Questo è il primo trionfo azzurro della specialità. Il Verbanais vince la prova a cronometro. È la maglia dell’arcobaleno. Sul podio il belga van Aert e lo svizzero Kung. Quattordicesimo Affini

Dal nostro inviato Luca Gialanella

Golden Ganna! Oro, oro, oro. È il grido che scuote l’ippodromo di Enzo e Dino Ferrari, quando Superfilippo chiude la prova che ci regala un titolo storico in questi mondiali salvati dall’Italia nell’era del coronavirus. Ganna ha vinto la medaglia d’oro nel mondiale a cronometro che l’Italia non aveva mai vinto dal 1994, anno in cui la specialità entrava nel programma iridato: due d’argento con Chiurato 1994 e Malori 2015. Bronzo ad Harrogate Il 2019 alle spalle di Dennis e Evenepoel, il 24enne piemontese, guidato in ammiraglia dal suo preparatore di pista Marco Villa e Marco Velo (braccio destro dell’allenatore Cassani), strappa Geraint Thomas sui 31,7 km del percorso di Imola, perché gli inglesi avevano impressionato nella prima parte. Chiaramente in testa dal primo intermedio con 20 “su Dennis, 35” su Thomas, 45 “su Dumoulin, 46” su Van Aert, Ganna riesce a spingere il 58×11 (sviluppa 11,2 metri) a quasi 100 giri al minuto, e chiude a 35’54 “, media 53 km / h, prima di collassare sulla pista di Imola: argento al belga Wout Van Aert a 26”, bronzo allo svizzero Stefan Kung a 29 “; poi Thomas a 37” quinto Dennis (il campione in carica) a 39 “.

Come una Ferrari

Ganna come una Ferrari, il nostro cavallo azzurro che incanta il mondo. E con lui l’allenatore Cassani, che esulta come un bambino durante i Mondiali in casa. “È un sogno, sono felicissimo, grazie alla Federazione che ha supportato me e il mio team Ineos – spiega Ganna, di Vignone du Piemonte -. Non volevo troppa pressione qui, e dopo la pista ecco il mio primo titolo di strada. Voglio godermelo. con la mia famiglia “.

READ  Incidente di Snowbirds: morte dopo un incidente aereo nella British Columbia, in Canada

La storia

Fenomeno dei velodromi, con quattro titoli mondiali a inseguimento individuale, detentore del record mondiale sui 4 km in 4’01 ”, TopGanna è oggi davvero ai vertici assoluti della specialità cronometro. Con la semplicità di un ragazzo che riesce sempre a essere se stesso fuori dalla moto e l’ammirazione di Sir Bradley Wiggins, il baronetto che lo ha applaudito al World Track di Londra. In una giornata di vento laterale di 31 km / h nella prima parte, il tempo era di appena 15 km fino all’intermedio, e Ganna è stato fenomenale. Poi nel secondo settore, con la strada in leggera discesa, il peso di Ganna (83 kg) e le sue condizioni hanno fatto ancora di più la differenza. Il campionato del mondo continua sabato con la prima prova online, quella delle donne, 143 km e cinque giri estremamente difficili con le salite di Mazzolano e Cima Gallisterna. Domenica il gran finale con la gara professionistica: nove giri e 258 km.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *