WASHINGTON – Stanno piovendo conferme sulla scelta di Donald Trump per la Corte Suprema. Il New York Times riporta anche che il giudice d’appello Amy Coney Barrett sostituirà Ruth Bader Ginsburg.

Dopo scomparsa di Ruth Bader Ginsburg e dopo twittare con Donald Trump Aveva lanciato ufficialmente la battaglia per la nomina della Corte Suprema, destinata a dividere ulteriormente l’America alla vigilia delle elezioni presidenziali, il magnate di una tappa in North Carolina, aveva dato l’ultimo colpo: “Mi candiderò la prossima settimana. Sarà una donna”, ha detto de Fayetteville, “di grande talento e molto brillante”.

I nomi presi in considerazione per la Corte Suprema avevano rapidamente incluso tre donne che sono giudici della corte d’appello federale: Amy Coney Barrett, favorita dei conservatori, Barbara Lagoa, ispanica e originaria della Florida, e Allison Jones Rushing, ex del squadra di giudici. Clarence Thomas e Neil Gorsuch, uno dei due precedentemente nominati per il ruolo di alta corte da Trump.

Per il rivale democratico Joe Biden, la decisione di sostituzione ha dovuto attendere fino a dopo il voto. E la stessa cosa che ha chiesto Ruth bader ginsburg come ultimo augurio: “Il mio ultimo e fervente desiderio non sarà quello di essere sostituito fino a quando non ci sarà un nuovo presidente alla Casa Bianca”. Ma anche due senatori repubblicani avevano espresso la loro opposizione alla sostituzione prima del voto del 3 novembre: a Si sono uniti anche Susan Collins (Maine), Lisa Murkowski (Alaska).

READ  Twitter rifiuta il vedovo che ha chiesto a Jack Dorsey di rimuovere i disgustosi tweet di Trump sulla moglie deceduta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *