La Cina mobilita la macchina mediatica globale in guerra di parole contro i coronavirus

Ma il quadro è diventato ancora più confuso da un torrente di propaganda, teorie inaffidabili e deliberata disinformazione per vari motivi.

Sempre più esperti e funzionari governativi negli Stati Uniti e in Europa accusano la Cina – il primo paese colpito dal virus – di suscitare questa confusione e di provare a plasmare la storia attraverso le sue emittenti e pubblicazioni statali e sui social media.

La Cina sta cercando di diffondere tre messaggi principali sull’epidemia, secondo Rod Wye, un partner del think tank di Chatham House a Londra e un ex capo della ricerca asiatica presso il British Foreign Office.

“Non sono affatto desiderosi di esplorare le origini perché rivelano vere debolezze in ciò che hanno fatto”, ha detto a CNN Business.

In terzo luogo, ha affermato Wye, le autorità cinesi stanno cercando di “confondere” il modo in cui altri paesi hanno reagito. Fa parte di uno sforzo “per minare la credibilità di coloro che criticano la Cina e per rafforzare la credibilità della narrativa cinese”, ha aggiunto.

Naturalmente, la Cina non è la sola a diffondere informazioni confuse e contraddittorie sul virus. Il presidente Donald Trump ha condiviso affermazioni mediche discutibili, teorie originali non verificate, e i governatori degli stati attaccati sulle capacità di test dei coronavirus, commenti che sono stati amplificati dal megafono di media amichevoli come Fox News.
Ma la pressione di Pechino sul coronavirus sembra essere parte di uno sforzo maggiore negli ultimi anni diventare più aggressivo con i suoi messaggi all’estero, entrambi di catene tradizionali come le reti televisive e attraverso un uso più mirato dei social media, anche su piattaforme vietato in Cina lui stesso.
Come la disinformazione di Covid-19 è ancora virale
Lo sforzo è stato intensificato una guerra di parole tra la Cina e alcuni governi occidentali sul coronavirus.
Trump e il segretario di Stato Mike Pompeo hanno affermato che la Cina avrebbe potuto fare di più per prevenire la pandemia e ha suggerito, senza fornire prova, che il virus potrebbe provenire da un laboratorio di Wuhan. In un’intervista con Fox Business giovedì, Trump ha minacciato di rompere i legami con la Cina per la sua gestione del virus. In Australia, il Primo Ministro Scott Morrison ha chiesto una “valutazione indipendente di come è successo, in modo che possiamo imparare da esso e impedire che accada di nuovo”.
Le autorità cinesi hanno griglia “bugie” che secondo lui sono state fabbricate da politici e media americani per “incolpare la Cina per la sua inadeguata risposta a Covid-19”. Un caporedattore dei media statali cinesi chiamato Australia “Gomma da masticare attaccata alla suola delle scarpe cinesi.”
La Cina ha anche fermamente respinto le affermazioni che sta diffondendo disinformazione. In uno 11.000 parole da incolpare Tra le richieste americane trasmesse dai media statali questo fine settimana, il ministero degli Esteri cinese ha affermato che “la Cina è sempre stata aperta e trasparente nella pubblicazione di informazioni”.

“Alcuni politici, accademici e media americani ostili alla Cina continuano a diffamare e attaccare la Cina. La Cina è vittima di disinformazione”, ha detto il ministero.

Eroe cinese dei media statali

Uno dei modi in cui la Cina diffonde il suo messaggio è attraverso i media in lingua straniera finanziati dallo stato in tutto il mondo, compresi giornali come il China Daily e il Global Times e reti televisive come la China Global Television Network (CGTN).

La rete, che dice che ha personale più di 70 paesi e dentro 2019 Ampliato in Europa aprendo un ufficio di 30.000 piedi quadrati a Londra, impiega un mix di personale locale e cinese in tutti i suoi uffici. Come altri media pubblici, la CGTN diffonde una miscela di notizie sulla pandemia, così come i contenuti che alcuni dei suoi dipendenti chiamano “pura propaganda”.
Un attuale dipendente ed ex membro dello staff della CGTN, che ha parlato con la CNN Business a condizione di anonimato per paura di rappresaglie, ha affermato che mentre sono generalmente liberi di denunciare determinate questioni, altre sono considerate come vietato. E a volte, ha detto l’ex membro dello staff, sono scoppiate controversie tra dipendenti occidentali e loro superiori cinesi in segmenti relativi alle proteste di Hong Kong o ai campi di detenzione uiguri nello Xinjiang. (CGTN è stato costretto a farlo registrarsi come agente straniero negli Stati Uniti ed è attualmente sotto inchiesta da parte del regolatore dei media del Regno Unito per equità e imparzialità nella copertura delle proteste di Hong Kong).
Negli ultimi anni la Cina ha fatto un grande sforzo per espandere la propria presenza mediatica all'estero, utilizzando reti e social media tradizionali, comprese le piattaforme vietate a casa.

“La loro tesi sul coronavirus è che affermano che la Cina è stata aperta e trasparente. Sono le stesse cazzate politiche * Donald Trump o [UK Prime Minister] Boris Johnson l’ha fatto. Tutti hanno perso il primo mese su questo “, ha detto alla CNN Business l’attuale membro dello staff, un giornalista con sede negli Stati Uniti”. Certo, i cinesi sono più in grado di coprire le cose e scorrere fino a nuovi dettagli … ma quando lo fanno sono così pazzi, sono semplicemente orribili.

READ  Il CEO di Disney spiega perché è sicuro tornare a Disney World

Il CGTN non ha risposto alle richieste di commento.

Semplici resoconti sul numero di casi o nuovi trattamenti per il virus compaiono accanto a segmenti televisivi luminosi sulla risposta di successo della Cina al virus e sugli aiuti che invia in tutto il mondo. Gran parte della recente copertura di possibili fallimenti cinesi si è concentrata sulle critiche di altri paesi e su come le autorità cinesi si stanno respingendo.

Wye ha affermato che i media statali cinesi non stanno solo spingendo la “semplice propaganda”, ma piuttosto mescolando ciò che il pubblico occidentale considererebbe rapporti normali con segmenti più distorti, per renderlo più piacevole al mondo esterno. Per esempio, rapporti diretti sulle osservazioni del presidente Xi Jinping sulla lotta contro il coronavirus verranno portate pure pezzi luminosi su sua madre e la sua infanzia.

“Sì [the Chinese media] sta per essere influente, deve essere adattato alla società in cui stanno cercando di diffondere il messaggio “, ha detto Wye.” Quello che vogliono fare sempre di più è sia esprimere un forte discorso positivo per la Cina sia ridurre o indebolire la credibilità delle relazioni che non sono complementari a ciò che sta accadendo in Cina. “

Mettere in discussione le origini sui social network

Sui social media, un approccio più sinistro alle informazioni sulla Cina e sul coronavirus è in atto da settimane. I messaggi che mettono in dubbio le origini del virus, alcuni suggeriscono persino che sia stato creato dagli Stati Uniti, sono stati pubblicati da alcuni funzionari cinesi e poi ripetuti dai media statali cinesi.

UNA Tweeter dell’ambasciata cinese in Sudafrica mette in dubbio sull’idea che il virus sia iniziato in Cina.
E Zhao Lijian, un portavoce senior del Ministero degli Esteri cinese, è diventato famoso per i suoi commenti aggressivi su cinguettio ((TWTR), che è vietato in Cina.
Esclusivo: è stata falsamente accusata di aver iniziato la pandemia. La sua vita è stata sconvolta
A marzo Tweeterha suggerito che i militari statunitensi potrebbero aver portato il virus a Wuhan, una teoria della cospirazione che ha portato un riservista dell’esercito della Virginia a diventare il bersaglio di campagne diffamatorie online e attacchi. Il riservista era a Wuhan lo scorso ottobre come parte di una squadra di atletica militare americana.
Il tweet di Zhao ha provocato funzionari statunitensi chiamare Ambasciatore della Cina presso il Dipartimento di Stato.

Il ministero degli Esteri cinese ha difeso i tweet di Zhao.

READ  Almeno 101 casi di coronavirus collegati a un cluster di locali notturni in Corea del Sud

“Se continui a incolparlo solo per aver citato la parola” potrebbe “, allora che dire del presidente, del vicepresidente, del segretario di stato, del portavoce del dipartimento di Stato e alcuni legislatori, che hanno accusato falsamente il virus di provenire da un laboratorio di Wuhan, affermando che il virus è stato creato da esseri umani o è trapelato? Li hai mai messi in discussione? “, Ha detto il portavoce Il portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying, ha dichiarato in una conferenza stampa la scorsa settimana.

I giornalisti statunitensi hanno contestato l’amministrazione Trump per il reclamo e non hanno ricevuto prove a sostegno.

Ma non è solo l’amministrazione americana che punta il dito.

UNA rapporto rilasciato il servizio di azione esterna dell’Unione europea il mese scorso ha scoperto che la Cina e la Russia “hanno continuato a colpire storie di cospirazione e disinformazione ampiamente sia al pubblico dell’UE che del vicinato in generale”. Il rapporto ha anche trovato “prove di una spinta coordinata da parte di fonti ufficiali cinesi per deviare ogni colpa per lo scoppio della pandemia”.
L'UE ammette di aver permesso alla Cina di censurare l'editoriale degli ambasciatori di blocco
Funzionari dell’UE ha dovuto negare le notizie di molti prese elettriche che la formulazione della sua indagine fosse stata allentata sotto la pressione della Cina. Pochi giorni dopo, funzionari dell’UE ammesso che hanno permesso il governo cinese ha censurato un pezzo di opinione degli ambasciatori dell’UE in Cina, pubblicato sul China Daily, eliminare un riferimento all’origine dell’epidemia di coronavirus e alla sua diffusione in tutto il mondo.

“Il vantaggio di questo tipo di disinformazione non è solo la credibilità, è la credibilità di tutti che è compromessa da tutto ciò, quindi è molto difficile stabilire una chiara spiegazione di come tutto è iniziato “, ha detto Wye di Chatham House.

Sfumare le acque

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato di aver trovato prove che una rete di agenti cinesi aveva diffuso false informazioni sui coronavirus online sulle origini del virus e sulla risposta degli Stati Uniti.

Il mese scorso, agenzie di intelligence americane nominale Agenti cinesi hanno contribuito a diffondere messaggi inesatti sulla risposta degli Stati Uniti alla pandemia sui social media e sulle piattaforme di testo, incluso quello che ha affermato che il presidente Trump sta emettendo un divieto nazionale.
L'UE afferma che i media pro-Cremlino tentano di diffondere

Lea Gabrielle, capo del Global Engagement Center del Dipartimento di Stato – che coordina gli sforzi per esporre disinformazione e propaganda straniere – ha dichiarato ai giornalisti la scorsa settimana che i conti dei social media cinesi collegati al governo hanno suscitato “preoccupazioni” discutibile per quanto riguarda i laboratori di biosicurezza finanziati dagli Stati Uniti nel primo. Unione Sovietica, “principalmente per cercare di distogliere l’attenzione dalle preoccupazioni sui laboratori di Wuhan”.

READ  Anthony Levandowski: eseguito un veicolo autonomo Uber condannato a 18 mesi di prigione

Altri resoconti legati al governo cinese hanno spinto “messaggi positivi” sulla risposta del coronavirus di Pechino, ha detto, “per comunicare che solo il [People’s Republic of China’s] la gestione delle crisi è un modello per gli altri e che la RPC è superiore. ”

Gabrielle ha dichiarato che il suo team ha trovato prove del fatto che questi sforzi sono stati supportati da una rete di account coordinati non autorizzati su Twitter.

La piattaforma di social media detto alla CNN la scorsa settimana, il suo esame iniziale di parte dei conti comunicati dal Dipartimento di Stato non ha sostenuto tali affermazioni. Secondo Twitter, molti degli account tendono ad essere di proprietà di entità governative, organizzazioni non governative e giornalisti.

In risposta alle accuse del Dipartimento di Stato, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao ha sottolineato la risposta di Twitter e ha detto ai giornalisti mercoledì che “la Cina è ancora contraria alla creazione e alla diffusione di false informazioni. I rapporti secondo cui la Cina ha pubblicato disinformazione su Twitter sono privi di fondamento “.

Successo dubbio

La campagna cinese contro i coronavirus sembra aver finora avuto un successo misto.

Un sondaggio in Italia pubblicato il mese scorso scoperto che per la prima volta gli italiani si rivolgono più alla Cina che agli Stati Uniti come potenziale partner internazionale.
La Cina risponde alle cosiddette

Ma i media statali cinesi hanno visto gli inserimenti di contenuti a pagamento cancellati da influenti giornali. Un portavoce del New York Times ha detto alla CNN Business di aver smesso di pubblicare annunci pubblicitari che avrebbero dovuto apparire come articoli di giornale.

Anche il Regno Unito Telegraph ha smesso di prendere tali parti e le ha rimosse dal suo sito Web, secondo The Guardian, incluso un articolo intitolato “Perché alcuni descrivono gli eroici sforzi della Cina per fermare i coronavirus come disumani?” Il telegrafo non ha risposto a una richiesta di commento.
UNA sondaggio condotto da Pew a marzo e pubblicato il mese scorso, ha rivelato che circa due terzi degli americani hanno ora un’opinione negativa sulla Cina, la percentuale più alta registrata da quando il centro di ricerca ha iniziato a porre la domanda nel 2005.

Un think tank affiliato al Ministero della Sicurezza dello Stato cinese ha pubblicato un rapporto il mese scorso secondo cui il sentimento anti-cinese nel mondo è ai massimi livelli dalla repressione di Piazza Tiananmen nel 1989, secondo Reuters.

Bill Bishop, redattore della newsletter del Sinocismo e osservatore di lunga data della diplomazia cinese, ha dichiarato alla CNN Business che i cinesi hanno fatto arrabbiare molti paesi occidentali come Australia, Francia e Stati Uniti con le campagne. disinformazione e teorie discutibili lanciate dai loro diplomatici.

“In un certo senso, dovremmo semplicemente andarcene [the Chinese] parlare e lasciare che i fatti parlino da soli “, ha detto.” Al momento, la Cina sta davvero scavando il proprio buco in molti modi. A volte è meglio permettere alle persone di scavare. “

Steven Jiang ha contribuito al rapporto.

source–>https://www.cnn.com/2020/05/15/media/china-coronavirus-global-media/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT