WASHINGTON Riprese e allarme alla Casa Bianca. Intorno alle 18:00 di ieri sera, Trump è entrato nella sala riunioni per fornire un aggiornamento sul Covid-19 con i giornalisti. Passano pochi minuti e gli si avvicina un agente dei servizi segreti, responsabile della protezione personale del presidente. Un sussurro, Trump lo guarda sorpreso. Scende dal podio ed esce velocemente dalla stanza senza dire una parola. Poco dopo è tornato. stesso per spiegare: c’è stata una sparatoria qui fuori dalla Casa Bianca. Per quanto ne so, un uomo armato è stato colpito e portato in ospedale.

I giornalisti gli chiedono se avesse paura. Ti sembra che tremi per terrore? Sappiamo che il mondo è un posto molto pericoloso. Tuttavia, non ho mai pensato che non sarei tornato qui e avrei terminato la conferenza stampa. Trump ha aggiunto: non so se il tiratore ha detto il mio nome. Non so nemmeno se questo ha qualcosa a che fare con me. La dinamica dei fatti – nella notte italiana – non è ancora chiara. E gli investigatori dovevano ancora rivelare l’identità del sospettato. L’incidente, però, ha fatto scattare l’allarme.

Il leader americano è stato portato allo studio ovale, non lontano dalla sala briefing. Tutto il composto è stato sigillato. la prima volta c’è una sparatoria vicino alla residenza presidenziale. Non si sono verificate sparatorie, nemmeno nelle notti più caotiche, a seguito delle proteste contro la morte di George Floyd il 25 maggio a Minneapolis. Sebbene il 31 maggio, la presidente della First Lady Melania e suo figlio Barron siano stati portati per precauzione nel bunker, situato nel seminterrato dell’edificio principale, mentre i manifestanti all’esterno lanciavano bottiglie sul cordone di sicurezza.

READ  Racconto: "Pianificheremo il futuro dell'Inter, con o senza di me"

Per settimane, attivisti di Black Lives Matter e molti altri cittadini di Washington si sono riuniti a Lafayette Park, di fronte alla Casa Bianca. Le forze dell’ordine federali e locali hanno rafforzato i controlli nella regione. Va anche considerato che nei giorni scorsi il grande caldo e l’emergenza Covid-19 hanno quasi completamente svuotato la città. È difficile pensare a un furto oa un attacco criminale. È più probabile che sia il gesto di una persona disturbata.

11 agosto 2020 (modifica l’11 agosto 2020 | 01:09)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *