Cinque sono tornati a Roma e sono positivi. Altri quattro sono ancora dentro Sardegna, ma anche loro sono stati infettati e dovranno rimanere sull’isola finché non risulteranno negativi. Le autorità sanitarie sarde hanno già trovato una cinquantina di ragazzi, tutti provenienti A nord di Roma, tutti di età compresa tra i 20 ei 30 anni, che hanno partecipato il 9 agosto ad una festa nella discoteca Country club di Porto Rotondo, dove si è esibito il dj romano Lorenzo Palazzi. Ora cresce la paura nella rete dei contatti del gruppo o di chi ha partecipato alla serata. E molti ragazzi romani sono bloccati in Sardegna, in attesa del tampone (una cinquantina sono già stati effettuati) e comunque in quarantena. “Ma non si può parlare di una sola serata – dice uno dei ragazzi del gruppo – perché dall’inizio di agosto nella regione di Porto Rotondo e Porto Cervo siamo stati anche in altri luoghi, in feste private. , nelle cene “. Le prime due ragazze romane positive erano arrivate in Sardegna dopo essere state a Ibiza. Un amico che era con loro nelle Isole Baleari li ha avvertiti di aver scoperto di essere stata infettata. Anche loro corsero a strofinare e da lì partì l’allarme tra il nord di Roma e Sardegna.

LEGGI ANCHE -> Cts, Agostino Miozzo: “Rischio di 1.000 casi al giorno, blocchi locali inevitabili”

Quello che è successo? La festa del 9 agosto al Country Club di Porto Rotondo, in Sardegna. Discoteca esclusiva, in una delle mete turistiche più famose. Un evento di musica house in un locale della Costa Smeralda si trasforma in un acceleratore di contagio per Covid-19 per tanti giovani della Capitale. Tre dj si alternano alla consolle, in particolare Lorenzo Palazzi, ventenne romano riferimento per la sua musica per tanti coetanei del nord di Roma. Qui, quindi, un gruppo di 50 amici lo ha raggiunto per il fine settimana. Si trasferiscono da Ibiza, in Grecia, la capitale. Successivamente, prima di sapere che alcuni di loro erano positivi, tornano a Roma, si trasferiscono in Toscana, a Sabaudia, altri restano in Costa Smeralda. Un intreccio che renderà difficile il compito di trovare contatti. All’ingresso della discoteca all’aperto, le guardie di sicurezza misurano la febbre. Tutti i protocolli sono rispettati, assicurano i responsabili. Nessuno supera i 37 gradi e mezzo. È quindi probabile che il “primo positivo”, ammesso che sia solo una persona, sia asintomatico. La festa inizia e il virus inizia a funzionare. I ragazzi ballano, mentre si formano normali legami. Il giorno dopo, molti di loro finiscono in spiaggia. Ancora nessuna traccia del coronavirus. Nessun sintomo. Ma è solo questione di tempo. I campanelli d’allarme suonano pochi giorni dopo. A Roma, due ragazze presenti alla festa sono ammalate. Nessuna febbre particolarmente alta, ma a Ibiza, dove erano stati, hanno saputo che un amico portava il coronavirus. Il tampone dà un risultato positivo. E scatta l’allarme. La voce si sta diffondendo tra i giovani che hanno partecipato alla serata, quasi tutti provenienti dal nord di Roma. Una marea di messaggi invade i cellulari dei ragazzi che ruotano intorno a Ponte Milvio. Altri sono malati. Il numero sta aumentando. Arriviamo 9 persone che hanno contratto il virus: 4 a Porto Rotondo, 5 rientrate nella Città Eterna. Nel nord Sardegna viene costituito il Nucleo di crisi del Servizio sanitario regionale presieduto da Marcello Acciaro, con uno scambio di informazioni con Regione Lazio e ASL Roma 1. Tutti i presenti alla serata sono identificato. Quindici sono ancora in Costa Smeralda. Venti sono tornate a casa e altre dodici sono sparse in altre località turistiche tra Forte dei Marmi e Sabaudia.

READ  Due uomini del Massachusetts arrestati per cospirazione per contrabbandare l'ex capo Nissan Nissan Nissan Ghosn

L’obiettivo ora è limitare il contagio. Perimetro il gruppo di persone. “Siamo terrorizzati” ammette la madre di uno dei ragazzi che va a Ponte Milvio. “Stiamo aspettando il risultato del campione. Questi ragazzi tornati dalla Sardegna hanno visto altri amici a Roma, è possibile che abbiano passato il virus “. Il consigliere sanitario laziale, Alessio D’Amato:” La storia della Costa Smeralda è complesso, stiamo parlando di giovani che si sono spostati da un luogo all’altro e alcuni sono bloccati Sardegna“. Detto che l’attività del gruppo probabilmente ha coinvolto anche altri club e feste private, il responsabile del Country Club ci assicura: “Quella sera erano anche i moscetta, 250 persone, per lo più romani ventenni, che conosceva l’equipaggio dei DJ. Ma c’erano anche giovani dai 30 ai 40 anni in vacanza provenienti da altre parti d’Italia. Siamo l’unica stanza con termoscanner come negli aeroporti, l’80% è all’esterno, spaziamo i tavoli, entrata e uscita sono separate, un sistema di tracciamento online perché devo prenotare via Internet. Ho 4 guardie di sicurezza che girano per la pista da ballo con bavaglini arancioni per tenere lontani i ragazzi quando ballano ”.

Ultimo aggiornamento: 00:58


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *