La tribù Sioux del South Dakota rifiuta di rimuovere i checkpoint dichiarati illegali dal governatore

Il governatore Kristi Noem ha inviato lettere alle tribù Sioux Oglala e Cheyenne River venerdì chiedendo la rimozione dei posti di blocco lungo gli Stati Uniti e le autostrade nazionali attraverso le terre tribali.

Il suo ufficio ha rilasciato un aggiornamento domenica chiarendo la richiesta: “I checkpoint sulle strade statali e statunitensi non sono legali e, se non cadono, lo stato prenderà la questione davanti al Tribunale Federale, come ha notato il Governatore Noem nella sua lettera di venerdì. “

Il presidente della tribù Sioux di Cheyenne River Harold Frazier ha detto alla CNN che lo scopo principale dei checkpoint della tribù è di monitorare e provare a rintracciare il coronavirus se dovesse arrivare. terre tribali.

“Vogliamo essere sicuri che le persone provenienti da” punti caldi “o da aree fortemente infette, chiediamo loro di andare in giro per la nostra terra”, ha detto Frazier.

Alla domanda sulla richiesta di Noem che la tribù rimuova i posti di blocco perché “interferiscono con la regolamentazione del traffico sulle autostrade americane e nazionali”, Frazier ha detto che rimarranno fermi.

“Con la mancanza di risorse mediche, questo è il nostro strumento migliore per cui abbiamo attualmente [the spread of Covid-19]”Frazier ha detto alla CNN. Frazier ha dichiarato che le riserve sono mal equipaggiate per far fronte a un’epidemia di coronavirus, aggiungendo che” l’assistenza sanitaria più vicina, la terapia intensiva è a tre ore da dove viviamo ” .

Frazier afferma che la tribù Sioux del fiume Cheyenne gestisce solo una struttura di otto letti nella riserva e nessuna unità di terapia intensiva (ICU) per le 12.000 persone che vivono nella riserva.

READ  Ora è l'aeroporto più trafficato del mondo ... il sabato

Il governatore afferma: “perfettamente chiaro che è illegale”

La lettera della domenica del direttore politico del Governatore Noem, Maggie Seidel, dice memorandum concernente le chiusure di strade su terra tribale pubblicate dall’Ufficio per gli affari indiani del Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti, scritto l’8 aprile.

Il memorandum afferma che le tribù << peuvent restreindre l'utilisation des routes ou fermer >> strade appartenenti a tribù temporaneamente senza prima consultare il segretario di casa o i proprietari terrieri privati ​​in condizioni che coinvolgono << des situations de sécurité immédiate ou mettant la vie en danger >>, come la pandemia.

Ma afferma che le tribù possono limitare l’accesso alle strade di proprietà di altri, come i governi statali “per conto del proprietario della strada interessata, dopo che la tribù ha consultato e raggiunto un accordo sul parametri per chiusure stradali o restrizioni temporanee “.

Seidel ha dichiarato che non è stata effettuata alcuna consultazione e che non è stato raggiunto alcun accordo, affermando che “il memorandum afferma chiaramente che è illegale bloccare il traffico su queste strade”.

Nella lettera di venerdì, Noem ha dichiarato: “Siamo più forti quando lavoriamo insieme; questo include la nostra battaglia contro Covid-19”.

“Salvare vite invece di salvare la faccia”

Venerdì Frazier ha dichiarato in un comunicato stampa che, mentre concordava sull’importanza di lavorare insieme, “continui a interferire nei nostri sforzi per fare ciò che la scienza e i fatti dettano seriamente compromettere il nostro capacità di proteggere tutti nella riserva. ”

“Dichiarazioni ignoranti e retorica accesa incoraggiano le persone già stressate da questa situazione a intraprendere azioni irrazionali”, ha detto. “Ti invitiamo a unirti a noi per proteggere la vita della nostra gente e di coloro che vivono in questa riserva. Mi dispiace puramente rifiutare la tua richiesta.”

READ  Cosa devi sapere sul coronavirus venerdì 22 maggio

Lo scopo delle azioni della tribù, ha detto Frazier, è “salvare vite invece di salvare la faccia”.

La CNN ha anche contattato la tribù Sioux di Oglala per commenti, ma non ha ricevuto risposta.

Politiche di checkpoint

Secondo il checkpoint della tribù Sioux del fiume Cheyenne politiche pubblicate sui social network, i residenti della loro prenotazione possono recarsi nel Sud Dakota in aree che lo stato non ha considerato un hotspot Covid-19 se è per un’attività essenziale come appuntamenti medici o per ottenere forniture non disponibili su prenotazione. Tuttavia, devono compilare un questionario sanitario alla partenza e tornare ogni volta che attraversano un checkpoint.

I residenti nel South Dakota che non vivono nella prenotazione sono ammessi solo se non provengono da un hotspot ed è per un’attività essenziale. Ma devono anche compilare un questionario sulla salute.

Quelli provenienti da un Dakota del Sud o da un hotspot fuori dallo stato non possono venire alla prenotazione se non per un’attività essenziale, ma devono ottenere un permesso di viaggio disponibile sul tribù.

Le due tribù emisero anche severi ordini di residenza e coprifuoco per le loro comunità. Noem non ha emesso un ordine di soggiorno domiciliare per lo stato.

Ci sono stati 198 casi di Covid-19 tra nativi americani nello stato da domenica, secondo figure del dipartimento di salute dello stato. Lo stato ha più di 3.500 casi confermati e almeno 34 morti, secondo la Johns Hopkins University.

source–>https://www.cnn.com/2020/05/10/us/south-dakota-sioux-checkpoints-coronavirus/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT