6 società che hanno presentato istanza di fallimento a maggio

I rivenditori stavano già lottando e ora stanno trasportando l’impatto del coronavirus. Ma un grande marchio di palestra e un’importante compagnia di autonoleggio hanno recentemente dichiarato bancarotta.

Un fallimento non significa necessariamente che un’azienda fallirà. Molti stanno usando la bancarotta per sbarazzarsi dei loro debiti e altre passività mentre chiudono gli scambi non redditizi nella speranza di diventare più magri e più forti. Molte di queste aziende hanno registrato profitti record, compresa la casa automobilistica Motori generali ((GM)e molte compagnie aeree nel paese.

Eppure molti altri marchi che hanno presentato istanza di fallimento con l’intenzione di rimanere in affari non sono sopravvissuti. Ecco alcune società statunitensi che hanno presentato domanda a maggio:

Gold’s Gym ha detto nel suo 5 maggio che il virus lo ha colpito “in profondità e in molti modi”, che include le chiusure temporanee di molte delle sue 700 palestre in tutto il mondo.

La dichiarazione di fallimento del capitolo 11 lo aiuterà a “uscire più forte e pronto a crescere”, ha affermato la nota.

La 55enne azienda intende porre fine al fallimento entro agosto e ha dichiarato che “non andava assolutamente da nessuna parte”. Gold ha chiuso 30 sedi in aprile, ma non ha in programma di chiudere definitivamente altre palestre.

Hertz

Gigante del noleggio auto Hertz ((HTZ) Archiviato per fallimento il 22 maggio. L’azienda noleggia anche auto con i marchi Dollar, Thrifty e Firefly.

La società esiste dal 1918, quando è stata fondata con una dozzina di Ford Model Ts. Hertz sopravvisse alla Grande Depressione, alla quasi completa cessazione della produzione automobilistica americana da parte della Seconda Guerra Mondiale e ai numerosi shock del prezzo del petrolio.

Dichiarando il fallimento, la società di noleggio auto afferma che intende rimanere in attività mentre ristruttura i suoi debiti in modo che possa emergere finanziariamente più sano.

“L’impatto di Covid-19 sulla domanda di viaggio è stato improvviso e drammatico, causando un brusco calo dei ricavi dell’azienda e delle prenotazioni future”, ha dichiarato la società in una nota, rilevando che “permane l’incertezza sul ritorno delle entrate e sulla data di utilizzo. – il mercato automobilistico sarà riaperto completamente per le vendite, che hanno richiesto un’azione oggi “.

Hertz è stato criticato per pagare milioni di dollari in bonus ai suoi dirigenti poco prima del suo fallimento – e un mese dopo aver iniziato a licenziare migliaia di dipendenti.

Ha pagato un totale di $ 16,2 milioni a 340 dirigenti il ​​19 maggio come parte di un piano per mantenerli in atto mentre la società ha cercato di riorganizzarsi, secondo un deposito con Securities and Exchange. Commissione.

JCPenney

Il coronavirus potrebbe essere il colpo finale per il fedele JCPenney, un grande magazzino di 118 anni. Stava già lottando per superare un decennio di decisioni sbagliate, instabilità esecutiva e tendenze del mercato dannose.

JCPenney ((JCP) presentato per fallimento 15 maggio. La società ha stipulato un accordo con la maggior parte dei suoi finanziatori che le consentirà di tentare un piano di turnaround per rimanere in attività.
Ma si chiuderà Il 30%, o circa 200, dei suoi 846 negozi negli Stati Uniti. La società non ha specificato quanti dei suoi 85.000 dipendenti perderanno il lavoro a causa della chiusura permanente dei negozi.

“Fino a quando questa pandemia non ha colpito, avevamo fatto progressi significativi nella ricostruzione della nostra attività”, ha dichiarato il CEO Jill Soltau in una nota, aggiungendo che gli sforzi dell’azienda “hanno già iniziato a dare i suoi frutti. “.

Ma i problemi di JCPenney risalgono molto prima della pandemia, la società è stata battuta da un decennio di decisioni sbagliate. Il suo ultimo anno di redditività è stato il 2010 e da allora le sue perdite nette sono state pari a $ 4,5 miliardi.
E l’intero settore dei grandi magazzini ha risentito dell’aumento del numero di consumatori che acquistano online. Sconti da box grandi come Walmart ((WMT), Bersaglio ((TGT) e Costco ((COSTO) ha anche dimostrato di essere competitivo, offrendo ai compratori prezzi più bassi e una selezione di articoli che non si trovano nei grandi magazzini, come i negozi di alimentari.

J.Crew Group

È una distinzione che nessuno vuole: il gruppo J. Crew è diventato primo rivenditore nazionale statunitense presentare istanza di fallimento poiché la pandemia di coronavirus ha costretto un’ondata di chiusure di negozi. Ha testimoniato il 4 maggio.

La società, proprietaria dei marchi preppy J.Crew e Madewell, prevede di rimanere in attività e uscire dal fallimento come attività redditizia. E Madewell, il marchio in rapida crescita del denim che era previsto per una IPO, rimarrà parte del business.

Il gruppo J.Crew ha dovuto affrontare debiti pesanti dal suo acquisto nel 2011 da società di private equity TPG Capital e Leonard Green & Partners nell’ambito di un accordo da 3 miliardi di dollari.

Era cresciuto rapidamente nei nove anni successivi alla chiusura della transazione, quasi raddoppiando il numero di negozi. Ma ha anche accumulato molto più debito. Aveva un debito a lungo termine di $ 50 milioni sui suoi libri nel 2010, prima che l’accordo fosse annunciato – e nel febbraio di quell’anno, quel numero era salito a $ 1,7 miliardi.

La società gestisce quasi 500 negozi, inclusi i negozi outlet J.Crew.

Neiman Marcus

Rivenditore di lusso Neiman Marcus, che ha presentato istanza di fallimento il 7 maggio, ha affermato che l’accordo di ristrutturazione con i creditori le consentirà di “ridurre significativamente il proprio debito e posizionare la società per una crescita a lungo termine”.

La storia dell’azienda risale a 113 anni dal suo primo negozio a Dallas, che è ancora la sua base di partenza. La società gestisce anche le catene Bergdorf Goodman e Last Call.

Neiman l’anno scorso aveva 69 negozi tra i tre marchi. A marzo, pochi giorni prima che la pandemia causasse enormi chiusure di negozi, la società ha annunciato l’intenzione di chiudere definitivamente un negozio. “La maggior parte” dei suoi 22 punti vendita Last Call.

Molto probabilmente il suo destino è stato segnato nel 2013, quando la direzione di Ares e del Canada Pension Plan Investment Board ha pagato $ 6 miliardi di acquisizioni di debito, privando la società. .

“Il grande problema con Neiman è che il [private equity companies] troppo pagato e troppo pagato “, ha detto Steve Dennis, consulente di vendita al dettaglio ed ex dirigente di Neiman, in precedenza a CNN Business.

martedì mattina

Sconti rivenditore di articoli per la casa martedì mattina ((TU ES) incolpato il virus per chiusure di negozi prolungate che hanno causato a “ostacolo finanziario insormontabile”.

Il CEO Steve Becker ha affermato che l’attività è fiorita prima della pandemia. Ma le chiusure temporanee dei negozi e le conseguenti partenze dei dipendenti hanno avuto “gravi conseguenze per la nostra attività”.

“La chiusura completa delle attività del punto vendita per due mesi ha posto la società in una situazione finanziaria che può essere risolta efficacemente solo mediante una riorganizzazione nel capitolo 11”, ha affermato in una nota.

La catena con sede a Dallas, che è stata depositata per il 27 maggio, ha dichiarato che avrebbe chiuso definitivamente circa 230 dei suoi quasi 700 negozi negli Stati Uniti.

– Chris Isidore e Nathaniel Meyersohn di CNN Business hanno contribuito a questo rapporto.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *