Il futuro del turismo nell’era del coronavirus: l’Asia potrebbe avere risposte a ciò che ci aspetta

Bangkok, Tailandia (CNN) – È una giornata di sole sulla strada turistica più famosa di Bangkok e lo shopping Cletana Thangworachai è aperto al pubblico.

Il suo negozio a Khao San Road è pieno di magneti luccicanti, portachiavi di elefante dai colori vivaci e pantaloni di cotone fantasia che sono diventati un’uniforme non ufficiale per i viaggiatori con zaino e sacco a pelo nel sud-est asiatico.

Ma per ora, non c’è nessuno a comprarli.

La pandemia di coronavirus ha avuto un impatto devastante sui viaggi, con l’Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite che stima che il turismo internazionale potrebbe declinare fino al 80% quest’anno nel 2019, mettendo in pericolo almeno 100 milioni di posti di lavoro.

In Tailandia, dove il turismo rappresenta il 18% del PIL del paese, l’Autorità per il turismo prevede che il numero di visitatori potrebbe diminuire del 65% quest’anno.

Molti, come Cletana, stanno lottando per sbarcare il lunario. Prima di Covid-19, poteva guadagnare $ 300 al giorno. Ad aprile, in Thailandia vietato tutti i voli internazionali nel paese, e ora i suoi guadagni giornalieri sono scesi a $ 2 – a volte addirittura zero.

Ma la donna di 45 anni, che vende souvenir per strada da più di un decennio, apre ancora il suo negozio ogni giorno, sperando che sarà fortunata con un visitatore raro.

Con così tanto in gioco per i mezzi di sussistenza e le economie, i paesi di tutto il mondo sono alla ricerca di modi per mantenere a galla le imprese turistiche.

La Nuova Zelanda e l’Australia si impegnano a creare una “bolla di viaggio” che consenta visite tra i due paesi – una volta che è sicuro farlo. La Cina ha iniziato le licenze viaggio interiore, sebbene i suoi confini siano ancora chiusi alla maggior parte degli stranieri. La Tailandia sta prendendo in considerazione speciali località turistiche che fungono anche da zone di quarantena.

Ma gli esperti avvertono che anche con nuove iniziative, i viaggi potrebbero richiedere anni per raggiungere i livelli pre-Covid-19. E anche quando ciò accade, potremmo non viaggiare mai più allo stesso modo.

Bolle di viaggio

Ballerini tailandesi tradizionali che indossano scudi protettivi si esibiscono nel Santuario Erawan di Bangkok, che è stato riaperto dopo che il governo thailandese ha allentato le misure per combattere la diffusione di Covid-19 il 4 maggio.

Ballerini tailandesi tradizionali che indossano scudi protettivi si esibiscono nel Santuario Erawan di Bangkok, che è stato riaperto dopo che il governo thailandese ha allentato le misure per combattere la diffusione di Covid-19 il 4 maggio.

MLADEN ANTONOV / AFP / Getty Images

A breve termine, il futuro del turismo è costituito da bolle di viaggio regionali.

L’Australia e la Nuova Zelanda hanno intrapreso un corridoio di viaggio, che non dovrebbe arrivare per alcuni mesi. In Europa, Estonia, Lettonia e Lituania hanno annunciato l’intenzione di aprire le loro frontiere interne ai cittadini dei tre paesi dal 15 maggio.

Per la maggior parte dei paesi, rimanere isolati non è un’opzione che possono permettersi a lungo termine e gli esperti prevedono che è solo una questione di tempo prima che altri paesi creino le proprie bolle. viaggio.

READ  Le rotte aeree più brevi al mondo | Attrazioni turistiche della CNN

Il Vietnam e la Tailandia potrebbero prendere in considerazione la possibilità di creare un corridoio di viaggio nei prossimi mesi, secondo Mario Hardy, con sede in Tailandia, amministratore delegato della Pacific Asia Travel Association (PATA) senza fini di lucro.

L’analista dell’aviazione Brendan Sobie prevede di vedere accordi simili in Europa e Nord America.

Quando i paesi cercano partner di gemellaggio, afferma che terranno conto di alcuni fattori. Cercheranno paesi che sembrano avere il controllo dei loro focolai e che hanno statistiche affidabili.

Hardy pensa che anche all’inizio probabilmente rimarranno regionali.

Probabilmente collaboreranno anche con paesi con cui hanno già forti relazioni geopolitiche, afferma il geografo del turismo dell’Università di Hong Kong Benjamin Iaquinto, aggiungendo che la Nuova Zelanda e l’Australia hanno già una relazione. politica ristretta, quindi la loro associazione ha un senso.

I sondaggi mostrano che i turisti cinesi sono desiderosi di attenersi a ciò che sanno e di non viaggiare troppo lontano, ha affermato Bill Barnett, amministratore delegato di C9 Hotelworks, una società di consulenza globale nel settore dell’ospitalità. Ciò significa che la Thailandia, che attira circa 11 milioni di turisti cinesi all’anno, potrebbe essere uno dei primi ad aprire viaggi in Cina.

La Cina potrebbe essere meno interessata ad aprire viaggi in luoghi in cui vi era un sentimento anti-cinese durante l’epidemia – luoghi come l’Australia, afferma Freya Higgins-Desbiolles, docente all’Università dell’Australia dal sud che sta facendo ricerche sul turismo.

“Penso che il turismo sarà danneggiato dai giochi geopolitici o dalle strategie che sono state attuate per sfruttare la crisi”, ha detto.

E le bolle saranno volatili. Se c’è una rinascita di casi in un paese, le corsie di viaggio si chiuderanno, aggiunge Hardy.

Riapertura dei confini

Gli esperti affermano che probabilmente passerà molto tempo prima che i viaggi si diffondano ben oltre le nostre bolle regionali.

Ciò significa che il viaggio dagli Stati Uniti in Asia, per esempio, sarà molto lontano, osserva Hardy.

“Fino a quando non avranno capito negli Stati Uniti, nessun paese o pochissimi paesi permetteranno loro di arrivarci”, ha detto Hardy. “Altri che non hanno il controllo saranno esclusi per un po ‘.”

Per i paesi fortemente dipendenti dal turismo, dovranno trovare un equilibrio tra problemi di salute e preoccupazioni economiche. Ma anche se sentono la pressione di aprirsi oltre una bolla, ciò non significa necessariamente che vedranno un’inondazione di visitatori.

“Se un paese vuole aprirsi, ma nessuno è a suo agio ad andare in quel paese per qualsiasi motivo, non funzionerà”, ha detto Sobie.

READ  La generazione Y affronta un altro disastro economico unico in una generazione

E potrebbero esserci ancora strategie di viaggio oltre alle bolle.

La Tailandia prevede di aprire alcune aree ai turisti stranieri, il che significa che i visitatori sono effettivamente confinati in un posto, come un’isola.

La Nuova Zelanda afferma di aver “eliminato gradualmente” il coronavirus mentre il paese annuncia il rilassamento delle restrizioni dal “livello quattro” al “livello tre”, con nuovi casi a singola cifra.

“Ciò andrà a beneficio dei turisti e dei residenti locali, in quanto è quasi una specie di quarantena”, ha dichiarato il governatore dell’autorità tailandese per il turismo, Yuthasak Supasorn.

Ma l’attrattiva di ciò dipenderà dalle regole di quarantena che rimarranno in vigore – se gli australiani dovessero ancora passare in quarantena due settimane dopo il ritorno dalle vacanze in Thailandia, potrebbero non essere troppo entusiasti di un ritiro sull’isola.

Nel frattempo, i paesi che normalmente attraggono un gran numero di studenti stranieri potrebbe considerare di allentare le regole per farle entrare. Ciò include la Nuova Zelanda, che prevede di consentire agli studenti stranieri di tornare nel paese se hanno quarant’anni per due settimane, l’emittente nazionale Radio Nuova Zelanda segnalati.

Passaporti immunitari

Gli aeroporti di tutto il mondo hanno implementato ulteriori misure di sicurezza dopo l’11 settembre. Gli esperti si aspettano che il coronavirus sia lo stesso, ma con un’enfasi sulla salute.

Resta da vedere come appariranno queste misure.

I passeggeri possono farsi controllare la temperatura in aeroporto o fare un test del coronavirus prima di salire a bordo dell’aereo. Ma ci sono problemi da risolvere su questo argomento. Le autorità dovranno garantire che i test rapidi siano accurati e decidere per quanto tempo prima di un volo un passeggero deve essere testato.

Un altro suggerimento è che i passeggeri hanno un passaporto di immunità, il che significa che sono immuni al coronavirus. La Cina ha già implementato una qualche forma di questo – tutti i cittadini hanno un QR Code che cambia colore a seconda del loro stato di salute. Devono mostrarlo per entrare in ristoranti e centri commerciali.

Ma ancora una volta, ci sono problemi da risolvere.

I passaporti dell’immunità si basano sull’idea che le persone che si sono riprese da Covid-19 non possono essere reinfettate. Ma per ora, non ci sono prove che abbiano anticorpi che li proteggono da una seconda infezione, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.
Anche se hanno sviluppato l’immunità, non si sa quanto durerà. Inoltre, non abbiamo ancora test anticorpali generalizzati, che sarebbe necessario per farlo funzionare.
I passaporti immunitari potrebbero anche essere usati per indicare se una persona è stata vaccinata contro il coronavirus – ma questo potrebbe essere 18 mesi o più a lungo prima che ci sia un vaccino sul mercato, e ancora più a lungo prima che ci sia la vaccinazione di massa in tutto il mondo.

“Non credo che tu possa aspettarti che i viaggi internazionali tornino a quello che era prima, fino a quando non avremo un vaccino”, afferma Higgins-Desbiolles. “Molte cose stanno indovinando in questo momento e guardando al futuro.”

READ  Fabio Jakobsen in "stato comatoso" dopo il terribile incidente al Giro di Polonia

Cosa succede dopo

Con così tante incognite sul futuro del turismo, nel settore si sta scatenando una battaglia per sapere se questo potrebbe finire per cambiare il turismo per sempre – forse anche in meglio.

Alcuni, come Barnett, credono che alla fine le cose torneranno alla normalità.

“Non sto dicendo che succederà oggi o domani, sarà una salita di due anni in salita per recuperare questo”, ha detto. “Questo non sta per 360 il viaggio.”

Altri, come Hardy e Higgins-Desbiolles, vedono questo come un’opportunità per un ripristino – un momento per esaminare questioni di vecchia data come gli effetti del turismo eccessivo sulle culture locali e sull’ambiente.

“Ci sono persone come me che affermano che dobbiamo ripensare tutto”, spiega Higgins-Desbiolles.

“Se lo fai nel modo giusto, dove ottieni questa idea di turismo basata su questa idea di equità, ospitalità, rispetto e buone interazioni, tutti ne trarranno beneficio perché ti senti accolto come un turista. “

Vuole vedere un turismo più lento e ponderato, un turismo che avvantaggia non solo il viaggiatore, ma anche le economie locali e le comunità locali.

In teoria, ciò significa che ne beneficeranno persone come Cletana e altre che lavorano a Bangkok. Ma per ora, si stanno concentrando di più sull’immediato futuro.

Niwet Phumiwetsoonthorn, che guida tuk-tuk su Khao San Road, ha detto giovedì alla CNN Travel che il suo reddito giornaliero è sceso da $ 70 a $ 2 o addirittura niente. Non ha soldi da inviare a moglie e figli in un’altra provincia.

Per la prima volta nella sua vita, è in fila per le donazioni di cibo.

“Non posso passare l’intera giornata nella mia stanza e guardare le notizie in TV. Mi rende ancora più ansioso”, dice Niwet, che sta ancora aspettando per strada con i suoi amici anche se non ha dei clienti. “Facciamo il tifo per la giornata.”

Il proprietario del negozio Cletena – una vedova con un figlio che ha bisogno di cure per problemi di salute – ha pochi risparmi e nessun piano B.

“Non so se e come migliorerà”, afferma. “Questo tipo di epidemia: le persone avranno paura per molto tempo.”

Julia Hollingsworth ha riferito e scritto da Wellington, in Nuova Zelanda. Kocha Olarn è stata segnalata da Bangkok, in Thailandia.

source–>https://www.cnn.com/travel/article/tourism-future-asia-coronavirus-intl-hnk/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT