemia di Covid-19 ha causato ulteriori 159.000 morti in 24 paesi europei dall’inizio di marzo, ha annunciato giovedì il direttore europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Hans Henri Kluge.

La morte in eccesso è un termine usato per definire il numero di morti che si verificano in una determinata crisi oltre a quanto ci si aspetterebbe in condizioni “normali”.

L’OMS elenca 53 paesi nella sua regione europea, tra cui Russia e Turchia.

Secondo Kluge, ci sono stati più di due milioni di casi confermati di Covid-19 e oltre 175.000 decessi confermati nella regione europea. Kluge ha affermato che le morti sono “oltre ciò che normalmente ci aspetteremmo in questo periodo dell’anno”.

Le informazioni sui casi segnalati all’OMS hanno rivelato che il 94% di tutti i decessi correlati a Covid-19 erano persone di età superiore ai 60 anni e il 59% di questi decessi erano uomini.

Delle morti totali, il 97% dei casi presentava almeno un problema di salute di base, con le malattie cardiovascolari tra le più comuni.

Kluge ha anche fatto il punto sull’attuale diffusione del virus in Europa, affermando che negli ultimi 14 giorni i casi cumulativi nella regione sono aumentati del 15%, mentre la regione rappresenta ancora il 38% dei casi e il 50% dei decessi. nel mondo.

Russia, Regno Unito, Bielorussia, Turchia e Italia sono i paesi che hanno riportato il più alto numero cumulativo di casi confermati nelle ultime due settimane, ha affermato Kluge. Spagna, Italia, Regno Unito e Francia continuano a rappresentare il 72% di tutte le morti europee per Covid-19, ha aggiunto.

Mentre i paesi della regione continuano ad allentare le restrizioni, Kluge ha sottolineato che “non può esserci ripresa economica senza controllare la trasmissione Covid-19”.

“La nostra priorità deve essere investire nella salute, investire nella protezione sociale e, soprattutto, evitare l’austerità”, ha affermato Kluge.

Ha consigliato ai leader di prendere in considerazione le lezioni del crollo finanziario del 2008, in cui molti paesi hanno ridotto la spesa sanitaria.

source–>https://edition.cnn.com/world/live-news/coronavirus-pandemic-05-28-20-intl/index.html

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *