“Io ho il Covid-19, l’ho portata in Costa Smeralda ”. Luca, 20 anni di Roma nord, racconta la sua vacanza. L’ultimo atto di una settimana entusiasmante iniziata il 4 agosto e terminata, nel peggiore dei modi, l’11. Il giorno in cui ha ricevuto un messaggio da due amici: “Siamo positivi”. La comunicazione fa scattare l’allarme. Le giovani donne fanno parte dello stesso gruppo di amiche, tutte romane. Una quarantina che, a quel tempo, dalle più disparate mete turistiche europee, sbarcarono a Porto Rotondo e Porto Cervo.

Paola Perego, il figlio dj in discoteca con Covid positivo. Lucio Presta: “Ancora niente tampone”

Ibiza e Porto Rotondo

Così iniziano le vacanze. “Da Ibiza siamo andati in Sardegna”. Le due ragazze raccontano. “Quando siamo tornati a casa (Roma, ndr) dalla Costa Smeralda l’11 agosto, alcuni nostri amici con cui avevamo trascorso alcuni giorni a Ibiza ci hanno detto di essere stati contagiati”. Le giovani donne fanno il test. Si accorgono di aver contratto la malattia e allertano il gruppo di romani con cui avevano trascorso giornate spensierate a Porto Cervo e Porto Rotondo.

Bollettino Covid: 320 casi e 4 decessi. Aumentano i ricoveri e le cure intensive, diminuiscono gli assorbenti interni
Coronavirus, la festa a Porto Rotondo che spaventa la capitale: 10 romani contagiati

Luca è ancora in Sardegna. Si sottopone anche all’esame. Ha il coronavirus. “Mi sto isolando, avvertiamo ASL, non voglio contagiare nessuno dei miei parenti e amici”.
Immediatamente inizia l’indagine epidemiologica. A coordinare un’équipe di specialisti è il capo del Nucleo di crisi del Servizio sanitario regionale guidato da Marcello Acciaro. La prima risposta è chiara. Questo è un caso importante. Il virus sarebbe arrivato in Sardegna attraverso due gruppi di turisti romani, tra cui anche le ragazze, arrivate dalle Isole Baleari e da Mykonos. Insomma, due Paesi, Spagna e Grecia, dove ad agosto il coronavirus ha superato i livelli di allerta.

READ  La nave da guerra degli Stati Uniti contesta le affermazioni della Cina nel Mar Cinese Meridionale

CONTAGIO
Cosa succede dopo? A dire è Luca. “Siamo un gruppo di giovani abbastanza omogeneo che frequenta Roma. Ci troviamo il 4 agosto in Costa Smeralda ”. In tutto sono una quarantina. A loro si aggiungono anche coetanei bergamaschi e milanesi. Poi iniziano le danze. I club a cui partecipano sono i più diversi. Cene in ristoranti, feste private e discoteche. In tutti i locali sono previsti controlli rigorosi. Tuttavia, se un membro del gruppo è asintomatico, qualsiasi tipo di valutazione, come la misurazione della temperatura corporea, non è necessaria. “All’epoca – racconta Luca – andammo dal miliardario di Porto Cervo. Ricordo anche una serata al ristorante The Temple ”. Insomma, le discoteche più esclusive della costa nord orientale della Sardegna. Il tour continua: “Abbiamo anche passato una serata alla discoteca Sopravento. Un altro da Just Cavalli. A Baja Sardinia siamo andati a Phi Beach ”. Luca recensisce altri posti. “Ricordo bene, siamo stati al Ritual, una discoteca anche a Porto Cervo. C’era anche una cena in un ristorante di Poltu Quatu, in mensa ”. Infine l’ultima tappa è a Porto Rotondo. Il 9 agosto, la discoteca ospita un evento di musica house. Un dj romano che suona dietro la consolle, in voga tra gli anni Venti della capitale. “Siamo andati in campagna, ma quella sera è stata simile alle altre in cui si è trasferito il gruppo”, sottolinea Luca.

E TAMPONI
Insomma, la discoteca di Porto Rotondo era uno dei tanti locali frequentati dal gruppo di giovani del nord di Roma. Ora l’unità di crisi della regione Sardegna fa il punto. In Costa Smeralda, 5 bambini romani sono rimasti contagiati. Non potranno lasciare l’isola finché non avranno “negato”. Per ciascuno di essi sono stati somministrati in media una trentina di tamponi alle persone con cui sono entrati in contatto. In totale, quasi 150 test. La risposta è attesa. La speranza è che il contagio non si sia diffuso. Nel frattempo il Nucleo di crisi della Regione Lazio ha applicato lo stesso protocollo nella Capitale e ha individuato sei casi positivi dello stesso gruppo. “Ho un po ‘di febbre – ha detto Luca – ma sono sicuro che guarirò presto. Per me l’importante è non contagiare nessuno ”. Nel frattempo, però, il virus galoppa tra i giovanissimi di ritorno dalle mete turistiche: in provincia di Como ci sono stati “9 positivi tra i 18 ei 21 anni, alcuni dei quali – a seconda della regione Lombardia – sono tornati dalla Croazia” .

READ  Il futuro del turismo nell'era del coronavirus: l'Asia potrebbe avere risposte a ciò che ci aspetta

Ultimo aggiornamento: 01:34


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *