Il successo di Taiwan nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la sua posizione globale. Ha reso Pechino furiosa

Sabato, Taiwan ha registrato 440 casi di coronavirus e sette morti, secondo i dati della Johns Hopkins University. In confronto, l’Australia – con una popolazione di 25 milioni – ha riportato oltre 7000 infezioni e 98 decessi.

Ansioso di condividere le sue esperienze nella lotta contro Covid-19, Taiwan ora sta spingendo per una voce più ampia nelle discussioni sulla salute globale. Gli Stati Uniti, il Giappone e la Nuova Zelanda hanno espresso il loro sostegno affinché Taiwan si unisca all’Assemblea mondiale della sanità la prossima settimana, una riunione annuale dei membri dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

E questo non è adatto a Pechino.

La Cina considera l’isola come parte del suo territorio e ha impedito per anni di partecipare a molte istituzioni globali, rifiutando al contempo di avere relazioni diplomatiche con paesi che mantengono legami ufficiali con Taiwan.

Il presidente taiwanese Tsai Ing-wen arriva a una cerimonia di inaugurazione per l'ufficio investigativo sulla sicurezza informatica nella nuova città di Taipei il 24 aprile.

Taiwan, che non è membro dell’OMS, è entrato a far parte dell’OMS come osservatore dal 2009 al 2016, quando l’isola era governata dal Kuomintang (KMT), un paese amico di Pechino. Ma quando il separatista Progressive Democratic Party (DPP) è entrato in carica nel 2016, i legami sono andati in pezzi con Pechino, e da allora Taipei non ha aderito alla WHA.

“Siamo un anello vitale nella rete sanitaria globale”, ha dichiarato il presidente taiwanese Tsai Ing-wen. ha detto giovedì su Twitter. “Con un migliore accesso all’OMS, Taiwan sarebbe in grado di offrire maggiore aiuto nella lotta globale contro # COVID19”.
Chi sostiene che solo gli Stati membri decidono chi partecipa alla riunione dell’AMS e ha respinto le accuse secondo cui Taiwan è esclusa dalle sue discussioni sui coronavirus, evidenziando la sua collaborazione con scienziati e funzionari sanitari di Taiwan.

Ma poiché il virus offre a Taiwan una rara opportunità di rafforzare il suo profilo internazionale, Pechino ha accusato Taipei di spingere per l’indipendenza ufficiale e ha intensificato le esercitazioni militari in tutta l’isola. Ci sono state persino chiamate marginali in Cina per usare la pandemia come un’opportunità per invadere Taiwan.

Democrazia contro autoritarismo

Poiché il numero di nuove infezioni è diminuito in Cina e è aumentato all’estero negli ultimi mesi, i media statali hanno propagandato il successo di Pechino nella sconfitta del virus, evidenziando al contempo i fallimenti di altri governi nel contenerne la diffusione – specialmente gli Stati Uniti e le altre democrazie occidentali.

In Cina, questo ha scatenato l’affermazione che il suo sistema politico autoritario era superiore a quello delle democrazie liberali quando si trattava di combattere la pandemia.

In uno commento Alla fine del mese scorso, la televisione di stato CCTV ha salutato il sistema politico cinese come il suo “più grande vantaggio” nel superare l’epidemia. “La ferma leadership del Partito comunista cinese è la ragione più importante per la Cina per superare l’epidemia”, ha aggiunto.
La risposta del coronavirus a Taiwan è tra le migliori al mondo
Ma la risposta rapida e trasparente di Taiwan – con funzionari medici che tengono briefing giornalieri – dall’inizio della crisi è stata presentata come un esempio di come le democrazie possono anche eccellere per controllare le epidemie. Taiwan ha anche evitato il tipo di preclusione che ha caratterizzato la risposta in Cina e in molti altri paesi.

Inoltre, il governo cinese è stato criticato per la sua gestione iniziale dell’epidemia. Le autorità sono state accusate di mettere a tacere gli operatori sanitari che hanno cercato di sollevare l’allarme per il virus, minimizzare la gravità dell’epidemia e ritardare l’ammissione della trasmissione da uomo a uomo nelle prime fasi critiche.

Pechino ha ripetutamente rifiuto di illeciti, sebbene il sindaco di Wuhan, la città in cui è stato rilevato per la prima volta il virus, ha ammesso in un’intervista alla stazione televisiva pubblica CCTV a fine gennaio che gli avvertimenti della città non erano “sufficienti” e che il suo governo non aveva rilasciato informazioni sul coronavirus “in modo tempestivo”.
Oltre che attraverso i media statali, la Cina ha tentato di difendere la sua immagine attraverso inviati diplomatici. Ma il tono sempre più combattivo adottato da alcuni diplomatici cinesi su Twitter e oltre ha alimentato solo tensioni e critiche.
Un lavoratore vestito con una maschera disinfetta un parco per impedire la diffusione del coronavirus nella nuova città di Taipei il 9 marzo.

“Taiwan può aiutare”

Mentre la Cina ha cercato di aiutare i paesi donando dispositivi di protezione individuale (DPI) e altre forniture mediche, sono state poste domande sui motivi della sua cosiddetta “diplomazia mascherata”.

READ  Dopo che un ufficiale fu espulso, un residente nel Regno Unito fece 200 scudi per proteggere la polizia

A marzo, il capo della politica estera europea Josep Borrell ha avvertito della “componente geopolitica” della spinta del soft power di Pechino, affermando che l’Europa deve essere consapevole di una “lotta per influenza attraverso la filatura e la “politica di generosità” “.

Ministero degli affari esteri cinese ha detto il mese scorso che Pechino aveva fornito assistenza medica a 127 paesi e quattro organizzazioni internazionali e inviato 13 gruppi di esperti medici in 11 paesi.
Anche gli incidenti con forniture mediche cinesi difettose da parte di fornitori privati ​​hanno creato pubblicità negativa. A marzo, i Paesi Bassi hanno ricordato 600.000 maschere “difettose” acquistate da un produttore cinese, affermando che non erano adatte e che i loro filtri non funzionavano correttamente. La Spagna ha avuto un problema simile con molti kit di test “inaffidabili” ha comprato dalla Cina, che si è rivelato avere un basso livello di precisione.
La Cina ha esortato i paesi non “politicizzare” le preoccupazioni sulla qualità delle forniture mediche dopo gli incidenti.
Nel frattempo, gli sforzi di Taipei per aiutare i paesi colpiti dai coronavirus – sotto lo slogan “Taiwan può aiutarti“- sono stati accolti meglio.
Il mese scorso, il Ministero degli Esteri di Taiwan ha annunciato la donazione di 10 milioni di maschere agli Stati Uniti, all’Europa e ai suoi 15 alleati diplomatici ufficiali – principalmente piccoli stati nei Caraibi, nel Pacifico e ‘Africa – in un approccio che ha generato una notevole esposizione globale.
Come maschere stampate con le parole “Fatto in Taiwan“Arrivato a scatole contrassegnate con la bandiera rossa, blu e bianca dell’isola, i messaggi di ringraziamento sono arrivati ​​da alti funzionari negli Stati Uniti e in Europa.
“Durante i periodi difficili, i veri amici rimangono uniti”, ha dichiarato il segretario di Stato americano Mike Pompeo, descritto dai media statali cinesi come “il nemico del genere umano” per le sue continue critiche alla risposta di Pechino alla pandemia – tweeted il mese scorso, definendo “apertura e generosità” dell’isola nella lotta contro i coronavirus “un modello per il mondo”.
Anche il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen ringraziato pubblicamente Taipei, affermando che l’Europa ha apprezzato il “gesto di solidarietà”.
Un team della Taiwans Universal Incorporation, leader nella produzione di maschere, gestisce macchinari in uno stabilimento di Tainan, nel sud di Taiwan.

Posizione migliorata

Oltre a donare forniture mediche, Taiwan ha cercato di sviluppare partenariati bilaterali per combattere la pandemia – una decisione che ha attirato la rabbia di Pechino.

A marzo, gli Stati Uniti e Taiwan hanno rilasciato una dichiarazione congiunta impegnandosi a rafforzare la loro cooperazione nella lotta contro Covid-19, compreso lo sviluppo di kit di test, vaccini, farmaci e tecnologie di tracciamento dei contatti.
Ufficio cinese di affari di Taiwan CONSIDERATA è “una decisione spregevole e un complotto politico usare la pandemia di Covid-19 per ottenere l’indipendenza”, e ha accusato Taipei di “aver intrapreso un percorso ingiustificato di confronto con la madrepatria”.
UNA accordo simile tra Taiwan e la Repubblica Ceca in aprile ha anche scatenato a manifestazione da Pechino. E in India, il giornale indù segnalati questa settimana, Taiwan ha proposto un canale di comunicazione regolare con Nuova Delhi per “garantire la disponibilità di risorse mediche”.

Oltre alla cooperazione bilaterale, Taiwan ha raddoppiato la sua volontà di tornare alla riunione annuale dell’OMS.

READ  Europa positiva incoraggiata dal super Nasdaq, a Milano (+ 0,5%) corre Tim con la rete

Il 27 marzo, gli Stati Uniti hanno approvato una legge a sostegno della partecipazione di Taipei alle istituzioni internazionali e ai suoi sforzi per rafforzare i legami con altri paesi, e diverse nazioni sono generalmente diffidenti nei confronti della parte sbagliata di Pechino, in quanto Giappone, Canada e Nuova Zelanda, si sono espressi pubblicamente a favore del ritorno di Taiwan all’OMS.

Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha castigato la Nuova Zelanda per averlo fatto lunedì, chiedendole di “smettere immediatamente di fare false dichiarazioni su Taiwan per evitare di danneggiare i nostri legami bilaterali” . Pechino ha definito il tentativo di Taipei di unirsi alla WHA una “cospirazione politica”.

“Negli Stati Uniti, ci sono persone che supportano apertamente Taiwan per unirsi all’OMS”, ha detto un portavoce dell’ufficio cinese degli affari di Taiwan la scorsa settimana. “Stanno politicizzando i problemi di prevenzione delle epidemie e inviando un segnale gravemente sbagliato alle forze separatiste di Taiwan. Ci opponiamo risolutamente”.

Questa settimana il ministro degli Esteri neozelandese Winston Peters ha dichiarato che il Paese deve difendersi dopo che la Cina ha avvertito di sostenere la partecipazione di Taiwan all'OMS.

Jingoismo emergente

Crescono le tensioni tra gli stretti chiamate alimentate jingoistic in Cina per un’azione militare per “recuperare” l’isola.
Nelle ultime settimane, Pechino ha intensificato i suoi esercizi militari intorno a Taiwan, in particolare navigare due volte in un gruppo di battaglia guidato dalla prima portaerei del paese, Liaoning, in giro per l’isola ad aprile.

Sui social media e sulla stampa cinese, alcuni hanno invitato l’Esercito popolare di liberazione a trarre vantaggio dalla pandemia di invadere Taiwan, sostenendo che il momento non potrebbe essere migliore, gli Stati Uniti preoccupati per il coronavirus e il suo potere militari nella regione. schiacciato da un’epidemia sulla portaerei USS Theodore Roosevelt.

READ  L'R & B ha perso tre leggende questo fine settimana a Little Richard, Andre Harrell e Betty Wright

Tuttavia, la maggior parte degli osservatori concorda sul fatto che è improbabile che un simile atteggiamento sia accompagnato da un’azione ostile contro Taiwan.

Timothy Heath, ricercatore senior di RAND Corporation, un think tank americano, ha affermato che la debole economia cinese sta impedendo una simile decisione. L’epidemia di coronavirus ha causato l’economia cinese a ridursi del 6,8% nella prima metà di quest’anno, il peggior calo dall’inizio delle indagini trimestrali nel 1992.

“La Cina ha bisogno di accedere ai mercati (globali) una volta recuperata, ed è quindi nell’interesse della Cina mantenere buoni rapporti con gli Stati Uniti e il mondo”, ha affermato Heath. . “Un attacco sconsiderato a Taiwan non farebbe altro che aggravare le tensioni con Washington e potrebbe aumentare il rischio di sanzioni economiche e di altro tipo – potenzialmente paralizzando l’economia cinese”.

Ha aggiunto che anche se Pechino “si preoccupa molto di Taiwan”, il governo cinese si preoccupa ancora di più “del mantenimento della crescita economica che è alla base della regola del (Partito comunista)”.

source–>https://www.cnn.com/2020/05/15/asia/china-taiwan-coronavirus-ties-intl-hnk/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT